La tua ricerca ha prodotto 2 risultati per asgp:

Tangenti, la preoccupazione di Cantone

Milano Tangenti, la preoccupazione di Cantone Il presidente dell’Autorità nazionale anticorruzione, in largo Gemelli per un convegno, a fronte del pericolo di una nuova Tangentopoli, definisce quella della Procura di Milano «un’indagine molto seria e delicata». by Emanuela Gazzotti | 16 maggio 2019 «L’indagine che in questo momento sta facendo la Procura di Milano è un’indagine molto seria e delicata ma non mi pare che sia prodromica a far emergere fatti ancora ulteriori che vadano al di là del fatto specifico. Certo ho letto dai giornali che ci sono una serie di imprenditori che si sono precipitati a confessare. Risponde così Raffaele Cantone , presidente dell’Autorità Nazionale Anticorruzione, alla domanda se i fatti che hanno riempito le cronache dei giorni scorsi lasciano presagire l’avvento di una nuova Tangentopoli. Il presidente Anac è intervenuto oggi all’interno della tavola rotonda “Le ragioni e le funzioni di un’Autorità Anticorruzione” a chiusura della terza edizione del corso di perfezionamento “Anticorruzione e trasparenza”, promosso dall’Alta Scuola Federico Stella sulla giustizia penale dell’Università Cattolica. All'interrogativo su come equilibrare il controllo della corruzione e l’eccesso di burocrazia, Cantone ha dichiarato che «questo è oggettivamente il tema più difficile. Nella pratica quando si declinano correttamente questi meccanismi l’individuazione del giusto mezzo è difficilissimo, nel senso che l’eccesso di burocrazia certamente è un danno e per paradosso finisce per favorire la corruzione.

 

Le regole e la vita, il nuovo e-book gratuito di Vita e Pensiero

LIBRI Le regole e la vita, il nuovo e-book gratuito di Vita e Pensiero Nuova iniziativa della casa editrice dell'Ateneo che pubblica in formato elettronico il libro del professor Gabrio Forti , direttore dell'Alta Scuola “Federico Stella” sulla Giustizia Penale 04 maggio 2020 Terzo e-book gratuito per Vita e Pensiero. Del buon uso di una crisi , tra letteratura e diritto di Gabrio Forti , direttore dell' Alta Scuola “Federico Stella” sulla Giustizia Penale . Il libro nasce dalla spe­ranza che l'ASGP avesse un ‘modo’ per parlare al Paese e alla comunità accademica del problema immane della pandemia che stiamo affrontando tutti insieme, per prepararci con consapevolezza e determinazione alle grandi sfide che ora si stanno profilando. Il che vuol dire che tutti debbano sentirsi interpellati a testimoniare il proprio ‘modo’ di superare le difficoltà, avendo la consapevolezza che se ne potrà uscire solo tut­ti insieme. Potremmo anche dire: per parlare al Paese pensando alle nuove generazio­ni, il cui futuro riceverà da questa pandemia una svolta inaudita, che solo con un grande impegno collettivo potrà essere indirizzata verso condizioni in grado di accoglier­ne e valorizzarne il patrimonio di intelligenza, impegno e passione. La luce è lontana e rischiamo tutti, come individui e co­munità, di illuderci che i nostri latrati, magari rivolti rab­biosamente contro qualcuno, ci permettano di compensare la impotenza cognitiva e la perdita di controllo sull’am­biente e sulla natura che ci inquietano. Traiamo da questa immagine la rivelazione folgorante dei meccanismi illusionistici, perversi e dia-bolicamente divisivi, che incombono sul nostro presente e, soprattut­to, sul nostro futuro, magari nella forma di digrigni guer­reschi e accusatori, delle ostentazioni di forza e dei segni antichi della potenza sovrana.

 
Go top