La tua ricerca ha prodotto 2 risultati per assistentipastorali:

Quel che manca alla globalizzazione

Seminario di studio Quel che manca alla globalizzazione Elaborare un pensiero transdisciplinare per combattere la frammentarietà che si è manifestata in modo incredibile nel tempo della pandemia. Ed è il ruolo delle università per un patto educativo globale emerso dal webinar che ha chiuso il Seminario di studio promosso dal Centro pastorale dell’Università Cattolica, rivolto ai 56 tra docenti di Teologia e assistenti pastorali dei cinque campus dell’Ateneo. La prospettiva dentro cui si muove questo dialogo è quello più ampio del patto educativo globale lanciato da papa Francesco, che sarà celebrato il 15 ottobre con un evento multimediale», ha esordito l’assistente ecclesiastico generale dell’Università Cattolica monsignor Claudio Giuliodori . Quello che mi ha colpito, leggendo l’indagine, è il sentimento di frustrazione dei giovani che vivono nelle parti meno sviluppate» e quel senso di incapacità di «poter incidere sul miglioramento della loro realtà sociale». Eppure, ha aggiunto lo storico, «ci troviamo di fronte a una globalizzazione profondamente incompiuta da un punto di vista politico, economico, spirituale» nel senso che viviamo una «frammentarietà incredibile» che si è manifestata in tutta la sua pienezza nel modo in cui abbiamo reagito alla pandemia. Un compito che, secondo il rettore Franco Anelli, possono adempiere solo se il «capitale umano che devono creare non è più declinato in relazione a qualcosa che serve», fatto di skill che sono tali in quanto utili. L’Ateneo dei cattolici italiani da un secolo al servizio del Paese, di ieri, di oggi e di domani , questo il titolo dell’iniziativa che si è aperta lunedì 14 settembre, in presenza e nel rispetto delle norme di distanziamento, nell’Aula Magna dell’Università Cattolica.

 

Delpini ai teologi: “Siate animatori di una comunità che assuma la propria identità”

Teologia Delpini ai teologi: “Siate animatori di una comunità che assuma la propria identità” Ha preso il via il Seminario di studio che riunisce i docenti di Teologia e gli assistenti pastorali. Sono questi i temi che hanno fatto da sfondo al Seminario di studio promosso dal Centro pastorale dell’Università Cattolica e rivolto ai docenti di Teologia e agli assistenti pastorali dei cinque campus dell’Ateneo (Milano, Brescia, Piacenza-Cremona, Roma). L’Ateneo dei cattolici italiani da un secolo al servizio del Paese, di ieri, di oggi e di domani , questo il titolo dell’iniziativa che si è aperta lunedì 14 settembre , in presenza e nel rispetto delle norme di distanziamento, nell’ Aula Magna dell’Università Cattolica . Ha anche imposto di parlare solo di protocolli e cautele», ha osservato l’arcivescovo di Milano monsignor Mario Delpini , aprendo i lavori del Seminario di studio dei docenti di Teologia e degli assistenti pastorali. Anche la teologia «è esposta alla tentazione di essere funzionale a una domanda che riguarda il futuro inteso come una problematica di organizzazione, invece che come un deserto da attraversare per giungere alla terra promessa». I docenti di teologia hanno «forse la possibilità di essere animatori di una comunità accademica che renda possibile all’Università Cattolica di assumere, praticare, esibire in modo convincente la sua identità, la sua proposta culturale». Di qui il ruolo del “patto educativo globale”, proposto da Papa Francesco, e che sottolinea tre aspetti fondamentali – ripartire dalla persona, ripensare il pensiero, sviluppare la solidarietà – che «possano costituire linee guida per una istituzione come l’Università Cattolica che celebra il Centenario».

 
Go top