La tua ricerca ha prodotto 1 risultato per burundi:

La startup che nutrirà l’Africa

Ci rivolgiamo direttamente ai brand che hanno intenzione di spendere - spiega Federica, la mente di questa idea, realizzata insieme a Cristian di Lello e Matteo Pessina –. Con uno sguardo anche alle imprese cosmetiche: «I brand avranno un profilo premium che offre una vetrina di prodotti, spazi pubblicitari e molto altro». Come spiega Arianna, una dei tre ideatori, il mercato di riferimento è quello della distribuzione automatica, ma non solo: «Proporremo il nostro liofilizzato, totalmente naturale, senza conservanti né coloranti, ai gestori di vending». Si tratta di André Ndereyimana (nella foto in alto insieme a Federica Ortalli e Claudio Stefani) , un 33enne originario del Burundi, ma anche marito e padre di una bambina di tre anni. Il suo progetto vincitore, Burundi Smallholders’s livestock network ( guarda la presentazione ) , si propone di costruire una catena agroalimentare specializzata nella produzione, nella trasformazione e nella commercializzazione di alimenti di origine animale , tramite una rete capillare di produttori familiari rurali e peri-urbani . Il nostro obiettivo per il futuro è ridurre le carenze proteiche nella popolazione del mio Paese , quindi la malnutrizione dei bambini , delle mamme allattanti e anche di quelle gravide tramite l’offerta di alimenti trasformati e che rispettino gli standard di qualità nutrizionale, sensoriale e igienico-sanitaria ». Nato in Burundi, dove ha vissuto per 15 anni in guerra, André ha studiato agraria e tecnologie agroalimentari a Viterbo, ha lavorato nella cooperazione internazionale per 3 anni a livello delle Ong locali in Burundi per poi tornare nella città laziale e fare il consulente a distanza.

 
Go top