La tua ricerca ha prodotto 5 risultati per businessgame:

Business Game, un gioco da grandi

Dopo l’apertura dei lavori, con il saluto di Manuela S. Macinati , Ordinario di Economia aziendale e Coordinatore inter-sede della Facoltà di Economia dell'Università Cattolica, sono stati presentati i servizi e i percorsi di carriera da Annalisa Savini , Simona Ferrara e Elio Tartaglia della divisione Audit &; Assurance di Deloitte SpA. Si è quindi aperto il Business Game con gli studenti divisi in diversi gruppi di lavoro, ciascuno dei quali ha ricevuto un bilancio d’esercizio senza l’indicazione dell’impresa e il relativo settore di appartenenza. I gruppi di lavoro hanno applicato le tecniche e strumenti riferibili all’analisi di bilancio sui dati e hanno poi discusso i risultati nella fase finale di confronto con i manager di Deloitte. economia #businessgame #stage #aziende Facebook Twitter Send by mail Print.

 

L’Oréal, il team Unicatt vola a Parigi

BUSINESS GAME L’Oréal, il team Unicatt vola a Parigi Grazie a un prodotto gel in capsule per viso, mani e corpo Arianna, Jacopo e Alessandro, della magistrale di Management per l’impresa di Economia, hanno vinto la finale italiana di Brandstorm e ora sfidano 95mila concorrenti in Francia. È l’idea innovativa che ha consentito al team Arjal dell’Università Cattolica di aggiudicarsi la finale nazionale di Brandstorm, il business game internazionale promosso dal colosso francese della cosmesi L’Oréal. È la seconda vittoria consecutiva di una squadra dell’Ateneo, dopo quella registrata lo scorso anno sempre con un gruppo di studenti della laurea magistrale in Management per l’impresa della facoltà di Economia . Per la finale nazionale del 26 aprile, L’Oréal Italia ha coinvolto per la seconda volta un partner d’eccezione, H-Farm, piattaforma di innovazione quotata all’Aim di Borsa Italiana, in grado di supportare la creazione di nuovi modelli d’impresa e la trasformazione ed educazione delle aziende italiane in un’ottica digitale. Anche quest’anno i finalisti dell’edizione italiana hanno avuto una grande opportunità di confrontarsi con i professionisti di H-Farm (ndr. piattaforma di innovazione quotata all’AIM di Borsa Italiana) che hanno aiutato ragazzi a pensare in modo ancora più innovativo e digitale. L’Oréal per questa edizione ha reinventato il concept trasformando il business game in un incubatore di innovazione per talenti e progetti per permettere agli studenti di andare oltre l’esperienza di calarsi nei panni di un collaboratore L’Oréal e di trasformare in realtà le loro idee innovative. Il business game dell’Oréal da anni rappresenta un’occasione unica dal punto di vista formativo perché consente agli studenti di confrontarsi con sfide di business reali e interagire con i manager dell’impresa a livello nazionale e internazionale» ha osservato la professoressa Roberta Sebastiani.

 

Assicuratori (quasi) per gioco

MILANO Assicuratori (quasi) per gioco Realizzare un vero e proprio piano assicurativo aziendale è il mandato del business game che mette in competizione gli studenti del corso di Mercati e prodotti assicurativi di Scienze bancarie. giugno 2017 Vestire per tre mesi i panni di “consulente” e realizzare un vero e proprio piano assicurativo aziendale. In che cosa consiste il business game ? «La prima tappa è illustrare durante una lezione del corso come funziona una specifica azienda metalmeccanica, la tipica azienda medio-piccola italiana», spiega il professor Marazzi. Gli studenti, divisi in squadre e in competizione tra loro per redigere il miglior programma – aggiunge il docente –, per tutto il periodo del percorso, della durata di tre mesi, sono affiancati dai brokers dell’Aiba, incontrano assicuratori e ottengono una “vera” quotazione su cui ragionare. Si cerca, in questo modo, di ripercorrere e far “respirare” quello che avviene giornalmente nel mercato assicurativo». Un’attività talmente apprezzata che quest’anno ha raggiunto il record di partecipanti con 12 squadre in gara. businessgame #assicurazioni #aziende Facebook Twitter Send by mail Print.

 

Economia, Business Game per futuri HR Specialist

Roma Economia, Business Game per futuri HR Specialist Mercoledì 20 marzo una simulazione a squadre con gli studenti del Corso di laurea in Management dei Servizi, futuri leader d’azienda. Gli studenti, divisi in 6 gruppi, hanno analizzato 3 differenti profili di ipotetici ‘candidati’ alle prese con la ricerca della prima occupazione, cimentandosi nel disegno della candidate experience più idonea a ciascun profilo. Il “gioco” ha così permesso di riflettere e discutere circa le aspettative rispetto agli employers, le tecniche di ricerca attiva di stage e lavoro, gli strumenti e le competenze necessarie per superare con successo le selezioni. Al termine del lavoro a squadre, ogni gruppo ha presentato in plenaria la soluzione di candidate experience formulata. economia #businessgame #risorseumane #management Facebook Twitter Send by mail Print.

 

Manager per un giorno con il business game di ALDI

Piacenza Manager per un giorno con il business game di ALDI 48 studenti di Economia della Cattolica di Piacenza presso la sede veronese della multinazionale della GDO. Per gli studenti dell’Università Cattolica di Piacenza questa volta la realtà aziendale con la quale confrontarsi non è simulata, ma reale. Così ALDI, ha chiesto lo scorso febbraio a otto gruppi di giovani di mettersi alla prova per studiare il mercato della GDO e delle marche dei distributori (MDD) e per proporre idee innovative e creative utili a migliorare l’offerta di ALDI in Italia. Dietro l’offerta di ogni supermercato ci sono tante leve di valore: oggi le persone sono meno inclini ad acquistare in modo acritico. Un’attività di formazione che ha collegato la teoria alla pratica: gli autori delle analisi giudicate più interessanti avranno l’opportunità di trascorrere un’intera giornata confrontandosi con il mondo ALDI, affiancando il reparto Vendite sotto la guida di un Area Manager dell’azienda. Saranno anche coinvolti nelle attività dei buyer, partecipando a una degustazione di prodotti e alla selezione di nuovi fornitori. Un’occasione unica per gli studenti che hanno visitato la Direzione Regionale di ALDI e uno stimolo per l’azienda che crede nello scambio di know how e nel dialogo con le comunità ove è presente.

 
Go top