La tua ricerca ha prodotto 2 risultati per cittadini:

Politica, l’urlo che sale dal basso

Ce lo dicono, con due linguaggi diversi, due fatti venuti alla ribalta in questi ultimi giorni. Da un lato l’ultimo rapporto Censis, secondo il quale quasi un italiano su due (48%) spera nell’arrivo di un "uomo forte" che, senza preoccuparsi troppo del Parlamento e delle elezioni, riesca a mettere le cose a posto. Si tratta certamente di un dato preoccupante, segno di una diffusa stanchezza nei confronti della democrazia. Quasi che si cominciasse a disperare di poter trovare la via per mettere un po’ d’ordine in un mondo che sembra scivolare nel caos. Un punto di esasperazione rispetto a classi dirigenti che dimostrano, ormai quotidianamente, una palese inadeguatezza nel gestire le sfide della vita comune. In un modo del tutto diverso, anche tra le Sardine che hanno riempito le piazze in questi giorni si ritrova la stessa domanda di politica che non trova interlocutori. docente di Sociologia alla facoltà di Scienze politiche e sociali dell'Università Cattolica, campus di Milano [continua a leggere su Avvenire] Foto in alto: Edvard Munch, L'utlo (particolare) #politica #censis #cittadini Facebook Twitter Send by mail Print.

 

Salute, la parola ai pazienti

Roma Salute, la parola ai pazienti All’Alta Scuola di Economia e Management dei Sistemi Sanitari la quarta edizione del Corso sul Patient Advocacy Network rivolto alle associazioni per il coinvolgimento dei cittadini nei processi di valutazione e decisione. maggio 2018 Parte oggi a Roma la quarta edizione del Patient Advocacy Network, un’iniziativa formativa rivolta alle Associazioni di Pazienti e organizzata dall’Alta Scuola di Economia e Management dei Sistemi Sanitari (ALTEMS) dell’Università Cattolica del Sacro Cuore, con il supporto incondizionato di AstraZeneca. La tendenza è, dunque, quella di dare sempre più spazio all’ascolto dei pazientinella costruzione delle evidenze scientifiche e nelle decisioni regolatorie che ne conseguono. pazienti #cittadini #salute #associazioni Facebook Twitter Send by mail Print LA VOCE DEI PAZIENTI “È fondamentale tenere in considerazione il bisogno del paziente come prioritario, sia nel disegno dei trial clinici sia nella valutazione dei loro risultati. È per questo che il coinvolgimento delle Associazioni dei Pazienti deve essere strutturato e diventare una costante legata a tutto il ciclo di vita del farmaco”, ha dichiarato Patrizia Popoli, Direttore del Centro FARVA, Centro nazionale ricerca e valutazione preclinica e clinica dei farmaci, Istituto Superiore di Sanità (ISS). “Da sempre AstraZeneca promuove in maniera concreta il ruolo dei pazienti e la loro inclusione nei processi decisionali che riguardano il futuro del sistema salute” conclude Andrea Musilli, Government Affairs &; Patient Advocacy Director di AstraZeneca Italia. “Ecco perché dare continuità a progetti come questo è per noi fondamentale affinché il coinvolgimento dei pazienti diventi autentico e sistematico”.

 
Go top