La tua ricerca ha prodotto 11 risultati per covid-19:

#eCatt, le risorse per continuare a studiare nella fase 2

Fino alla fine del secondo semestre, dunque, lezioni e seminari, esami di profitto e prove finali delle tesi di laurea e di dottorato proseguiranno nelle modalità utilizzate finora . Tutte le informazioni dettagliate sullo svolgimento della prova finale e degli esami sono riportate nell’ apposita pagina del sito Unicatt. In particolare, gli esami di profitto continueranno a tenersi da remoto ed eventuali modalità specifiche saranno comunicate dal preside, per l’intera facoltà, o dai professori, per i singoli appelli. Salvo diverse disposizioni, i calendari accademici sono confermati, così come il ricevimento studenti che continuerà a svolgersi a distanza. Per i dettagli, si può consultare la pagina dedicata delle biblioteche dei diversi campus: Milano , Brescia , Piacenza-Cremona e Roma . Ricordiamo, inoltre che, per “navigare” tra le risorse elettroniche della biblioteca, spesso organizzate in grandi quantità all’interno di piattaforme editoriali complesse, si è scelto di utilizzare LibGuides , lo strumento informativo online più diffuso a livello mondiale tra le biblioteche accademiche e gli editori scientifici. Altri servizi fondamentali, come Polo studenti, librerie, stage e placement, orientamento, area internazionale, attività post laurea , continueranno a essere garantiti da remoto, salvo indifferibili esigenze che richiedano la presenza fisica, da gestire esclusivamente su appuntamento.

 

Dai chiostri alle stampanti 3D: le visiere anti-Covid di Arianna

CORONAVIRUS Dai chiostri alle stampanti 3D: le visiere anti-Covid di Arianna Con il progetto “We Can Help” la studentessa di Beni Culturali assieme ai suoi amici ha già assemblato oltre un migliaio di protezioni per aiutare a combattere la pandemia 28 aprile 2020 «Come posso rendermi utile in questa emergenza?». Da una semplice domanda Arianna Molinari , studentessa di Scienze dei Beni Culturali nella sede di Milano, ha fatto nascere con i suoi amici una realtà che sta aiutando Varese e il suo territorio a fronteggiare la crisi sanitaria. Si chiama “We Can Help”: sono una decina di ragazzi che con le loro stampanti 3D producono visiere per il personale sanitario impegnato in prima linea nella lotta all’epidemia che ha bloccato il mondo. L’idea è nata dalla stampante 3D che Arianna ha fatto a Nicolò Broggin i, il suo ragazzo nonché giovane ingegnere meccanico. La scintilla è stato un servizio al telegiornale che raccontava della possibilità di stampare visiere; rimboccarsi le maniche è stata una conseguenza praticamente automatica. È un bel mix: ingegneri, fisioterapisti, matematici e un altro studente Unicatt, Andrea Menon , studente di Linguaggi dei Media che ha scelto di unirsi al gruppo dopo aver perso suo padre a causa del Coronavirus. Avevo da un po’ l’idea di fare una donazione ma mettermi in gioco in prima persona, vedere che gli oggetti che facciamo aiutano concretamente chi combatte il virus è una cosa che riempie il cuore».

 

#Viciniadistanza, così le università italiane reagiscono alla crisi

COVID-19 #Viciniadistanza, così le università italiane reagiscono alla crisi Il mondo accademico del nostro Paese ha saputo adattarsi e affrontare l'emergenza Coronavirus: per tornare rinnovato, più forte e con più strumenti di prima. Il video della CRUI 24 aprile 2020 Gli atenei italiani non si sono piegati all'emergenza Coronavirus. E lo hanno dimostrato con una clip realizzata dalla CRUI , la Conferenza dei Rettori delle Università Italiane , per dimostrare come il mondo accademico del nostro Paese, grazie alla didattica a distanza, ha saputo affrontare la crisi causata dalla pandemia. Perché l'università è una comunità sociale fatta di menti, di persone, di relazioni che si sono sapute adattare attingendo alla propria creatività con l'obbligo morale di continuare a essere una comunità. “Per continuare a stare vicini, a distanza. E tornare rinnovati, più forti di prima e con più strumenti di prima” #crui #coronavirus #covid-19 #ecatt Facebook Twitter Send by mail Print.

 

#eCatt, our resources to continue your studies in Phase 2

Therefore, until the end of the second semester, lectures and seminars, exams and graduation sessions as well as doctoral theses will continue remotely . All detailed information on the conduct of the final exams and course exams can be found on the Unicatt website here . In particular, the exams will continue to be held remotely and any specific modalities will be communicated by the Dean, for the entire faculty, or by the professors, for each exam session. For details, you can consult the dedicated page of the libraries of the different campuses in Milan , Brescia , Piacenza-Cremona and Rome . We also remind you that, in order to "navigate" through the library's electronic resources, often organized in large quantities within complex publishing platforms, we have chosen to use LibGuides , the most widespread online information tool in the world among academic libraries and scientific publishers. Other fundamental services, such as Student Services, libraries, internships and placement, orientation, international area, post-graduate activities , will continue to be guaranteed remotely, except for unavoidable needs that require physical presence, to be managed exclusively by appointment. didattica #esami #lauree #covid-19 Facebook Twitter Send by mail Print.

 

Papa Francesco ha ricevuto in Udienza il Rettore Franco Anelli

ATENEO Papa Francesco ha ricevuto in Udienza il Rettore Franco Anelli Il Rettore ha invitato il Santo Padre a Milano in Università Cattolica per il centenario del prossimo anno 28 marzo 2020 Questa mattina il Rettore dell’Università Cattolica professor Franco Anelli è stato ricevuto in Udienza da Papa Francesco . Il Rettore ha quindi informato Papa Francesco su quanto l’Universita’ Cattolica intende fare per l’imminente centenario in calendario il prossimo anno, invitando per l’occasione a Milano il Santo Padre nella sede di Largo Gemelli 1. papa francesco #rettore #franco anelli #covid-19 #centenario Facebook Twitter Send by mail Print.

 

Coronavirus, una task force contro le fake news

COVID-19 Coronavirus, una task force contro le fake news Istituita dal Sottosegretariato alla Presidenza del Consiglio e formata da otto esperti avrà il compito di fornire ai cittadini i criteri per riconoscere le fonti autorevoli. Per questo motivo il Governo ha deciso di istituire un' Unità di monitoraggio per il contrasto della diffusione di fake news relative al Covid-19 sul web e sui social network . A comporla otto esperti, provenienti prevalentemente dal mondo accademico e del giornalismo, tra cui figura anche il professor Ruben Razzante , docente di Diritto della comunicazione del nostro Ateneo. “Si tratta di un gruppo di lavoro molto agile –spiega il prof. Razzante - che vuole semplicemente inquadrare il fenomeno delle fake news in ambito emergenza Covid-19. Il nostro incarico si svolge sotto l'egida del Sottosegretariato alla Presidenza del Consiglio che divulgherà attraverso i suoi canali istituzionali il lavoro della task force attraverso comunicazioni periodiche alla collettività. “Ci occuperemo – precisa Razzante - delle fake news che rischiano di avere un impatto sui comportamenti dei cittadini rispetto alle misure di contenimento e che quindi possono avere un riflesso diretto sulla salute delle persone: il virus dell'infodemia fa paura tanto quanto della pandemia. Tutto ciò che si occupa di come è successo, perché è successo e di chi ha responsabilità sono cose che riguardano la politica e noi non siamo assolutamente una squadra politica.

 

Prendiamoci tempo, tempo della memoria

In particolare i morti, i tanti, tantissimi morti di questo tempo, sono nonni, genitori, figli, fratelli o sorelle, vicini di casa, amici, conoscenti, estranei di cui non sappiamo nulla, ma che fanno parte della nostra vita, della nostra storia. Sentiamoci tutti diminuiti, deprivati, più poveri e più soli per la morte di queste persone e prendiamoci il tempo per piangerle, per dedicare loro un pensiero, per pregare per loro, per riflettere, per fare memoria del loro lascito che è nostro comune patrimonio. Patrimonio vuol dire dono del padre, cioè di chi ha la responsabilità ultima, di chi ha la statura umana per rispondere: è un patrimonio di vita, di conoscenza, di affetto, di quotidianità e di unicità, di debolezza e di coraggio che tutti, perdendo loro, abbiamo perso. Non passiamo oltre frettolosamente, ricercando solo la quotidianità rassicurante - e a volte un po’ ottusa - di ieri: facciamo tesoro di questa esperienza di dolore e di coraggio. Non dimentichiamo le nocche screpolate e sanguinanti dei medici e degli infermieri per i troppi lavaggi con i detergenti acidi, le piaghe formate dalla mascherina messa e mai più tolta, la sinusite dovuta alla fatica di respirare sotto il casco di protezione di chi cura i malati. Ricordiamoci dei giovani che, non incoscientemente, ma del tutto consapevoli ci hanno dato una grande lezione di coraggio, stando vicino alle persone per curarle, degli adulti che non si sono sottratti al loro compito per gli altri, degli anziani che hanno condiviso conoscenze e offerto saggezza e compagnia. docente di Sociologia delle comunità e Sociologia delle relazioni educative, facoltà di Scienze della formazione , campus di Milano #tempo #coronavirus #covid-19 #memoria Facebook Twitter Send by mail Print.

 

“Ingaggiare” i cittadini per renderli più consapevoli

CORONAVIRUS “Ingaggiare” i cittadini per renderli più consapevoli Una ricerca degli psicologi di EngageMinds Hub ha studiato l’adesione degli italiani alle misure di contenimento di Covid-19. È il primo quadro che emerge dalla ricerca condotta dal Centro di Ricerca EngageMinds Hub nell’ambito del progetto Craft- Cremona Agri-Food Technologies e della Facoltà di Scienze agrarie alimentari e ambientali. L’indagine ha inteso mappare le principali reazioni degli italiani all’emergenza Covid-19 in relazione alla loro capacità di “engagement”, cioè all’attitudine dimostrata nell’elaborare psicologicamente le preoccupazioni legate allo stato di emergenza e di assumere un ruolo proattivo e collaborativo nel processo preventivo. In particolare il centro EngageMinds Hub ha validato un modello psicologico di valutazione dell’“engagement” (definito People Health Engagement Model**) capace di predire le reazioni psicologiche dei cittadini e di spiegarne la maggiore o minore aderenza alle prescrizioni di contenimento del Covid 19. In generale, lo studio rivela come solo il 16% degli italiani sia in uno stato di “equilibrio” psicologica e quindi risulti capace di agire in modo sinergico con il sistema sanitario e le prescrizioni per ridurre il rischio di contagio. Ma qual è quindi il valore aggiunto di profilare i cittadini sulla base del loro livello di Engagement? Rendere consapevoli i cittadini e i consumatori del loro ruolo cruciale nell'evitare la rapida diffusione del virus è un obiettivo primario per rendere efficace il processo preventivo del nuovo coronavirus. Poter identificare e prevedere il profilo dei cittadini è fondamentale al fine di accompagnarli in questo processo di maturazione psicologica della percezione di sé come responsabili della salute propria e della comunità.

 

Le “riserve etiche” e l’emergenza Covid-19

Il commento Le “riserve etiche” e l’emergenza Covid-19 Si sono sprigionate delle capacità impensate, a partire dalla generosità di chi si è impegnato sul piano della cura e del prendersi cura, evidenziando l’esistenza di un serbatoio di umanità. Alcune note filosofiche del professor Adriano Pessina 31 marzo 2020 di Adriano Pessina * Il termine emergenza indica sia l’affiorare, il rendersi manifesto di qualcosa di già esistente, ma non ancora messo in primo piano, sia l’apparire dell’imprevisto, del non calcolato, dell’inaspettato e del nuovo. Invece la riserva etica è capace di dare voce a una tesi che sfugge al calcolo, che capovolge l’ordine delle grandezze: la vita e la salute di pochi val bene il sacrificio presente e futuro di molti. C’è anche, sottile, la riserva di violenza che è compressa dentro un’emergenza che contiene le pratiche quotidiane dei soprusi, delle illegalità, delle mafie di ogni genere, e che attende una rivincita. Ed è questa riserva etica che non dovrà essere dispersa quando si tornerà alla normalità e i problemi lasciati in sospeso – le questioni del lavoro, della giustizia, dell’immigrazione, dell’integrazione, della povertà, dell’ambiente, tanto per citarne solo alcuni – diventeranno la nuova emergenza, sociale, politica, culturale. Un serbatoio di valori da custodire, per onorare i nostri morti, per ringraziare chi non si è sottratto alle proprie responsabilità, per cercare di costruire insieme una storia capace di umanità e, perciò, di speranza. docente di Filosofia morale, facoltà di Scienze della formazione , campus di Milano, Università Cattolica La foto in alto è relativa al nuovo Columbus Covid-2 Hospital di Roma #coronavbirus #covid-19 #etica #umano Facebook Twitter Send by mail Print.

 

Le ansie da Covid-19 vanno in analisi

Al professore abbiamo chiesto di raccontarci lo sviluppo di un’idea che in poco più di una settimana ha dato dei risultati molto interessanti. Qual è l’origine di questo studio che avete approntato in un tempo record? «Per affrontare il rischio dell’epidemia di Coronavirus, le autorità hanno decretato delle forti restrizioni nei movimenti delle persone, in particolare nelle regioni più vicine all’originario focolaio. In questa situazione molto particolare la necessità di ridurre i contatti sociali, uniti alla paura del contagio e dello sviluppo dei sintomi, potrebbe avere diverse ripercussioni sulle persone dal punto di vista psicologico». Come è stato possibile? «Abbiamo utilizzato alcune mailing list di persone interessate a questo tipo di ricerche, e importante è stata la diffusione tramite i social di gruppi studenteschi (quello di psicologia, A.P.E. In tutte le aree geografiche considerate, vi sono differenze individuali: ad esempio, ad un titolo di studio più elevato corrispondono livelli più alti di preoccupazione; vi è una significativa differenza tra maschi e femmine, e queste ultime esprimono maggiore preoccupazione e intenzione di modificare i propri comportamenti. Quali sono i fattori psicologici che possono costituire una protezione per la persona? «Quello che emerge da una prima analisi è il ruolo centrale della flessibilità cognitiva e della stabilità emotiva come fattori protettivi rispetto alla percezione del rischio. Riteniamo di poter affermare che, oltre alla percezione del rischio, ci sia nelle persone un forte senso di mancanza di controllo, una sorta di impotenza.

 

Coronavirus, parlano gli esperti Unicatt

Covid-19 Coronavirus, parlano gli esperti Unicatt I professori dell’Università Cattolica hanno offerto la loro competenza ai microfoni di radio e televisione. Ecco alcuni dei loro interventi degli ultimi giorni by Federica Mancinelli | 06 marzo 2020 Nella seconda settimana di allerta ed emergenza sulla diffusione del Covid-19 anche nel nostro paese, i docenti dell’Università Cattolica continuano ad offrire la propria expertise nelle trasmissioni televisive e radiofoniche specializzate e più seguite. Inizia ad aumentare già dal fine settimana la preoccupazione sugli effetti economici e finanziari dell’epidemia: ne parla a RaiNews Angelo Baglioni e sui provvedimenti del Governo è centrato l’intervento di Andrea Monticini a TGR Lombardia . Iniziano a preoccupare le ragioni sanitarie, particolarmente quelle dell’assistenza ospedaliera: sono le terapie intensive di tutte le strutturi i luoghi maggiormente impegnati: Massimo Antonelli illustra la situazione nel programma domenicale “Mezz’ora in più”. Sull’impatto socioeconomico e sul cambiamento degli stili di vita è centrato l’intervento a Mi manda Rai Tre di Guendalina Graffigna che a TGR Lombardia offre alcuni utili consigli per affrontare l’emergenza. È una corsa contro il tempo per contenere il contagio, nelle piccole e grandi città: ne parla Luca Richeldi a Uno Mattina , mentre aumenta la gestione dei casi nei pronto soccorso: fa il punto della situazione Francesco Franceschi al TG2 . Accanto alle questioni sanitarie e economiche preoccupa il tema dei trasporti, che è tema cruciale per il lavoro, i movimenti, la quotidiana normalità: ne parla Andrea Boitani a RadioUno .

 
Go top