La tua ricerca ha prodotto 1 risultato per culto:

Sacro Cuore, perché è qui la festa

ateneo Sacro Cuore, perché è qui la festa L’Ateneo oltre all’aggettivo “Cattolica” ha anche una intitolazione speciale nel suo nome. Le iniziative nelle sedi che, tranne il campus di Roma, resteranno chiuse venerdì 28 giugno by Agostino Picicco | 17 giugno 2019 L’Università Cattolica celebra venerdì 28 giugno la festa patronale in occasione della Solennità del Sacro Cuore a cui è dedicata. Come mai l’Università Cattolica, che iniziò i suoi corsi nel 1921, fu intitolata al Sacro Cuore? Questo particolare culto si diffuse particolarmente nel secolo XVII ad opera di san Giovanni Eudes (1601-1680) e soprattutto di santa Margherita Maria Alacoque (1647-1690). Su esortazione di papa Pio IX nel 1876 nacque un movimento di “Atti di consacrazione al Cuore di Gesù”, che vedeva la consacrazione non solo delle famiglie ma anche di intere Nazioni a opera delle Conferenze episcopali. Fu proprio grazie all’insperato aiuto di padre Gemelli che, nel 1917, nel pieno della Prima Guerra Mondiale, Armida si attivò per la consacrazione dell’esercito italiano al Sacro Cuore, con l’invio al fronte di pacchi di cartoline, immagini sacre, bandierine, preghiere e opuscoli con le istruzioni ai cappellani militari. Del resto, fu nel nome del Sacro Cuore che Armida riuscì a farsi dare dal conte Ernesto Lombardo il milione che serviva per l’acquisto dello stabile di via Sant’Agnese, prima sede dell’Università. In occasione della Festa del Sacro Cuore, la compagnia teatrale “Ai due chiostri” , composta da oltre 60 studenti della sede di Milano, porta sul palco dell’Istituto Canossiano il 22 e il 25 giugno “ La visita della Vecchia signora ” , “commedia tragica” scritta da Friedrich Dürrenmatt nel 1955.

 
Go top