La tua ricerca ha prodotto 1 risultato per culturadelloscarto:

Reagire alla cultura dello scarto

MILANO Reagire alla cultura dello scarto È l’appello emerso da un convegno promosso da Scienze politiche e sociali cui hanno partecipato, tra gli altri, il preside Guido Merzoni, Livia Pomodoro, Giuliano Pisapia, già sindaco di Milano, e il presidente della Casa della Carità don Virginio Colmegna. by Agostino Picicco | 17 gennaio 2019 Fraternità, cultura solidale, gratuità, speranza, dono per gli altri: sono alcuni possibili stili di vita da mettere in pratica per reagire a quella “cultura dello scarto”, più e più volte denunciata da papa Francesco. La sollecitazione è emersa con forza durante il convegno Oltre la cultura dello “scarto”. La responsabilità di reagire , promosso dalla facoltà di Scienze politiche e sociali dell’Università Cattolica e dai Corsi di laurea in Servizio sociale con Reti della carità mercoledì 16 gennaio , che è stato anche l’occasione per presentare il volume Oltre la cultura dello scarto. Il volume è stato curato da Reti della carità, un insieme di realtà di ispirazione cristiana, e non solo, cui aderiscono anche singole persone, accomunate dall’esperienza tangibile e quotidiana della carità. Secondo Fabio Folgheraiter , docente all’Università Cattolica ed esperto di tematiche sociali, favorire l’incontro con l’altro, che arricchisce e migliora, è l’unico modo per porre un limite alla cultura dello scarto. La speranza è importante per andare avanti nel lavoro con gli “scarti” e occorre impostare modi di fare che puntino su relazioni, condivisione, sguardi, passione e gratuità».

 
Go top