La tua ricerca ha prodotto 1 risultato per democrazie:

Popolo “rabbioso” contro élite?

Milano Popolo “rabbioso” contro élite? Per capire il contesto attuale dovremmo usare con cautela il concetto di populismo interrogandoci più seriamente sulle radici di un mutamento che investe non da oggi le organizzazioni e gli stili di partecipazione. L’analisi del professor Damiano Palano 14 marzo 2019 di Damiano Palano * Per molti anni, dopo il 1989, un po’ tutti abbiamo creduto che la Storia fosse finita. Quanto perché – come scrisse Hegel a proposito degli ideali della rivoluzione francese, all’indomani della vittoria di Napoleone a Jena nel 1806 – anche noi abbiamo ritenuto che la democrazia liberale avesse definitivamente sbaragliato i suoi antagonisti. Anche per questo, i politologi occidentali che per anni hanno puntualmente registrato le evoluzioni della nostra geografia elettorale, non hanno mai preso seriamente in considerazione l’idea che le «democrazie mature» fossero esposte a rischi fatali. Altri, con uno sguardo più pessimista, hanno invece rinvenuto nel calo della partecipazione politica e nella crescente sfiducia verso la classe politica e verso le istituzioni i sintomi di una crisi incipiente, o comunque di un ‘malessere’ capace di indebolire le basi della convivenza democratica. Adottando questo schema interpretativo si rischia però di replicare quella stessa logica semplificatrice, rozza, manichea, che viene rimproverata ai «populisti», e cioè di attribuire a questi “nemici” della democrazia liberale qualcosa che, a ben guardare, è un tratto costitutivo dello stesso progetto democratico occidentale. Interrogandoci un po’ più seriamente sulle radici profonde di un mutamento che investe – non da oggi – gli immaginari politici, le organizzazioni, gli stili di partecipazione, la crescita della polarizzazione.

 
Go top