La tua ricerca ha prodotto 1 risultato per erc:

Il latino è vivo e corre sul web

MILANO Il latino è vivo e corre sul web Grazie al finanziamento di 2 milioni di euro della Commissione europea, il ricercatore Marco Passarotti creerà una connessione web-based fra tutte le risorse linguistiche (testi, dizionari, lessici) e gli strumenti di trattamento automatico del linguaggio. Il latino è una lingua come le altre: non è più bella e non è più brutta, semplicemente perché questo non è un tratto distintivo delle lingue» spiega Passarotti. E così possiamo mettere nelle mani dei classicisti di domani un’enorme quantità di evidenza empirica, che è tutto ciò che possiamo sapere del latino. Si potrà lanciare una ricerca su testi di diverse epoche che sono stati messi a disposizione da diverse istituzioni (biblioteche, centri di ricerche, archivi). Si chiama Linked Data ed è un paradigma e una tecnologia che permette a dati sparsi in giro per il web di interagire utilizzando un lessico (cioè una lingua) comune, che è comprensibile e processabile non solo dall’uomo, ma anche dalle macchine. Ad esempio, potrà chiedere agli studenti di identificare tutti i soggetti al nominativo di una porzione di testo e poi consentire loro di verificare nella base di conoscenza che costruiremo quanto sia giusta la loro risposta (o se quella della macchina sia sbagliata). Il classicista potrà sostenere le proprie ricerche con grandi masse di evidenza empirica, che potrà gestire facilmente grazie a interfacce di accesso di semplice uso e a connessioni semantiche soggiacenti in grado di mettere in relazione le varie informazioni sul medesimo oggetto (ad esempio, una parola).

 
Go top