La tua ricerca ha prodotto 5 risultati per esteri:

Inaugurazione con Paolo Gentiloni

ateneo Inaugurazione con Paolo Gentiloni Milano, mercoledì 16 novembre . Il ministro degli Affari esteri e della Cooperazione internazionale terrà la prolusione nella cerimonia che dà il via ufficiale al nuovo anno accademico. Secondo tradizione, la giornata di mercoledì 16 novembre 2016 si aprirà alle ore 9.15 nella Basilica di Sant’Ambrogio con la concelebrazione eucaristica presieduta dal Cardinale Angelo Scola , arcivescovo di Milano. Il discorso inaugurale del Magnifico Rettore Franco Anelli e il saluto del Presidente dell’Istituto Giuseppe Toniolo di Studi Superiori precederanno la prolusione del ministro. Un tema di grande attualità, quello che affronterà l’onorevole Paolo Gentiloni nella sua prolusione, a pochi giorni dalla conclusione della campagna elettorale statunitense, con l’elezione del nuovo presidente degli Stati Uniti d’America, e a pochi mesi dal referendum che ha sancito l’uscita del Regno Unito dall’Unione europea. In occasione dell’inaugurazione dell’anno accademico tutte le lezioni sono sospese nella sede di Milano . Per gli studenti l’accesso alla cerimonia sarà consentito solo a partire dalle ore 10.15 fino ad esaurimento posti e previa registrazione con il tesserino universitario alla postazione di accredito nel secondo chiostro.

 

Cultural Diplomacy, dibattito alla Farnesina

Roma Cultural Diplomacy, dibattito alla Farnesina La diplomazia della cultura al centro dell’evento promosso dal master della Cattolica alla presenza del rettore e di 25 ambasciatori. by Federica Mancinelli | 10 settembre 2019 “Il ruolo strategico della Diplomazia della Cultura nell’attuale scenario geopolitico”. È il tema di grande attualità al centro dell’evento promosso giovedì 12 settembre alle ore 16 al ministero degli Esteri dal Programma internazionale in Cultural and Digital Diplomacy for International Relations dell’Università Cattolica. L’evento sarà aperto dal Direttore e ideatore del Programma in Cultural Diplomacy Federica Olivares , che illustrerà temi, obiettivi e contenuto del programma formativo. Il master segue un modello formativo che attraverso il linguaggio universale delle Arti offre a studenti internazionali la capacità di contribuire alla costruzione della reputazione globale di Soft Power per un Paese, di riaprire dialoghi geopolitici interrotti e costruire progetti di riconciliazione fra popolazioni in zone di post-conflitto. Un Programma sempre più internazionale quello del Master in Cultural Diplomacy, offerto dall’Alta Scuola in Media, Comunicazione e Spettacolo (Almed) dell’Università Cattolica, che giovedì 12 settembre celebrerà anche il Graduation Day , la cerimonia di consegna degli attestati ai diplomati del corso: studenti provenienti da 4 continenti e 15 Paesi. Foto in alto, fonte: Wikipedia.it #almed #culturaldiplomacy #esteri #altescuole Facebook Twitter Send by mail Print.

 

Anno accademico al via con Gentiloni

ATENEO Anno accademico al via con Gentiloni Le sfide del dopo Brexit e del post-voto negli Stati Uniti sono state al centro della prolusione del ministro degli Affari esteri e della Cooperazione internazionale nella cerimonia che ha aperto il nuovo anno accademico. novembre 2016 « Dall’Europa post-Brexit agli Stati Uniti post-voto: quali sfide per l’Occidente » è il tema della prolusione del ministro degli Affari esteri e della Cooperazione internazionale Paolo Gentiloni , in occasione dell’ inaugurazione dell’anno accademico 2016-2017 dell’Università Cattolica. GUARDA LA GALLERY SULLA NOSTRA PAGINA FACEBOOK Secondo tradizione, la giornata di mercoledì 16 novembre 2016 si è aperta nella Basilica di Sant’Ambrogio con la concelebrazione eucaristica presieduta dal Cardinale Angelo Scola , arcivescovo di Milano. La cerimonia di inaugurazione dell’anno accademico si è poi svolta in Aula Magna con il discorso inaugurale del Magnifico Rettore Franco Anelli e il saluto del Presidente dell’Istituto Giuseppe Toniolo di Studi Superiori . Un tema di grande attualità, quello affrontato dall’onorevole Paolo Gentiloni nella sua prolusione, a pochi giorni dalla conclusione della campagna elettorale statunitense, con l’elezione del nuovo presidente degli Stati Uniti d’America, e a pochi mesi dal referendum che ha sancito l’uscita del Regno Unito dall’Unione europea. gentiloni #esteri #brexit #inaugurazione Facebook Twitter Send by mail Print Saluti e discorsi Discorso inaugurale del rettore Franco Anelli Saluto del presidente dell'Istituto Toniolo cardinale Angelo Scola Saluto dell'assistente ecclesiatico generale monsignor Claudio Giuliodori.

 

Paola Peduzzi, elogio dell’approfondimento

Le voci dei nostri reporter in una serie di articoli «Il mio lavoro non è cambiato più di tanto perché sono abituata a un lavoro a distanza. Il nostro è un giornale molto più di opinione e di racconto, quindi è sempre stato abituato ad un approccio più sedentario» racconta. Questo non vuol dire che non sia mai uscita, però essendo la nostra più una testata di news analysis e approfondimento, il fatto di stare in casa e studiare non è molto diverso da quello che facevamo prima. Dal punto di vista contenutistico è necessario approfondire molto molto più di prima perché ci sono di mezzo molti numeri, trend e situazioni diverse. Nella rubrica che ho settimanalmente sull’Europa che si chiama “EU Porn”, nome un po’ sfacciato ma dai contenuti molto seri, vorrei raccontare tutte le altre exit strategy contro il virus che i Paesi stanno cercando di mettere a punto. Rimanendo comunque prudenti» Non si può tenere il piede pigiato sull’acceleratore neanche con il verde… «Assolutamente no. I virologi sono molto più tranchant da questo punto di vista e dicono che fino a quando non ci sarà il vaccino non saremo del tutto al sicuro. Ognuno ha il suo mestiere e i suoi interessi… «Esatto, la mia speranza è che le pressioni politiche ed economiche che ci sono, e sono giustificatissime, non abbiano il sopravvento sulla sicurezza, altrimenti si andrebbe a vanificare tutti i sacrifici fatti fino a ora».

 

Covid e rivoluzione tecnologica. Il punto sulla diplomazia scientifica italiana

Il punto sulla diplomazia scientifica italiana Il 26 novembre il Ministero degli Esteri organizza la conferenza Addetti Scientifici 2020. Interverranno tra gli altri il Ministro degli Esteri Luigi di Maio, la virologa Ilaria Capua e l'astronauta Luca Parmitano. La giornata sarà trasmessa in streaming by MICHELE NARDI | 20 novembre 2020 La crisi legata al Covid-19 sulla promozione del Sistema Italia anche nella diplomazia scientifica. Il Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale ha quindi organizzato per giovedì 26 novembre la Conferenza Addetti Scientifici 2020 per fare un punto sulle azioni, gli strumenti e i risultati dell’attività del personale della Farnesina incaricato di promuovere la cooperazione scientifica e tecnologica a livello internazionale con lo Stato. La prima si svolgerà al mattino e sarà trasmessa in streaming sul canale YouTube del Maeci e presenterà il ruolo crescente della ricerca scientifica per la competitività del paese e gli impegni che il Governo sta assumendo per la promozione dell’innovazione e le sue ricadute sul tessuto produttivo italiano. Saranno organizzate anche stanze virtuali dove gli Addetti potranno avere colloqui di approfondimento con interlocutori dei rispettivi paesi di accreditamento. Dalle 11:00 alle 13:00 si terrà la tavola rotonda moderata dal conduttore televisivo Federico Taddia “Il ruolo della ricerca e dell’innovazione quale volano per la competitività del Sistema Italia: la Diplomazia Scientifica, il ruolo degli Addetti Scientifici e gli strumenti a disposizione”.

 
Go top