La tua ricerca ha prodotto 1 risultato per festivalculturaaraba:

Lo sguardo, crocevia di culture

Le testimonianze sulla giovane fotoreporter di Amnesty morta in un attentato terroristico e la tavola rotonda con la presidente Rai Monica Maggioni by Giovanni Migone | 15 marzo 2017 Per la terza volta la Cattolica ha ospitato il Festival Internazionale della lingua e della cultura araba. Oggi il suo lavoro viene portato in superficie dalla madre Christine, che presiede la Fondazione intitolata a sua figlia e che da un anno è impegnata nella promozione degli scatti di Leila. Perché la fotografia per Leila era un veicolo di emozione collettivo, il cui elemento chiave era proprio la rappresentazione di sguardi di un mondo dimenticato, filtrati dalla natura multiculturale di chi sta dietro all'obiettivo. Quando ci troviamo di fronte a uno sguardo banalizzante e omologante, se non mettiamo in campo strumenti per vedere la complessità della realtà, veniamo meno alla base stessa del racconto e alla veridicità di una relazione». Non c'è dubbio - prosegue Maggioni - che nel mondo globalizzato in cui viviamo una decisione come quella del Muslim Ban, presa dall'altro capo del mondo, influenzi anche la nostra società, il nostro modo di pensare l'altro, il diverso. Di fianco alla presidente della Rai, la voce di Samuel Shimon , direttore di Banipal, magazine di Letteratura araba moderna, parla chiaro: «La società occidentale sembra non voler accettare gli aspetti positivi del mondo arabo. Io non sono contro nessuno nello specifico ma esistono interessi economici e politici che mettono il mondo dell'informazione nelle mani di ambienti che spesso e volentieri indirizzano in maniera unilaterale il pensiero di chi legge o ascolta».

 
Go top