La tua ricerca ha prodotto 4 risultati per focuslive:

L’Università Cattolica a Focus Live

Durante la mattinata di apertura giovedì 21 novembre Alessandro Rosina , docente di Demografia in Università Cattolica, parlerà sul main stage alle ore 12 di “Demografia e società” e di quali risorse possiamo mettere in campo per un domani migliore. Sempre giovedì 21 Michela Balconi , docente di Neuropsicologia e neuroscienze cognitive, interverrà alle ore 15.30 sull’azione di autoregolazione del cervello, in grado di rallentare o accelerare i propri ritmi cerebrali attraverso un rapido processo di training guidato da alcuni device portabili, come il Neurofeedback. Antonella Marchetti , docente di Psicologia dello sviluppo e direttrice dell’Unità di ricerca sulla Teoria della mente, sabato 23 novembre alle ore 13.30 presenterà gli studi che con i suoi collaboratori sta conducendo da diversi anni sulla Human Robot Interaction nell’ambito della Psicologia dello Sviluppo e dell'Educazione. Stand "Crescere con i robot: il contributo della psicologia dello sviluppo" L'Unità di Ricerca sulla Teoria della Mente sarà presente all'interno del Padiglione dedicato ai bambini organizzato da Focus Junior con i docenti Davide Massaro, Cinzia Di Dio, Federico Manzi, Giulia Peretti e Teresa Rinaldi. Stand “La canapa multiuso” Il gruppo del professor Stefano Amaducci della facoltà di Scienze agrarie, alimentari e ambientali, proporrà in questo stand un approfondimento sui diversi usi della canapa, coltura versatile e multifunzionale che esemplifica i principi della bioeconomia. I visitatori potranno osservare il processo di fotosintesi della pianta di canapa grazie a un sistema sperimentale che registra e proietta in tempo reale su un grafico, l’assimilazione di anidride carbonica e la traspirazione di acqua da parte delle piante. Infine si parlerà delle fasi critiche della filiera, quali la macerazione e la meccanizzazione della raccolta e della possibilità di sfruttare tutte le frazioni della pianta, anche quelle di scarto, in linea con i principi dell’economia circolare.

 

L’Ateneo alla prima di Focus Live

Milano L’Ateneo alla prima di Focus Live Dall’8 all’11 novembre al Museo della Scienza e della Tecnologia, nell’ambito del Festival della Scienza, sarà presente con le Unità di ricerca sulle neuroscienze e sulla teoria della mente e con la facoltà di Scienze agrarie, alimentari e ambientali. ottobre 2018 Dall’hyperscanning che monitora l’interazione tra i cervelli al robot NAO, fino alla misurazione in diretta della capacità delle piante di adattarsi al cambiamento climatico valutando la loro risposta a luce, acqua, aria. L’Università Cattolica sarà presente alla prima edizione Festival della scienza “Focus Live” dall’8 all’11 novembre al Museo della Scienza e della Tecnologia per illustrare alcune delle attività scientifiche quotidianamente svolte all’interno dell’ateneo in diversi ambiti disciplinari. La prima edizione di questa quattro giorni, organizzata dalla rivista di divulgazione scientifica Focus, vedrà susseguirsi duecento eventi tra dibattiti, conferenze, incontri, laboratori, installazioni interattive, spettacoli per raccontare le grandi sfide dell’umanità. L’Università Cattolica in particolare sarà presente con tre unità di ricerca afferenti alle facoltà di Psicologia, Scienze della formazione e Scienze agrarie, alimentari e ambientali. Lo mostrerà l’ Unità di ricerca “Neuroscienze sociali e delle emozioni” della facoltà di Psicologia, coordinata da Michela Balconi , che sviluppa tecniche neuro scientifiche per lo studio della “mente sociale”. Sarà l’ Unità di ricerca sulla Teoria della Mente , coordinata da Antonella Marchetti del dipartimento di Psicologia (facoltà di Scienze della formazione), a portare il robot umanoide NAO con cui le persone potranno interagire attraverso il gioco "Indovina dov'è".

 

L’Università Cattolica alle "Frontiere" di Focus Live

Il festival della divulgazione scientifica intende confrontarsi sul mondo nuovo post Covid-19 con professori, scienziati, atleti, star della divulgazione e artisti. Anche in questa occasione l’Università Cattolica sarà presente, non più con stand che illustrano in modo interattivo ricerche e attività laboratoriali dell’Ateneo come nelle precedenti edizioni, ma con la presenza di due docenti sulla piattaforma digitale di Focus Live. Giovedì 19 , dopo l’apertura del festival con lo scienziato Andrea Crisanti, alle 16.20 Alessandro Rosina , parlerà di “Z la generazione dimenticata” . Domenica 22 alle 13.45 sarà il turno di Michela Balconi , docente in Università Cattolica a Milano e a Brescia di Psicofisiologia e Neuroscienze Cognitive. “La super macchina della verità” è il titolo del webinar condotto dalla psicologa che mostrerà cosa guida le nostre memorie, la nostra capacità di riattivare eventi che sono avvenuti nel passato più recente o più lontano e che spesso ci inganna. Sono le neuroscienze forensi ad occuparsi di scoprire quello che veramente avviene nella nostra mente durante la codifica dei ricordi e come sia possibile che noi a volte abbiamo la certezza di ricordare cose che in realtà sono false. Alle 14.30 la docente dialogherà e risponderà alle domande del pubblico.

 

Z, la Generazione dimenticata

L’Università Cattolica, che ha partecipato fin dalla prima edizione del 2018, è stata presente nella prima giornata con l’intervento di Alessandro Rosina , docente di Demografia e Statistica sociale, che ha parlato di Z, la generazione dimenticata. In verità quelle che potenzialmente sembrerebbero opportunità di nuovi percorsi formativi e professionali per i più giovani e maggiori opzioni rispetto alle generazioni precedenti, in realtà si arenano davanti a una crescente incertezza associata alle scelte e alle loro implicazioni. Ancor più, quindi, che nel resto d’Europa, le possibilità di crescita e di sostenibilità sociale dell’Italia dipendono dalla formazione del capitale umano delle nuove generazioni e dalla capacità di piena valorizzazione all’interno del mondo del lavoro. L’Osservatorio giovani dell’Istituto Toniolo, di cui Rosina è il coordinatore scientifico, durante il primo lockdown ha raccolto dati che indicavano chiaramente la preoccupazione rispetto ad un quadro di ulteriore scadimento al ribasso delle prospettive delle nuove generazioni. I segnali positivi sono, però, ancora superati dalla preoccupazione dei giovani italiani che si pongono in modo critico su quello che finora si è fatto come sostegno all’occupazione giovanile. Questo è il tema dell’intervento di Michela Balconi , docente di Psicofisiologia e Neuroscienze cognitive in Università Cattolica, che domenica 22 novembre è intervenuta a Focus Live 2020. Dopo aver introdotto il pubblico al mondo delle neuroscienze forensi, Balconi ha presentato esperimenti con visualizzazione di “tracce” del nostro cervello che mente o che dice la verità, in cui è possibile rilevare le modificazioni cerebrali e corporee durante una comunicazione menzognera.

 
Go top