La tua ricerca ha prodotto 1 risultato per giurisprudenza:

Dentro la Corte dell’Aia

MILANO Dentro la Corte dell’Aia Gli studenti di Giurisprudenza, che partecipano alle Cliniche legali di diritto internazionale, hanno fatto visita alla International Criminal Court, assistendo anche all’esame di un testimone del processo contro l’ex presidente della Costa d’Avorio. maggio 2017 di Benedetta Ferrarini * Un viaggio dentro l’istituzione che persegue alcuni dei peggiori crimini contro l’umanità. È quello che hanno compiuto a L’Aia gli studenti della facoltà di Giurisprudenza che partecipano alle Legal Clinics di Diritto internazionale, curate dal professor Gabriele Della Morte . La Corte è un tribunale internazionale in grado di giudicare gli individui colpevoli dei più efferati crimini (come il genocidio o i crimini contro l’umanità) ed è ospitata in una moderna struttura in vetro e ferro che incute timore solo allo sguardo» raccontano gli studenti. Eppure, nonostante tale apparente freddezza, la sede della Corte, cui aspirano – comprensibilmente – molti studenti di giurisprudenza, è riscaldato dal calore e la disponibilità dei suoi funzionari che ci hanno trasmesso un’esperienza ricca e completa». Alla Corte Penale Internazionale gli studenti hanno potuto assistere all’esame di un testimone nel corso del processo contro l’ex presidente della Costa D’Avorio Laurent Gbagbo e il suo ex ministro della giovinezza Charles Blé Gaudé ( ndr entrambi sono accusati di crimini di guerra). La Camera incaricata di celebrare il processo è presieduta dal giudice italiano Cuno Tarfussen , che ha incontrato gli allievi delle cliniche legali nel corso di un appassionante colloquio.

 
Go top