La tua ricerca ha prodotto 2 risultati per granapadano:

Grana Padano, medicina per ipertesi

PIACENZA Grana Padano, medicina per ipertesi Secondo uno studio dell’Istituto di Scienze degli alimenti della nutrizione dell’Ateneo consumare 30 grammi di formaggio Dop al giorno combatte i problemi di pressione alta. maggio 2016 Un pezzo di Grana Padana al giorno toglie l’ipertensione di torno. Secondo la ricerca il consumo quotidiano di trenta grammi al giorno di Grana Padano Dop è un ottimo alleato per combattere problemi di pressione alta . Una conferma, ancora una volta, che la corretta alimentazione può essere una medicina. Gli stessi pazienti, in ordine casuale, hanno assunto un placebo inattivo, cioè privo di tripeptidi. Dopo due mesi di trattamento con Grana Padano i livelli pressori si sono ridotti in modo significativo: -6 mmHg per la pressione sistolica (la massima) e –5 mmHg per la pressione diastolica (la minima); e, nella maggior parte dei pazienti, la pressione si è normalizzata. È la seconda ricerca che la facoltà di Scienze agrarie, alimentari e ambientali di Piacenza sviluppa su questo tema, ottenendo analoghi risultati.

 

Ecco il test che inchioda i falsi parmesan

A mettere a punto un sistema per scoprire facilmente le imitazioni di alcuni tra i prodotti agro-alimentari più “taroccati” al mondo è stato un pool di ricercatori di Scienze agrarie, alimentari e ambientali dell’Università Cattolica, guidato dal preside della facoltà di Piacenza Marco Trevisan . Il tutto grazie all’utilizzo di una tecnica emergente, nota come analisi metabolomica . Lo scopo di questo lavoro preliminare è stato quello di discriminare in base all’impronta chimica prodotti Grana Padano DOP, di sicura provenienza e certificazione, da formaggi spacciati come tali nel mercato italiano e straniero» spiega il professor Trevisan. A tale scopo, sfruttando la strumentazione disponibile nella facoltà del campus piacentino, è stata utilizzata l’analisi metabolomica» continua il docente di Biochimica. Tale approccio ha permesso di valutare in modo più ampio, rispetto alle analisi condotte sui singoli composti, le possibili differenze nel profilo di composti chimici - come acidi grassi, amminoacidi, metaboliti secondari - presumibilmente dettate dalle procedure insite nel disciplinare di produzione. Infatti, si può affermare che l’intero ciclo produttivo di questi prodotti DOP (definito dal rigido disciplinare di produzione) sia in grado di guidare i processi biochimici soprattutto durante la stagionatura, fase fondamentale della produzione, in cui il prodotto acquisisce le sue caratteristiche organolettiche distintive». Inoltre, il potenziale di questa tecnica analitica potrebbe essere sfruttato per proteggere il consumatore , sempre più consapevole, ed evidenziare la differente qualità dei prodotti nostrani certificati rispetto alle imitazioni estere, purtroppo sempre più diffuse sul mercato agro-alimentare».

 
Go top