La tua ricerca ha prodotto 2 risultati per hate speech:

Mediavox, contro-narrazioni vs hate speech

MILANO Mediavox, contro-narrazioni vs hate speech Il Centro di ricerca sulle relazioni interculturali, diretto da Milena Santerini, ha promosso una rete di reti per contrastare l’odio che corre via web senza mettersi sul suo stesso piano. A disposizione un assegno di ricerca in analisi dei dati by Emanuela Gazzotti | 12 marzo 2020 Il Centro di ricerca sulle relazioni interculturali, diretto da Milena Santerini, ha promosso una rete di reti per contrastare l’odio che corre via web senza mettersi sul suo stesso piano. È nata pochi giorni fa con questa intenzione Mediavox , una rete di reti e al tempo stesso un progetto di ricerca che prende l’avvio in Università Cattolica dal Centro di ricerca sulle relazioni interculturali diretto da Milena Santerini, docente di Pedagogia sociale e interculturale. Al centro c’è l’idea di combattere l’odio online attraverso la contro-narrazione, ossia una comunicazione propositiva che rilevando comportamenti, azioni, iniziative positive sia anche di contrasto alle forme di odio», ha dichiarato la professoressa, di recente nominata Coordinatore nazionale per la lotta contro l’antisemitismo . Se il problema ora è il Coronavirus scegliamo una comunicazione che contrasti ogni forma di divisione della popolazione, di attacco all’Europa o agli enti sovranazionali, di diffamazione reciproca o di attacchi razzisti. Chiediamo loro di segnalarci comunicazioni interessanti di contrasto all’odio che possono essere poi veicolati sulla nostra pagina facebook - ha precisato la professoressa Santerini - e viceversa proponiamo loro di utilizzare le nostre segnalazioni, nell’ottica di una collaborazione virtuosa con un obiettivo comune». Per la parte di ricerca, il progetto si avvale innanzitutto della collaborazione dei docenti per studiare i sentiment della rete, capire come interagisce, cosa rilancia, quali sono i contenuti più interessanti e condivisi, e per dare una rilevanza qualitativa e quantitativa alla comunicazione.

 

Educare al rispetto, la lezione di Liliana Segre

Dalle tragedie della storia alla più recente attualità, conoscenza e cultura sono fondamentali per arginare, se non per evitare, atteggiamenti che possono avere conseguenze impensabili. La scuola deve essere protagonista nell’educare al rispetto dei singoli individui e alla convivenza civile, restituendo una giusta importanza alla formazione sui temi della Cittadinanza e della costituzione. “Dal prossimo anno l’Educazione civica tornerà ad essere materia d’insegnamento nelle scuole di ogni ordine e grado. Letteratura italiana: percorsi di cittadinanza e costituzione Milano, 13 e 14 febbraio 2020 #antisemitismo #hate speech #liliana segre #winter school Facebook Twitter Send by mail Print.

 
Go top