La tua ricerca ha prodotto 4 risultati per irlanda:

Stage e inglese, accoppiata di successo

posctard Stage e inglese, accoppiata di successo Per Emilio , di Scienze bancarie, l’esperienza a Dublino è servita per svolgere un corso di lingua e perfezionarla attraverso un internship in una grande società irlandese 31 ottobre 2019 di Emilio De Renzis * Un corso di inglese abbinato a un’esperienza di stage. Fin dall’inizio mi sono sentito immerso nella cultura dublinese avendo scelto di spendere questo periodo all’estero in host family . È stato divertente scoprire nuove tradizioni, modi di fare, partecipare alle feste di famiglia, i compleanni, le cene. Il primo mese di corso di inglese all’Emerald Cultural Institute è stato molto interessante: ho scoperto un nuovo approccio allo studio della lingua. Ho scelto il corso di inglese Gen4, che prevede lezioni mattutine su grammatica e pronuncia e lezioni pomeridiane strutturate come conversazioni in gruppo su vari temi di attualità. Abbiamo avuto l’opportunità di visitare anche il Nord dell’isola, dove si trovano le particolarissime formazioni rocciose del Giant Causeway, il Rope Bridge, il villaggio di Howth e la città di Belfast. Inoltre, la richiesta di bici è molto alta, quindi è molto facile vendere la bici al termine dell’esperienza.

 

Catherine Dunne: io scrivo da sola

Il pubblico irlandese è ricettivo nei confronti della letteratura italiana? «L’Irlanda è un’isola, e per definizione chi vive su un’isola è più sensibile e aperto nei confronti di letterature diverse dalla propria. Questo caso non è diverso dagli altri: sono stati incuriositi dall’idea che due diversi gruppi di scrittori, uno italiano e uno irlandese, si siano uniti per guardare alla stessa esperienza da molteplici punti di vista, quindi il libro è stato molto ben accolto». Secondo lei le storie narrate nel libro toccano aspetti cruciali dell’attuale migrazione di massa verso l’Europa? «Penso che uno dei motivi per cui gli scrittori abbiano scelto questo tema è perché è molto ricco e fecondo e può essere trattato da diversi punti di vista. Il libro risulta particolarmente significativo oggi, perché nella migrazione di massa la gente fugge dalla guerra, dalla fame e dal terrore cercando un’altra vita e questa ricerca è metafora di ciò che ognuno di noi tenta di fare in modi diversi: cercare una vita migliore». La maggior parte delle mie storie sono narrate dal punto di vista delle donne, perché quando ho iniziato a scrivere mi sono accorta che gli uomini occupavano da sempre lo spazio pubblico, mentre le donne quello domestico. Sono i miei personaggi a decidere le sorti della storia di cui sono protagonisti, non io, e i pilastri che li tengono in piedi sono rapporti solidi e un forte senso di giustizia sociale. dunne #irlanda #letteratura #libri Facebook Twitter Send by mail Print UN’ANTOLOGIA ITALO-IRLANDESE Durante l’incontro con la scrittrice irlandese Catherine Dunne , che si è tenuto il 23 novembre in aula Negri da Oleggio dell’Università Cattolica, è stato presentato il libro narrativa breve “ Tra una vita e l’altra.

 

L’incontro con l’Irlanda di Catherine Dunne

MILANO L’incontro con l’Irlanda di Catherine Dunne Milano, lunedì 23 novembre . La “scrittrice irlandese che piace agli italiani” presenta in sala Negri da Oleggio Tra una vita e l’altra , il libro di Guanda di cui è “levatrice”, che raccoglie poesie e racconti e di 15 giovani poeti e narratori. È questo che pensa del suo lavoro Catherine Dunne , “la scrittrice irlandese che piace agli italiani”. Tra questi ultimi, solo per citare qualche esempio più significativo di altri, il Premio Selezione Bancarella del 1999; quello alla carriera assegnatole nell’ambito del Premio letterario Città di Vigevano del 2006; il Premio letterario Giovanni Boccaccio nel 2013. Per Catherine Dunne, il nostro Paese, la sua cultura letteraria, la sua esperienza storica e artistico-musicale costituiscono fonte ispiratrice, linfa vitale, patrimonio di risorse narrative. Vista questa sua consuetudine con l’Italia, non deve dunque sorprendere di ritrovarla nella sede milanese dell’Università Cattolica lunedì 23 novembre alle ore 17.30 in aula Negri da Oleggio.

 

In Irlanda sulle orme della Montessori

EmployAbility In Irlanda sulle orme della Montessori Dopo la laurea in Scienze della formazione, Alice ha trovato subito il lavoro che desiderava nel mondo dei servizi per l’infanzia. Ma la curiosità l’ha spinta a volare a Dublino per realizzare i suoi sogni internazionali by Sabrina Cliti | 15 settembre 2020 Dopo la laurea magistrale in “ Progettazione pedagogica nei Servizi per minori ”, Alice Gungui ha trovato subito il lavoro che sognava, al servizio dei bambini. Sono arrivata a scegliere la laurea magistrale in "Progettazione pedagogica nei Servizi per minori” all’Università Cattolica nella sede di Piacenza dopo una lunga riflessione: mi ha convinta il piano di studi che ben integra la teoria e la pratica. Laurearmi non è stato semplice, c’è voluto molto impegno e dedizione, ma comunque, un po’ perché mi appassiona quello che faccio, un po’ perché non ho mai pensato che fosse tempo perso, ho potuto sperimentare tante soddisfazioni». C’è una competenza che hai maturato in Cattolica e che ritieni sia stata fondamentale per lo sviluppo della tua carriera? «Ho scelto l’Università Cattolica perché il piano di studi è pensato per prepararti al mondo del lavoro. Quali sono le sfide professionali che ti poni per il tuo futuro? «In generale direi che la sfida più grande, immagino per tutti i contesti educativi, è quella di mantenere l’asticella della qualità del lavoro alta. In generale, il consiglio è di prendere il tempo che serve perché l’università non è solo un percorso di studi, ma è una vera e propria esperienza.

 
Go top