La tua ricerca ha prodotto 1 risultato per lifelonglearning:

Imparare dalla crisi per uscirne rafforzati

Al momento, non sappiamo ancora che cosa ritornerà a essere come prima e che cosa no. Ma dopo il limbo di queste settimane “sospese” sono in molti a chiedersi che cosa accadrà e quali scenari si apriranno. Da decenni diciamo che il mondo cambia rapidamente – forse troppo – e che le accelerazioni generate dall’impatto della scienza e della tecnologia inducono non poche trasformazioni nella vita personale e sociale di ognuno. Il Covid-19 sta creando invece una frattura non solo importante, ma soprattutto imprevista, che porterà con sé conseguenze di cui oggi non riusciamo nemmeno a vederne l’inizio, se non addirittura comprenderne la portata. Questa situazione è ora rapidamente e totalmente mutata; oggi una persona che completi a 22 anni gli studi, se non si ‘aggiorna’ continuamente – cioe se non si tiene al corrente dei nuovi sviluppi tecnici e scientifici che si producono nel suo ramo – a 30-35 anni e gia quasi ‘superata’. Illustrando l’importanza delle skills, Schleicher raccomandava – all’interno di un mondo che cambia - di non tralasciare l’acquisizione di quelle competenze oggi maggiormente ricercate dalle organizzazioni per far fronte all’innovazione e alle trasformazioni in atto. Eppure, mai come in questo momento avvertiamo, nella nostra inadeguatezza, la necessità di non stare fermi e di approfittare di questo tempo di lockdown per uno sviluppo della nostra conoscenza e delle nostre skills . Manzoni dedica una bellissima pagina dei “Promessi Sposi” a questo tema, quando parla del diffondersi della peste a Milano, e invoca a tal proposito un metodo antico per fronteggiare l’onda lunga di notizie che riceviamo e, a nostra volta, diffondiamo: “osservare, ascoltare, paragonare, pensare prima di parlare”.

 
Go top