La tua ricerca ha prodotto 2 risultati per maternita':

Gemelli, per ogni nato si accende una luce

Roma Gemelli, per ogni nato si accende una luce I lampioni di Piazza del Popolo sono collegati con il reparto di maternità del Policlinico. L’opera, una celebrazione della vita e dell’evento universale della nascita, prevede l’intensificarsi della luce dei lampioni di Piazza del Popolo ogni volta che, nel reparto di maternità del Policlinico Universitario A. Gemelli IRCCS, nascerà un bambino. Il progetto, a cura di Hou Hanru e Monia Trombetta è realizzato dal MAXXI Museo nazionale delle arti del XXI secolo in collaborazione con la Fondazione Policlinico Universitario Agostino Gemelli IRCCS e promosso da Roma Capitale, con il supporto di Acea e Areti. All’inaugurazione sono intervenuti Virginia Raggi , Sindaca di Roma; Giovanna Melandri , Presidente Fondazione MAXXI; Hou Hanru , Direttore Artistico MAXXI, l’artista Alberto Garutti ; Giovanni Raimondi , Presidente Fondazione Policlinico Universitario Agostino Gemelli IRCCS e Giovanni Scambia , Direttore scientifico Fondazione Policlinico Universitario Agostino Gemelli IRCCS. “Roma si arricchisce di un’idea artistica preziosa e poetica, un’opera dedicata alla nascita, ai bambini, alla città, che parla di speranza e di novità e lo fa attraverso la luce - ha dichiarato Virginia Raggi , Sindaca di Roma -. “In un momento di paura, indifferenza e violenza, questo progetto di Alberto Garutti è un meraviglioso benvenuto alla vita, un gesto di accoglienza, un abbraccio all’esistenza preziosa di ognuno, di ogni essere umano senza identificazione di nazionalità, etnia, religione. “Con entusiasmo e convinzione uniamo il nome del Gemelli a un progetto d’arte internazionale che celebra la vita nel cuore della città di Roma – ha spiegato Giovanni Raimondi , Presidente della Fondazione Policlinico Universitario Agostino Gemelli IRCCS –.

 

Diventare mamma in tempo di Coronavirus

Roma Diventare mamma in tempo di Coronavirus Se la situazione di questi giorni è difficile per tutti, è ancora più elicata per le donne in gravidanza. Le attenzioni di Università e Policlinico Gemelli nelle parole del ginecologo Antonio Lanzone by Federica Mancinelli | 20 marzo 2020 Sono giorni importanti e non senza preoccupazioni e timori, questi del Coronavirus e per una donna in gravidanza possono essere molto complessi da gestire. Dal 28 febbraio scorso, per decreto dell'Assessore Regionale alla Sanità, il Policlinico A. Gemelli IRCCS, insieme al Policlinico Umberto I, è stato indicato struttura hub nella ricezione di casi sospetti o accertati per infezione da Covid-19 in gravidanza. Nel Pronto Soccorso Ostetrico da anni esiste una camera di isolamento che ora funge da primo filtro di valutazione sia per pazienti sospette in attesa dell'esito del tampone faringeo sia per i casi già diagnosticati. E se la paziente è prossima al parto? Nel caso la paziente debba partorire (sia positiva sia in attesa di risultato o con sintomi respiratori severi), viene accolta nella nostra Sala Parto in una stanza di travaglio/parto già individuata come la più sicura e idonea. Com’è la situazione attuale nel Campus di Roma per gli studenti ancora residenti nei Collegi? Questa situazione, che ci coinvolge davvero tutti, va vissuta con sobrietà, ma anche con molta coscienza di ciò che è il nostro ruolo e di quali sono le nostre responsabilità. Questa è per tutti noi una prova dura, ma ne usciremo sicuramente cambiati: in meglio, se avremo fatto ammenda di tutte la serie di distorsioni del nostro modello di sviluppo, sperando di ripartire da qui, basandoci su principi più sani e solidi.

 
Go top