La tua ricerca ha prodotto 6 risultati per medicinapersonalizzata:

Medicina Personalizzata, i nuovi Biotecnologi

Roma Medicina Personalizzata, i nuovi Biotecnologi Il corso magistrale in Biotecnologie per la Medicina personalizzata, che partirà nel prossimo anno accademico, sarà presentato lunedì 8 luglio nell’aula Brasca della Fondazione Policlinico A. Gemelli IRCCS. Al battesimo del nuovo corso di laurea, le cui iscrizioni al test di ammissione sono aperte, mediante informazioni nel sito Internet istituzionale , interverranno, tra gli altri, Franco Locatelli (Presidente Consiglio Superiore di Sanità) e Alberto Spanò (Ordine Nazionale Biologi). Il nuovo Corso di Laurea Magistrale in Biotecnologie per la Medicina personalizzata, coordinato da Ornella Parolini , Ordinario di Biologia applicata all’Università Cattolica, nasce con l’obiettivo di formare la figura del nuovo biotecnologo, con competenze specialistiche avanzate, che oggi assume un ruolo chiave nella ricerca biomedica e nella Medicina traslazionale. I lavori del convegno saranno aperti, alle ore 14.00, da Rocco Bellantone , Preside della Facoltà di Medicina e chirurgia dell’Università Cattolica, Giovanni Raimondi , Presidente della Fondazione Policlinico Universitario Agostino Gemelli IRCCS, Lorenzo Cecchi , Direttore della Sede di Roma dell’Università Cattolica, e S. E. Mons. Alle ore 14.15 le introduzioni ai lavori di Ornella Parolini , Giovanni Scambia , Direttore Scientifico della Fondazione Policlinico Universitario Agostino Gemelli IRCCS, e Alberto Spanò (Ordine Nazionale dei Biologi). In particolare nel secondo anno di corso lo studente potrà scegliere tra due percorsi curriculari alternativi : diagnostico e terapeutico, mirati all’acquisizione delle rispettive competenze specialistiche per lo sviluppo e l’applicazione di nuove biotecnologie, comprendenti anche gli aspetti del marketing e dell’ambito regolatorio. Queste attività consentiranno agli studenti, selezionati tramite accesso a numero chiuso, di acquisire padronanza nell’utilizzo delle nuove tecnologie biomediche, in ambito diagnostico e terapeutico, nonché delle attività gestionali e dei riferimenti regolatori associate alla loro applicazione.

 

Biotecnologie, la Medicina per l'uomo

Roma Biotecnologie, la Medicina per l'uomo Il nuovo corso di laurea preparerà nuovi biotecnologi che possano incidere nella realtà biomedica del futuro, sia nella ricerca sia in realtà professionali che spaziano dalla gestione della qualità al mondo imprenditoriale e manageriale. Al battesimo del nuovo corso di laurea, le cui iscrizioni al test di ammissione sono aperte, mediante informazioni nel sito Internet istituzionale , sono intervenuti, tra gli altri, Franco Locatelli (Presidente Consiglio Superiore di Sanità) e Alberto Spanò (Ordine Nazionale Biologi). “Senza lo sviluppo delle Biotecnologie la Medicina non può progredire – ha detto nella presentazione dei lavori la coordinatrice del Corso di laurea Ornella Parolini – La Medicina personalizzata si basa sulla conoscenza delle caratteristiche biologiche di ogni paziente, fino ai livelli cellulare e molecolare. “Questo nuovo Corso di laurea – ha proseguito Parolini - mira all’acquisizione di competenze progettuali, di conoscenza del mondo regolatorio, e del marketing, accostando alla formazione in sede accademica gli stage presso aziende biotecnologiche. biotecnologie #medicinapersonalizzata #laureemagistrali #medicina Facebook Twitter Send by mail.

 

Tumori, farmaci per terapie più mirate

Roma Tumori, farmaci per terapie più mirate Uno studio pubblicato su Scientific Reports , frutto della collaborazione tra Università Cattolica, Policlinico A. Gemelli Irccs e Cnr, ha identificato una molecola brevettata in grado di inibire selettivamente l’attività della proteina-chinasi NEK6. febbraio 2019 Secondo i più recenti dati epidemiologici (I numeri del cancro in Italia, VIII edizione 2018), complessivamente in Italia ogni giorno circa mille persone ricevono una diagnosi di tumore maligno e le malattie neoplastiche rappresentano ancora la seconda causa di morte (29% di tutti i decessi) dopo le malattie cardiovascolari (37%). In particolare, i dati ISTAT indicano il carcinoma del polmone come prima causa di morte oncologica nella popolazione italiana generale, seguito dal carcinoma del colon-retto e dal carcinoma della mammella femminile. Il tumore dell’ovaio, al nono posto tra le forme tumorali, a fronte di un’incidenza relativamente bassa, rappresenta la principale causa di morte per tumore ginecologico. “Risultati simili sono stati ottenuti anche da altri gruppi di ricerca in differenti tumori solidi. Sulla base di tali rilevanze cliniche e in considerazione del ruolo di NEK6 nella progressione del ciclo cellulare e nella crescita ancoraggio-indipendente, abbiamo ipotizzato che tale proteina potesse costituire un target interessante e promettente per nuove terapie antitumorali personalizzate”. “Grazie all’utilizzo dei più recenti metodi di chimica computazionale, che permettono di testare virtualmente milioni di composti al computer, abbiamo identificato una serie di molecole con putativa attività inibitoria per NEK6”, prosegue la dottoressa De Rosa .

 

Il Gemelli in Alleanza Contro il Cancro

Roma Il Gemelli in Alleanza Contro il Cancro Nuovo impulso alla lotta contro i tumori dall'ingresso nel network delle strutture di eccellenza di uno dei più importanti centri italiani impegnati nella ricerca e nella cura delle malattie oncologiche. giugno 2018 La Fondazione Policlinico Universitario Agostino Gemelli IRCCS è entrata a far parte di Alleanza Contro il Cancro (ACC), la rete di ricerca oncologica nazionale italiana. Lo ha deciso oggi il Consiglio direttivo di ACC accogliendo la richiesta della Fondazione – riconosciuta IRCCS lo scorso febbraio a testimonianza dell’impegno profuso nell’ambito della ricerca. La sua missione è di generare sinergie e innovazione nella lotta ai tumori – ha detto il Presidente, Ruggero De Maria – e l’ingresso di Fondazione Gemelli, uno dei più grandi centri italiani specializzati nella cura del cancro, incrementerà in maniera significativa il contributo che la Rete potrà fornire all'oncologia italiana. Lo testimonia il nostro Libro Bianco dell'Oncologia che riassume tutta la nostra attività clinica, scientifica ma anche solidale attraverso le associazioni che operano per la cura del paziente anche nei suoi aspetti spirituali e morali. Per il riconoscimento del carattere scientifico il Policlinico ha individuato nella medicina personalizzata e nelle biotecnologie innovative le discipline rappresentative delle attività svolte dai propri ricercatori, materie che si intersecano perfettamente con i programmi di ACC Genomics, il gruppo di lavoro creato per promuovere la collaborazione tra Soci. In ordine invece all’opportunità di condivisione dei numeri, va ricordato che nel solo 2017 circa 46 mila i Pazienti hanno scelto di curarsi al Gemelli dove sono state eseguite 1 milione di prestazioni ambulatoriali e 22 mila ricoveri di natura oncologica.

 

Scambia alla guida del nuovo IRCCS

Roma Scambia alla guida del nuovo IRCCS Il professor Giovanni Scambia , Ordinario di Ginecologia e Ostetricia all'Università Cattolica, è stato nominato Direttore Scientifico della Fondazione Policlinico Universitario A. Gemelli – IRCCS di Roma. marzo 2018 Il professor Giovanni Scambia è il Direttore Scientifico della Fondazione Policlinico Universitario A. Gemelli – IRCCS di Roma. La ha nominato, su proposta del Presidente della Fondazione dottor Giovanni Raimondi, il Consiglio di Amministrazione riunito venerdì 16 marzo. La Fondazione Policlinico Universitario A. Gemelli di Roma ha ottenuto il riconoscimento del carattere di Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico, IRCCS, per le discipline di "Medicina personalizzata" e "Biotecnologie innovative" nei giorni scorsi con decreto del Ministro della Salute Beatrice Lorenzin. Il professor Giovanni Scambia è Ordinario di Ginecologia e Ostetricia presso l'Università Cattolica del Sacro Cuore e Direttore del Polo Scienze della Salute della Donna e del Bambino della Fondazione Policlinico Universitario A. Gemelli. È membro del Consiglio Superiore di Sanità e Presidente della Società Italiana di Ginecologia e Ostetricia (SIGO). Specialista in Ginecologia e Ostetricia, il professor Scambia è membro della Società Italiana di Ginecologia Oncologica, della Società Italiana di Ginecologia e Ostetricia, dell'European Society of Gynecologic Oncology, dell'E.O.R.T. Gynecologic Cancer Coop.

 

Il Gemelli riconosciuto come IRCCS

Il Gemelli riconosciuto come IRCCS Il ministro della Salute Beatrice Lorenzin ha firmato in aula Brasca il decreto di riconoscimento del Policlinico come Istituto di ricovero e cura a carattere scientifico per le discipline di Medicina personalizzata e Biotecnologie innovative. Non sono uno scienziato, ma sono innamorata della scienza: grazie a voi che mi avete accompagnato in un bellissimo viaggio in tutte le grandi sfide del mondo della Salute. Ho sempre ascoltato molto il mondo della Medicina e quella del ministero è stata una delle esperienze più importanti della mia vita». L’IRCCS è un centro di ricerca traslazionale, è un forte elemento della Ricerca italiana» ha continuato il ministro. In cinque anni di Governo quello del Policlinico Gemelli è il terzo IRCCS che ho autorizzato, poiché il progetto proposto è molto in linea con la vostra attività di ricerca, grazie a una grande team internazionale. Vi ringrazio molto e sono molto felice di poter firmare io questo decreto: in questo Policlinico c’è un’assistenza straordinaria, non solo verso il malato, ma per tutta la sua famiglia e per chi è accanto». Questo riconoscimento è il coronamento di un’operazione molto complessa e la conferma che il legame fra Università Cattolica e Fondazione Policlinico Gemelli è forte ed efficace.

 
Go top