La tua ricerca ha prodotto 2 risultati per natura:

Arte e botanica alla Galleria Alberoni

Piacenza Arte e botanica alla Galleria Alberoni Nell’ambito delle Giornate europee del Patrimonio, il 22 e il 23 settembre visite speciali al giardino del Collegio e alle opere artistiche. Un viaggio alla scoperta della natura anche attraverso la visione dei dipinti guidata da due botanici dell’Ateneo. settembre 2018 Due appuntamenti alla scoperta di fiori, frutta e piante nei capolavori artistici. Arte e natura, due mondi che possono sembrare così lontani ma che si avvicinano in un intenso programma proposto dalla Galleria Alberoni in sinergia con la sede di Piacenza dell’Università Cattolica e altri istituti culturali. arte #botanica #alberoni #natura Facebook Twitter Send by mail.

 

Garda, un patrimonio da salvare

Ambiente Garda, un patrimonio da salvare Con il progetto Cluster Garda i ricercatori di Scienze matematiche, fisiche e naturali raccoglieranno i dati per effettuare una nuova cartografia del più grande lago d’Italia. Il database servirà per la simulazione di potenziali calamità ed eventi estremi 31 ottobre 2017 Il lago di Garda o Benaco, come lo chiamava Virgilio nelle Georgiche, costituisce un patrimonio di straordinaria ricchezza per l’elevato valore naturalistico, culturale ed economico. Tuttavia la sua estensione e varietà di ambienti, il lungo tempo di ricambio delle acque, nonché la collocazione in una delle aree più densamente abitate e industrializzate d'Europa, lo rendono particolarmente vulnerabile agli impatti antropici e agli effetti del cambiamento climatico. Noi partiremo subito questo mese con una prima azione che scandaglierà il fondo del lago in modo da aggiornare una cartografia ferma agli anni Sessanta, grazie ad un contributo della Fondazione Cariplo , in collaborazione con il CNR di Bologna.”. L’auspicio dei promotori del Cluster Garda è che si riesca a tutelare e valorizzare il lago di Garda in un’ottica integrata, consapevole e di sostenibilità ambientale e che questo impegno sia condiviso in modo interdisciplinare, intersettoriale e territoriale. Nel 2016 il turismo della sponda bresciana del lago di Garda ha infatti rappresentato il 64,6% degli arrivi e il 73,7% delle presenze del movimento turistico bresciano (fonte: Settore Turismo Prov. di Brescia). Si tratta di un dato poco noto, ma che equivale a più del 25% di arrivi e presenze della riviera del Garda bresciano.

 
Go top