La tua ricerca ha prodotto 1 risultato per opera:

Il vino sostenibile

VIVA Sustainable Wine nasce nel 2011 come progetto nazionale pilota, con lo scopo di misurare e migliorare le performance di sostenibilità della filiera vite-vino, a partire dalla sperimentazione su 9 produttori italiani, che hanno sottoposto il loro processo produttivo ad una valutazione dell’impronta ambientale dal campo al consumo. Grazie all’individuazione di quattro indicatori (Aria, Acqua, Territorio e Vigneto), accompagnati dai relativi disciplinari, le aziende hanno potuto misurare l’impatto della loro produzione in termini di sostenibilità ed intraprendere in tal modo, su base volontaria, un percorso di miglioramento. Al fianco dei nove grandi produttori che hanno partecipato al progetto pilota, molte aziende stanno manifestando il loro interesse, mentre altre hanno già aderito a VIVA. Il workshop è stato dunque l'occasione per presentare agli addetti ai lavori e alla collettività, il bilancio di quanto realizzato e dei principali risultati raggiunti, tra questi il più rilevante è senz’altro l’aggiornamento degli indicatori Territorio, Acqua e Vigneto. La nuova versione degli indicatori è certamente più intuitiva grazie anche alla realizzazione di software di calcolo completamente gratuiti e a breve disponibili sul sito www.viticolturasosteninile.org . La creazione dei software e di nuove interfacce rendono il sistema più fruibile agli utenti per favorire l’ aumento dell’ efficienza operativa che si traduce anche in riduzione dei costi. Fra i relatori Lucrezia Lamastra, ricercatrice della facoltà di Scienze Agrarie, alimentari e ambientali dell’Università Cattolica del Sacro Cuore, Elisa Novelli (Opera, Università Cattolica del Sacro Cuore), Andrea Di Guardo (Informatica Ambientale) e Matteo Monchiero (ANT‐NET Srl).

 
Go top