La tua ricerca ha prodotto 1 risultato per patente:

La patente? Si prende per gradi

Milano La patente? Si prende per gradi Introdurre anche in Italia il modello della formazione progressiva per confermare l’acquisizione del permesso di guida e limitare il numero di incidenti stradali. Per questo in alcuni Paesi è stato adottato il modello della formazione progressiva che accompagna il neopatentato nei primi anni di guida, verificando abilità e compatibilità con le norme prima di confermare l’acquisizione della patente. Se ne è discusso oggi a Milano, presso l'Università Cattolica, nell'aula Pio XI, durante il seminario “Neopatentati: categoria a rischio?” , organizzato dall’ Unità di Ricerca in Psicologia del Traffico dell'Università Cattolica, in collaborazione con UNASCA , l'Unione Nazionale Autoscuole e Studi di Consulenza Automobilistica. Per patente progressiva si intende un percorso formativo che prevede l’ottenimento della patente per gradi, in seguito a diversi esami, periodi di pratica sulla strada e momenti di monitoraggio della condotta tenuta. psicologiadeltraffico #patente #guida Facebook Twitter Send by mail ALCUNI DATI Nei 28 Paesi dell'Unione Europea, mentre per la fascia dai 40 anni in su le cause principali di morte sono malattie respiratorie o cardiache, tra i 15 e i 29 anni la morte avviene per "cause esterne". In Norvegia, ad esempio, da quando è stato introdotto un sistema di educazione specifico il numero dei morti per incidente stradale tra i 16 e i 24 anni è calato del 73%, passando da 49 nel 2010 a 13 nel 2017. Una serie di 34 studi condotti tra gli Stati Uniti e il Canada ha messo in luce come grazie all'introduzione della patente graduale gli incidenti che hanno coinvolto gli utenti di 16 anni d'età siano diminuiti del 36%.

 
Go top