La tua ricerca ha prodotto 1 risultato per perdono:

Se l’economia misura il perdono

milano Se l’economia misura il perdono Essere oggetto di cura e di relazione cambia l’atteggiamento verso la realtà anche nelle situazioni più marginali. Molto esplicativo il caso dei carceri californiani di massima sicurezza di Avenal e Mule Creek , condotto su un gruppo di 50 detenuti che la Ong americana Insight-Out ha coinvolto in un progetto di riappropriazione del sé e di riconoscimento e gestione delle proprie emozioni. Insieme ai giochi economici sono stati inseriti anche due test psicologici in cui si chiede a detenuti e tossicodipendenti di dare una propria valutazione sia della propria attitudine al perdono degli altri sia della propensione al perdono di sé. Quello che dimostra la ricerca, che rientra nei progetti di interesse d'Ateneo, è che una persona, anche nella situazione più disastrata, per poter cambiare e avere una relazione positiva con gli altri deve per prima cosa sperimentarla su di sé. I carcerati californiani che hanno partecipato al progetto Grip hanno mostrato una crescita dell’autostima (+13%) una maggiore capacità sia di concedere (+33%) che di richiedere (+15%) il perdono ad altre persone . Nel momento in cui uno si accorge di aver fatto un grande errore ma di poter ripartire e che nonostante l’errore che ha compiuto c’è qualcuno che gli vuole bene e lo mette in grado di voler bene ad altri che hanno sbagliato, lì comincia il cambiamento. E una volta che uno sta facendo qualcosa con chiunque, se non è capace di perdonare ed essere perdonato questa bella cosa non partirà mai; non è infatti possibile mantenere una relazione con altre persone senza essere capaci di perdono.

 
Go top