La tua ricerca ha prodotto 2 risultati per premioricci:

Il premio Ricci va in Cina

milano Il premio Ricci va in Cina Il riconoscimento della facoltà di Scienze politiche e sociali per l’anno 2018-2019 è stato attribuito al professor Li Tiangang , direttore del Xu-Ricci Dialogue Institute. La consegna si terrà mercoledì 27 marzo alla presenza del cardinal Giuseppe Versaldi 13 marzo 2019 Il Premio internazionale Matteo Ricci è stato attribuito dalla facoltà di Scienze politiche e sociali al professor Li Tiangang , direttore del Xu-Ricci Dialogue Institute, Fudan University di Shanghai. Con l’autorevolezza dei suoi studi ha contribuito in modo determinante al riconoscimento pubblico dell’identità cristiana di Xu Guangqi da parte delle autorità politiche di Shanghai, mostrando le opportunità che può offrire la ricerca scientifica nella promozione di un dialogo costruttivo con le istituzioni. Il rigore delle sue ricerche scientifiche su Xu Guangqi, così come i suoi studi su Matteo Ricci e sulla religiosità popolare, si sono uniti a un coraggioso impegno civile per diffondere una conoscenza non superficiale e non stereotipata della presenza del cristianesimo in Cina. In questo modo il Professor Li ha dato il proprio contributo ad aprire, nello spirito di Matteo Ricci, un essenziale varco alla rispettosa accettazione delle differenze religiose, a sua volta fondamentale nella promozione di una costruttiva convivenza». Matteo Ricci (1552 – 1610,) «figura straordinaria di missionario cattolico e di scienziato, esempio di testimonianza degli ideali di fratellanza tra i popoli, seppe esprimere in questa sua vocazione la rilevanza della ricerca scientifica come momento capace di accomunare nel reciproco rispetto le persone umane orientate alla verità». Xu Guangqi, di cui è stata avviata nel 2011 la causa di beatificazione, fu amico dei missionari gesuiti che operarono in Cina, e in particolare di Matteo Ricci, con il quale stabilì un profondo dialogo culturale.

 

Il Matteo Ricci di Jakarta

Milano Il Matteo Ricci di Jakarta La facoltà di Scienze politiche e sociali ha conferito il Premio internazionale intitolato al gesuita marchigiano del 1500 a padre Franz Magnis-Suseno, che ha speso la sua vita in Indonesia nel nome del dialogo interreligioso. novembre 2016 Un riconoscimento a una figura che nella sua vita e nella sua attività scientifica ha saputo creare un dialogo tra le fedi. È con questo spirito che la facoltà di Scienze politiche e sociali dell’Università Cattolica ha conferito il Premio internazionale Matteo Ricci al gesuita padre Franz Magnis-Suseno S.J. La sua ampia bibliografia comprende 39 volumi e più di 600 articoli, per la maggior parte in lingua indonesiana, principalmente nei campi dell’Etica, della Filosofia politica, della Concezione del mondo Giavanese e della Filosofia di Dio. È stato più volte membro di delegazioni ufficiali del Governo Indonesiano in altri Paesi. La ricerca delle condizioni che garantiscono la pacifica coesistenza tra persone e gruppi di differenti estrazioni culturali e religiose - principio riconosciuto come fondamentale dalla stessa Costituzione indonesiana - richiede un lavoro educativo profondo e costante sulle persone» ha detto il rettore. Nella sua vita padre Magnis-Suseno testimonia quotidianamente l’importanza del Vangelo, come paradigma di vita, che per i credenti esprime la natura soprannaturale della Provvidenza sui destini. Egli opera prima di tutto per promuovere - nella rispettosa accettazione delle differenze - il dialogo e la riconciliazione tra Cristiani e Musulmani, nella convinzione che la pacifica coesistenza aiuti a garantire la dignità di tutti ed in particolare dei poveri, le persone più colpite dai conflitti».

 
Go top