La tua ricerca ha prodotto 1 risultato per psicopatologia:

Gaming disorder, consigli per genitori

Roma Gaming disorder, consigli per genitori La dipendenza da videogiochi è ufficialmente una malattia. In nessun modo questa notizia dovrebbe creare allarmismi, ma considerando quanto bambini e adolescenti sono attratti da questa attività ludica così seduttiva e sofisticata è necessario avere un’idea di come orientarci in questo mondo nuovo e sconosciuto alla maggior parte degli adulti. Ricordiamoci che giocare con i nostri figli e il modo migliore di stare con loro anche di fronte a un gioco digitale che non sappiamo condividere, proprio per questo avremo l’occasione di meravigliarci. Non è un caso che i più piccoli mostrano la tendenza a iniziare a parlare con un po’ di ritardo rispetto a prima, sia perché hanno una grande facilità a costruire pensieri con le immagini sia perché gli adulti parlano meno con loro. Apprendere con le immagini è emozionante quasi come una nuova esperienza, al contrario apprendere con le parole può significare comunicare su una frequenza che molti bambini fanno fatica a ricevere. I bambini con disturbo dell’apprendimento sono bambini che si annoiano ed è sano immaginare una scuola del futuro fatta da visori immersivi (come si fa nei giochi) e dove i dati cognitivi siano integrati con esperienze emotive digitali, impermeabili alla distrazione. Il gioco diventa gaming disorder quando è solo una consolazione, quando è sostenuto da una rabbia che non si vede, quando è associato all’abbandono della scuola e al ritiro sociale.

 
Go top