La tua ricerca ha prodotto 6 risultati per rai:

Roma in festa per il Sacro Cuore

auditorium Roma in festa per il Sacro Cuore Nel corso della cerimonia, sono stati omaggiati il cardinale Angelo Comastri , Vicario Generale di Sua Santità per la Città del Vaticano, e Vincenzo Morgante , direttore della testata giornalistica regionale della Rai. Accolgo questo riconoscimento come un incoraggiamento a spendermi ancora di più nella missione di accompagnare le persone ad accogliere Gesù» ha detto il cardinale Angelo Comastri nel suo saluto. La testimonianza dell’Università Cattolica è molto importante in questo periodo di grande inquietudine e disorientamento culturale». Ogni giorno tutti voi svolgete con grande dedizione il vostro lavoro e questo è motivo di grande conforto e grande orgoglio» - ha affermato Vincenzo Morgante (nella foto in alto) nel suo intervento. Voi raccogliete e ascoltate il cuore di questi ragazzi e li portate a essere uomini di cultura capaci di dedicare attenzione e cura a chi soffre». Com’è consuetudine della sede di Roma dell’Ateneo sono state consegnate le targhe di benemerenza al personale non docente della facoltà di Medicina e chirurgia dell’Università Cattolica e della Fondazione Policlinico Universitario A. Gemelli con 20 anni di servizio, per significare il ruolo prezioso di tutti gli operatori nella vita dell’Istituzione. Al termine della cerimonia presso la Chiesa Centrale ha avuto luogo la celebrazione eucaristica presieduta dal cardinale Comastri e concelebrata da monsignor Claudio Giuliodori , assistente ecclesiastico generale dell’Università Cattolica.

 

Concorso Rai, en plein Cattolica

Corsi e Master Concorso Rai, en plein Cattolica Dieci tra i nuovi cronisti selezionati dall’emittente di Stato vengono dalla Scuola di Giornalismo del nostro Ateneo, incluso il primo della graduatoria. ottobre 2015 La Scuola di giornalismo dell’Università Cattolica esce dal concorso indetto dalla Rai per scegliere i suoi nuovi cronisti con un risultato notevole: i nostri studenti degli ultimi anni si sono aggiudicati 10 dei 100 posti disponibili, incluso il primo posto della graduatoria e due candidati nella top ten. La Scuola di Giornalismo dell’Università Cattolica ha sempre avuto le caratteristiche di una bottega - commenta il co-direttore Matteo Scanni - . La Scuola si fonda su tre pilastri: il giornalismo di inchiesta; una strategia di internazionalizzazione volta a collocare i giovani professionisti nel mondo globale dell’informazione; un’ampia offerta di corsi per i professionisti. A Matteo Scanni il compito di spiegare qual è la strategia seguita da quello che ufficialmente si chiama master biennale di primo livello in Giornalismo, a stampa radiotelevisivo e multimediale dell’ Almed : «Ci sforziamo di mantenere un approccio pratico in tutto ciò che facciamo. È dimenticandosi di essere una scuola e cercando di stare sul mercato che nasce la qualità, che arrivano i risultati. In questo davvero facciamo la differenza», prosegue Scanni, che guarda al futuro: «Siamo affamati di progetti e partnership: sansirostories.it ha inaugurato una collaborazione con il Politecnico di Milano, insieme ci occupiamo di periferie urbane con ogni sorta di tool e linguaggio crossmediale.

 

Giornalismo, la Scuola che piace alla Rai

CATTOLICAPOST Giornalismo, la Scuola che piace alla Rai Nel concorso della Tv pubblica, su 100 vincitori sono stati scelti 10 allievi degli ultimi anni del master biennale che forma nuovi professionisti dell’informazione. by Daniela Fogliada | 25 novembre 2015 Un’alta percentuale di successi e una formazione di valore che segue da vicino gli studenti, cercando di anticipare i cambiamenti del mondo dell’informazione. Potrebbe sembrare uno spot, se non fosse la premessa della notizia che all’ultimo concorso Rai, 10 dei 100 posti in palio per gli oltre 4mila aspiranti sono stati appannaggio dei professionisti usciti dalla nostra Scuola di Giornalismo , tra l’altro con un ottimo piazzamento che comprende anche il primissimo posto in graduatoria . Sulle orme di chi, prima di loro, dopo aver frequentato la Scuola è cresciuto professionalmente proprio in Rai o nelle principali testate, scegliendo la strada del giornalista freelance, entrando a far parte delle redazioni dei più importanti quotidiani, scalandone le posizioni fino a raggiungere anche ruoli di dirigenza. Nell’ultimo anno - aggiunge Scanni - i ragazzi della Scuola sono stati coinvolti anche in San Siro Stories , un ambizioso progetto giornalistico, narrativo e multimediale realizzato con strumenti nuovi che il giornalista di oggi deve necessariamente conoscere e padroneggiare per sopravvivere nel mondo del lavoro. Una storia di frontiera che ha molto da dire a quanto succede alle nostre metropoli che si trovano impaurite e impreparate ad affrontare il nemico che cresce dentro di loro. giornalismo #rai #informazione #tv Facebook Twitter Send by mail UNA FORTE POLITICA DI STAGE E PLACEMENT Da quest’anno la Scuola di Giornalismo forma 30 studenti , portandoli avanti per un biennio articolato in attività teoriche e laboratori in cui mettersi alla prova a livello pratico per affinare le tecniche giornalistiche.

 

Gemelli, la magia del cinema come terapia

ROMA Gemelli, la magia del cinema come terapia Dal 4 al 10 gennaio 2016 sulle reti Rai a sostegno del progetto del Policlinico e di MediCinema Italia Onlus per realizzare la prima vera sala cinematografica e utilizzare il cinema a scopo terapeutico per malati e familiari. Dall’incontro tra il Policlinico Universitario A. Gemelli di Roma e MediCinema Italia Onlus è nato un grande progetto: la realizzazione della prima vera sala cinematografica in uno dei maggiori ospedali italiani. MediCinema utilizza il grande cinema come terapia di sollievo nelle strutture ospedaliere, allestendo sale per la proiezione di film appositamente dedicate ai pazienti e ai loro familiari. La sala MediCinema al Gemelli, che aprirà a marzo 2016, sarà in grado di accogliere anche pazienti non autosufficienti, a letto o in sedia a rotelle. Sarà possibile inviare un SMS solidale per donare 2 da telefoni cellulari TIM, Vodafone, WIND, H3G, PosteMobile e CoopVoce; o effettuare una chiamata da telefono fisso per donare 2 da rete Vodafone e TWT e 2 o 5 da rete TIM e Fastweb. La sala MediCinema al Gemelli sarà in grado di accogliere anche pazienti non autosufficienti, a letto o in sedia a rotelle e disporrà di 130 posti per ospitare degenti, familiari, amici, volontari e personale di assistenza.

 

Cinema in ospedale, 36mila grazie

Il Segretariato Sociale Rai ha sostenuto la raccolta e la campagna di informazione attraverso un’estesa e capillare copertura televisiva e radiofonica su tutte le reti del servizio pubblico dal 4 al 10 gennaio che hanno deciso di dare voce al progetto. La campagna è stata rilanciata e moltiplicata da decine di migliaia di atti di condivisione e partecipazione attraverso le pagine Facebook e i Tweet di sostenitori di tutta Italia. Il progetto destinatario della raccolta fondi si sta realizzando per la prima volta in Italia presso il Policlinico A. Gemelli di Roma, ma il programma di terapia con cinema promosso da MediCinema Italia Onlus ha ottenuto tantissima attenzione anche in altre Regioni. Fondamentale l’appoggio anche di giornalisti, autori, personalità e influencer , non solo del mondo Rai: Piera Detassis , Maurizio Costanzo e Federica Gentile , i ragazzi del Cinema America Occupato, i 100autori, Davide Dellacasa , la comunità dello Spazio Vita e Nemo del Niguarda di Milano. La grande comunità del Gemelli si è impegnata intensamente per la riuscita della campagna, che ha coinvolto pazienti, medici, docenti e studenti, infermieri e tutta la struttura amministrativa. Il ricavato della campagna sarà integralmente destinato alla copertura dei costi di acquisto materiali, tecnologie e arredi per ristrutturazione e allestimento sala, in particolare ad apparecchi e tecnologie audio-video per offrire proiezioni della migliore qualità disponibile sul mercato. Ma questo successo non sarebbe stato possibile senza la generosità di tantissimi anonimi donatori che stanno credendo nel progetto e che continuano a sostenerlo anche attraverso testimonianze e attività di volontariato.

 

Perché dico viva la Rai

Giovedì 24 novembre la presentazione con Carlo Freccero del libro pubblicato dal professore della facoltà di Scienze linguistiche per Vita e Pensiero by Velania La Mendola | 26 ottobre 2016 Non è la Bbc ma, a certe condizioni, della Rai abbiamo ancora bisogno. Massimo Scaglioni , docente di Storia dei media alla facoltà di Scienze linguistiche, va al cuore di una questione che, nel nostro Paese, ha sempre fatto discutere e farà parlare ancora di sé dopo che il 6 maggio 2016 è scaduta la convenzione ventennale tra Stato e Rai Spa in materia. Morte o rinascita della Rai? stiamo parlando di «un’idea moderna, tanto più a fronte dei cambiamenti economici e mediali in corso, perché fa da contrappeso rispetto alla tendenza naturale del mercato verso la concentrazione in grandi conglomerati, sempre più rilevanti nel panorama statunitense ed europeo (Google, Youtube, ecc.). La speranza è nella legittimazione dell’esserci, dell'essere riconosciuto come bene comune, che ogni cittadino pensi che è importante che ci sia». Eppure sembra che la maggioranza degli italiani sia insoddisfatta della Rai, perché? «L’ingerenza politica ha minato la legittimazione del servizio di fronte al pubblico. La Rai è anche una storia di progetti quindi? «Sì, anzi è la parte meno indagata della sua storia ed è quella che cerco di delineare nel libro. I cattolici rimangono ancora portatori di valori fondamentali per il futuro del servizio pubblico, non nel senso di chiusura confessionale, ma nel senso dell’umanesimo, della centralità dell’uomo, per l’idea del servizio, se crediamo in una comunità che dialoga.

 
Go top