La tua ricerca ha prodotto 3 risultati per religioni:

Fine vita, manifesto interreligioso

Roma Fine vita, manifesto interreligioso Il documento, promosso da Asl Roma1, GMC - Università Cattolica e Tavolo interreligioso di Roma, sarà sottoscritto da diverse confessioni religiose. gennaio 2019 Si terrà il prossimo martedì 5 febbraio a Roma la cerimonia di presentazione e firma del Manifesto interreligioso dei diritti nei percorsi di fine vita (Complesso monumentale del Santo Spirito – Asl Roma1). La cerimonia di presentazione, con inizio alle 11.30, sarà aperta dai saluti istituzionali di Angelo Tanese , direttore generale Asl Roma 1, Pier Francesco Meneghini , presidente Gmc – Università Cattolica del Sacro Cuore, e Maria Angela Falà , presidente Tavolo interreligioso di Roma. Poi Monica Mondo , giornalista di Tv2000, presenterà il progetto mentre l’attore Sebastiano Somma darà lettura dei diritti della persona morente. dialogo #religioni #finevita Facebook Twitter Send by mail Print.

 

Il rabbino, l’imam e il vescovo, in dialogo sull’economia

Il dibattito Il rabbino, l’imam e il vescovo, in dialogo sull’economia Un esercizio di confronto tra le tre grandi religioni monoteiste, quello realizzato da Alfonso Arbib, Yahya Pallavicini e monsignor Claudio Giuliodori . Tutti d’accordo sul ruolo delle religioni per il risveglio delle coscienze by Paolo Ferrari | 22 maggio 2020 L’Università Cattolica come spazio di dialogo tra culture e religioni diverse, consapevoli che incontro e dialogo siano le strade migliori per comprendere il mondo che ci circonda. Serve un intervento collettivo, dello Stato, che deve stabilire che chi ha di più aiuti chi ha di meno, ed è ciò che si chiama solidarietà». L’iman Yahya Pallavicini ha avanzato la proposta di realizzare un documento condiviso tra le religioni in vista del G20 di ottobre per sollecitare i grandi del mondo a tenere in conto la crisi, le conseguenze per Paesi ricchi e Paesi poveri e il riferimento al bene comune. Un’economia che non deve essere discriminatoria verso la religione e religioni che modifichino le esigenze nei confronti di una realtà che è cambiata. Il vescovo Giuliodori, tracciando un percorso che da due secoli di Dottrina sociale della Chiesa arriva alle encicliche di Francesco, Evangelii Gaudium e Laudato si’, ha mostrato la visione cristiana dell’economia, della società, della finanza e dell’ambiente. Secondo monsignor Giuliodori, le grandi religioni si ritrovano nello stabilire un riverbero nella società umana per respingere tutto ciò che c’è di riduttivo e che porta alla cultura dello scarto.

 

Le religioni del mondo: “Nessuno si salva da solo”

Roma Le religioni del mondo: “Nessuno si salva da solo” Roma è tornata a essere capitale della Pace con l’incontro che ha riunito al Campidoglio le grandi religioni mondiali. La partecipazione di Papa Francesco, di Bartolomeo I e del presidente della Repubblica Sergio Mattarella by Federica Mancinelli | 22 ottobre 2020 “No one is saved alone ”: Il mondo guardava ai leader religiosi e politici che guardavano il mondo per proteggerlo, quando Roma è tornata a essere capitale della Pace. Con la partecipazione di papa Francesco e del presidente della Repubblica italiana Sergio Mattarella ha risuonato forte l’appello contro la guerra. Mettere fine alla guerra - ha detto Papa Francesco nel suo discorso prima della lettura dell’Appello di pace - è dovere improrogabile di tutti i responsabili politici di fronte a Dio. La pace è la priorità di ogni politica. Dio chiederà conto, a chi non ha cercato la pace o ha fomentato le tensioni e i conflitti, di tutti i giorni, i mesi, gli anni di guerra che hanno colpito i popoli! C'è bisogno di pace! Più pace!». Le cure e i vaccini che la scienza potrà offrirci devono essere disponibili per tutti, in tutto il mondo» ha detto il presidente Mattarella, sottolineando il ruolo dell’Italia come luogo di dialogo e pace in un periodo così complesso come quello della pandemia. Prima di riunirsi tutti insieme sul colle del Campidoglio i leader religiosi hanno pregato in luoghi diversi: i cristiani nella basilica dell'Ara Coeli, gli ebrei nella Sinagoga, i musulmani nella Sala Rossa del Comune, i buddisti nell'ex chiesa di Santa Rita, Sikh e Indù nel convento dei Francescani.

 
Go top