La tua ricerca ha prodotto 1 risultato per riders:

I riders hanno già un contratto di riferimento

Intervista I riders hanno già un contratto di riferimento Il giuslavorista dell’Università Cattolica Michele Faioli critica l’ipotesi della negoziazione che è partita, al ministero del Lavoro, il 3 agosto. Esiste già un contratto collettivo, quello della logistica, che li tutela come lavoratori subordinati» by Katia Biondi | 06 agosto 2020 Il 3 agosto è stata una data importante per i riders. Qual è allora il problema? «Intanto il tavolo non è ben composto: servirebbe coinvolgere anche altre organizzazioni datoriali, per intenderci quelle della logistica, del terziario, dei pubblici esercizi, perché evidentemente Assodelivery da sola non è rappresentativa di quel mondo, e altre organizzazioni sindacali (tra cui, ad esempio, Ugl). E poi ci sono problemi sul livello sindacale da coinvolgere: nel senso che è chiaro se tale accordo verrà firmato Cgil, Cisl e Uil, intese come confederazioni, o dalle rispettive federazioni che occupano di logistica o terziario». Quindi in un certo senso questo contratto non darà tutte le tutele che invece i riders si aspettano, che è quella tipica del lavoro subordinato. La domanda che molti si stanno ponendo: che senso ha negoziare un contratto per lavoratori autonomi riders quando ne esiste già uno per i riders lavoratori subordinati? Insomma queste complicazioni non sono risolte né dalla legge né il ministero ha dato indicazioni. Questo è il vero fenomeno su cui riflettere per il prossimo futuro e non solo quello riders che è parte marginale del fenomeno della gig-economy, tra l’altro facilmente assorbibile da regole già esistenti».

 
Go top