La tua ricerca ha prodotto 1 risultato per rivella:

Finanze Vaticane: pronta la riforma 2.0

Mauro Rivella, ospite della Cattolica di Piacenza: “La riforma degli organismi economici della Santa Sede, una priorità per papa Francesco”. marzo 2016 di Ginevra Gobbi, Antonela Jelec* La riforma degli organismi economici della Santa Sede è stata una delle priorità dell’avvio del pontificato di Papa Francesco. Ma oggi, dopo la promulgazione del Motu proprio Fidelis dispensator et prudens, con il quale il Pontefice ha costituito una struttura di coordinamento degli affari economici ed amministrativi della Santa Sede e dello Stato Città del Vaticano, siamo già pronti per una release 2.0. Mauro Rivella, attuale segretario dell’Amministrazione del Patrimonio della Sede Apostolica (APSA) e membro della Sezione Amministrativa della Segreteria per l’Economia che lo scorso 29 febbraio, su invito del prof. Antonio G. Chizzoniti ha tenuto a Piacenza nel Corso di Diritto canonico una lezione sul tema. Una riforma che ha toccato molti dei soggetti che in precedenza si occupavano della gestione economica del Vaticano: il Consiglio dei 15 cardinali, la Prefettura degli affari economici della Santa Sede (non più esistenti) e la stessa APSA. Oggi quest’ultimo organismo, superata l’originaria struttura in sezioni (ordinaria e straordinaria, le cui competenze per la gestione del patrimonio immobiliare e mobiliare sono state in parte trasferite alla Segreteria per l’Economia), ha adottato una ripartizione per aree: una prima focalizzata sulla gestione immobiliare e una seconda sull’attività finanziaria. Rivella, il caso degli investimenti finanziari che nella ricerca ancora una volta della massimizzazione del profitto potrebbero comportare impegni in società eticamente discutibili (armamenti, industrie impegnate nella produzione di farmaci abortivi o con organizzazione del lavoro non rispettosa dei diritti umani).

 
Go top