La tua ricerca ha prodotto 2 risultati per scala:

Scala, abbonamenti a prezzi agevolati

Per la stagione di Recital di Canto il costo del posto palco è di euro 77 e del posto platea di euro 126. I recital di canto sono un’ulteriore occasione di ascoltare alla Scala alcune delle voci più prestigiose del panorama internazionale, ma offrono in primo luogo la possibilità di ascoltare un repertorio di canto da camera che include alcune delle gemme più preziose della tradizione musicale dell’Occidente. Il 26 gennaio il basso Erwin Schrott , protagonista di tante serate scaligere (incluso Escamillo nella Carmen inaugurale del 2009) e di recente apprezzato Alidoro ne La Cenerentola si presenta con un pianista di sicura esperienza come Giulio Zappa . Il 23 febbraio Aleksandra Kurzak , che qui ha cantato in Rigoletto, Le nozze di Figaro e Le Comte Ory e Julius Drake, tra i più apprezzati accompagnatori, presentano un programma di Lieder di Schubert, Schumann, Brahms e Richard Strauss. Il 19 aprile il ciclo dei recital si apre alla voce di controtenore con uno degli artisti più acclamati dei nostri anni, Bejun Mehta , già presente alla Scala in Tamerlano nel 2017 e Giulio Cesare nel 2019, che proporrà musiche di Mozart, Beethoven, Haydn, Britten e Mahler insieme a Jonathan Ware . Per il 27 ottobre è di nuovo Giulio Zappa ad accompagnare Marina Rebeka , straordinaria Violetta sotto la guida di Myung Whun-Chung nel 2019 e di Zubin Mehta nel 2020, con musiche di Rachmaninov, Bellini e Verdi. A concludere il ciclo un’altra coppia imperdibile per affinità di talento, gusto e sensibilità: Sabine Devieilhe , tra le voci più ricercate degli ultimi anni, e il pianista Alexandre Tharaud i n un programma di musica francese.

 

Mec, il film su Bolle a lezione

MILANO Mec, il film su Bolle a lezione Francesca Pedroni, autrice e regista del film-evento sul ballerino della Scala, ha incontrato gli studenti del master in organizzazione di eventi culturali. L’Arte della Danza”, avvenuta il 21, 22 e 23 novembre, l’Università Cattolica del Sacro Cuore ha offerto agli studenti del master Mec l’opportunità di partecipare ad una lezione aperta con le figure centrali coinvolte nel processo di ideazione, produzione e post-produzione. Per Sky Classica HD (canale 138), dove lavora, ha infatti realizzato più di una sessantina di documentari dedicati alla danza, tra cui “La Signora delle Camelie” e “Onegin”, che hanno visto la partecipazione dell’artista. Questo è il motivo per cui Emanuela Martini ha voluto fortemente questo film come anteprima al Torino Film Festival di cui è direttrice: il carisma di Roberto Bolle attrae un pubblico trasversale verso un’arte che viene considerata di élite. In questo modo si possono mostrare situazioni non godibili nemmeno dal pubblico presente agli spettacoli, come le lezioni di danza di Roberto Bolle e dei suoi Friends, le interviste e i dietro le quinte che forniscono veridicità al documentario e incuriosiscono lo spettatore. L’arte di accompagnare lo sguardo La seconda parte dell’incontro viene arricchita dall’esperienza di Raffaella Milazzo (produzione esecutiva, Classica, al centro nella foto con Alberto Fusco e Francesca Pedroni) e di Alberto Fusco (responsabile della post-produzione, Proxima) su altri aspetti fondamentali per la creazione del film. Dall’inserimento di prove e classi che mostrano le fasi di preparazione del tour emergono alcuni tratti della personalità dei danzatori in quanto artisti, con l’intento di stimolare e accompagnare lo sguardo del pubblico a partire da ciò che accade dietro le quinte.

 
Go top