La tua ricerca ha prodotto 3 risultati per sistemasanitario:

Walter Ricciardi Presidente della WFPHA

Roma Walter Ricciardi Presidente della WFPHA Il Presidente dell’Istituto Superiore di Sanità, docente di Igiene generale e applicata dell’Università Cattolica, è stato eletto a Ginevra alla presidenza italiana della World Federation of Public Health Associations (WFPHA). “Sono onorato di questa carica che permetterà di portare la nostra tradizione della Sanità pubblica in tutto il mondo – afferma il professor Ricciardi – la presidenza italiana è infatti un’occasione per sostenere una visione universalistica della sanità basata sul principio etico dell’equità. Fondata nel 1967 a Washington, la WFPHA è l’unica società professionale a livello mondiale impiegata a rappresentare una vasta area della salute pubblica nelle diverse discipline e attività. I membri delle Federazioni sono associazioni nazionali e regionali di sanità pubblica e più di 80 associazioni regionali di scuole di salute pubblica. La WFPHA fa parte delle Organizzazioni non governative (ONG) della World Health Organisation (WHO) e collabora con quest’ultima, per la promozione delle politiche salutari e delle best practice in ambito di salute pubblica in tutto il mondo. sanitapubblica #igiene #salute #sistemasanitario Facebook Twitter Send by mail Print.

 

Il contributo di Altems al SSN

Roma Il contributo di Altems al SSN L’intervento del Sottosegretario alla Salute Armando Bartolazzi al centro dell'Open Evening dell’Alta Scuola di Economia e Management dei Sistemi Sanitari dell'Università Cattolica, l'evento annuale di presentazione dell'offerta formativa. by Federica Mancinelli | 06 novembre 2018 «La sostenibilità è un impegno congiunto di tutte le istituzioni che operano nella Sanità. In realtà i finanziamenti non sono insufficienti, ma troppi sono ancora gli sprechi, le duplicazioni. Sono onorato di prendere la parola in questo contesto - ha detto il professor Bartolazzi nel saluto ai presenti - e mi congratulo per l’interdisciplinarietà di questa Alta Scuola. Il tema di cui parliamo stasera impegna il ministero della Salute a tutto campo. A distanza di quarant’anni dall’istituzione del Servizio Sanitario Nazionale, il panorama è profondamente cambiato, anzitutto dal punto di vista demografico, con l’aumento della speranza di vita per tutti, grazie a migliori stili di vita e ai progressi della scienza medica». A seguire si è aperto il dibattito, moderato dal giornalista Roberto Iadicicco, al quale hanno partecipato Roberto Bernabei, direttore del Dipartimento di Geriatria, Neuroscienze e Ortopedia della Fondazione Policlinico Universitario Agostino Gemelli IRCCS, e il preside Rocco Bellantone .

 

SSN, quarant'anni dopo

Roma SSN, quarant'anni dopo Un convegno promosso dall’Alta Scuola di Economia e Management dei Sistemi Sanitari (ALTEMS) dell’Ateneo ha fatto un bilancio dei primi 40 anni del Servizio Sanitario Nazionale, analizzando le sfide che la sanità italiana è chiamata ad affrontare in futuro. by Federica Mancinelli | 12 novembre 2018 “A 40 anni dalla legge 833 del 1978: le sfide per la sanità e la salute” è il titolo del convegno che si è svolto lo scorso 9 novembre nella sede di Roma dell’Università Cattolica, in occasione del quarantesimo anniversario dell’istituzione del Servizio Sanitario Nazionale. Il convegno è stato aperto da Domenico Bodega, Preside della Facoltà di Economia all’Università Cattolica, e Americo Cicchetti, Direttore dell’ALTEMS. “Il convegno – ha affermato Vincenzo Antonelli, coordinatore del Master - coinvolgendo qualificati esponenti del mondo accademico e delle istituzioni, intende non solo fare un bilancio dei primi 40 anni del Servizio Sanitario Nazionale, ma soprattutto prospettare ed approfondire le sfide che la sanità italiana è chiamata ad affrontare nel futuro. Tali sfide vanno dalla riorganizzazione delle aziende sanitarie al riassetto dell’assistenza primaria, da un nuovo ruolo dei privati alla dimensione internazionale ed europea dell’assistenza sanitaria, dalle ricadute delle nuove tecnologie sulla sanità al ripensamento della relazione terapeutica medico-paziente”.

 
Go top