La tua ricerca ha prodotto 8 risultati per softskills:

Il successo nel mondo del lavoro?

Piacenza Il successo nel mondo del lavoro? È anche una questione di soft skills. Un progetto di orientamento professionale e di career coaching x allenarsi al mondo del lavoro. Ascolto attivo, team working, self marketing, leadership, problem solving, organizzazione, public speaking e negoziazione, sono al centro del programma “Soft Skills dynamic lab”, organizzato dalla Funzione Stage &; Placement del campus piacentino per arricchire di abilità trasversali la “cassetta degli attrezzi” dei futuri laureati. Il motivo è funzionale: è più facile far acquisire ad una risorsa una capacità tecnica piuttosto che modificare il suo comportamento, il suo atteggiamento, la sua capacità di rimanere positivo, intraprendente, il suo approccio al lavoro e la sua spinta motivazionale”. “Il progetto– spiega Paolo Alice, formatore di Nextrategy partner di Rolleri Cultura d’Impresa e relatore del corso – è nato per aiutare i ragazzi ad acquisire le capacità di cui avranno bisogno per emergere come professionisti preparati e competenti nel mondo del lavoro”. Accanto all’attività di formazione finalizzate al potenziamento delle soft skills e alla sicurezza e salute nei luoghi di lavoro, è previsto l’inserimento dei laureati in aziende della provincia attraverso tirocini formativi e il loro successivo accompagnamento al lavoro con l’attivazione di contratti di alto apprendistato o a tempo indeterminato. “Il progetto – ricorda Antonella Vologni, Direttore di Forpin – è un importante banco di prova per le misure di politica attiva del lavoro di prossima realizzazione nella nostra Regione” #softskills #stageplacement #orientamento #studenti #neolaureati Facebook Twitter Send by mail.

 

Soft skills in Collegio

INDAGINE Soft skills in Collegio La ricerca Acru sul legame tra competenze trasversali e residenze universitarie prosegue, coinvolgendo più di 900 collegi. In arrivo le risposte delle 1.000 matricole intervistate per il progetto, che ha interessato anche i collegiali della Cattolica. by Valentina Giusti | 28 marzo 2019 Prosegue l’indagine per la valutazione del ruolo del Collegio nell’acquisizione delle soft skills delle matricole universitarie . Dopo la raccolta dati e il contatto diretto, all’inizio del 2019 si è entrati ufficialmente nella terza fase del progetto: la somministrazione di questionari a un campione di 1.000 studenti selezionati. Partita nel mese di ottobre 2018, la ricerca – a cura dell’Associazione Collegi e Residenze Universitarie (Acru) in collaborazione con l’Istituto Toniolo – è nata con la finalità di esaminare la progettualità educativa all’interno delle strutture che accolgono studenti e studentesse negli anni dell’Università. Da un campione di 100 strutture di tutta Italia sono state selezionate 1.000 matricole, a cui è stato somministrato, a partire dal mese di gennaio, un questionario da cui ricavare le informazioni necessarie per un riscontro sul collegamento soft skills-vita collegiale. Questa terza fase, attualmente in corso, ha prodotto da subito riscontri positivi: la maggior parte delle regioni coinvolte dimostra una partecipazione buona o addirittura ottima; sono state raggiunte 28 città, con la somministrazione (all’altezza degli inizi di marzo) di più di 600 questionari.

 

“Personal Development” come materia d’esame

L’Università Cattolica del Sacro Cuore, nel campus di Piacenza, ha attivato per gli studenti iscritti al corso di laurea in Management Internazionale un insegnamento denominato “Personal Development” proprio con l’obiettivo di fornire strumenti e nozioni funzionali a mettere a frutto le proprie caratteristiche personali in una prospettiva professionale. Dal personal branding alla gestione del proprio profilo reputazionale social (in particolare, quello di LinkedIn), alla promozione delle capacità di comunicazione, l’insegnamento rappresenta un unicum nel panorama universitario nazionale. Ad arricchire ulteriormente questa particolare proposta formativa, vi è anche la collaborazione stretta dell’Università Cattolica con Eggup , azienda innovativa partecipata da Digital Magics e specializzata nella mappatura e nella misurazione delle soft skills. Gli studenti del campus di Piacenza, infatti, avvalendosi della piattaforma digitale di Eggup, hanno potuto autovalutare il loro potenziale, scoprendo quali soft skills rappresentano dei punti di forza e quali, invece, costituiscono delle aree sulle quali lavorare per migliorare. “L’introduzione del corso di personal development rappresenta un allineamento con i curricula dei nostri partner esteri – spiega la professoressa Roberta Virtuani , docente della facoltà di Economia e Giurisprudenza -. E’ un’opportunità per dare ai nostri studenti le stesse possibilità dei loro colleghi stranieri in un mercato del lavoro globale e per rispondere alle richieste del mondo del lavoro che basa le valutazioni dei profili di neolaureati sui risultati universitari ma ancora di più sulle loro soft skills.”. I giovani studenti dell’Università Cattolica disporranno di un insieme di conoscenze e strumenti utilissimo per farsi strada nel mondo del lavoro di domani”.

 

Il lavoro? Ci penso prima della laurea

Piacenza Il lavoro? Ci penso prima della laurea Il servizio Stage &; Placement della Cattolica, tra orientamento professionale, colloqui di lavoro e business game. Puntando su soft skills e professionalità 06 settembre 2016 è con uno sguardo particolarmente sensibile che il Servizio Stage &; Placement dell’Università Cattolica di Piacenza si approccia al mondo del lavoro, come dimostrano le molteplici attività di orientamento professionale proposte a studenti e laureati. Un centinaio le attività promosse quest’anno presso il campus piacentino, create dalla necessità di intervenire con sempre maggior anticipo rispetto al traguardo della laurea con l’erogazione dei servizi di orientamento al mondo del lavoro, per approcciare con successo aziende sempre più esigenti nella fase di recruting. Ne sono un esempio i CV&;Counseling Point , forma di consulenza nelle pause delle lezioni, per rispondere a richieste, dubbi e perplessità sia di carattere tecnico che di tipo relazionale legati alla costruzione e alla ricerca della propria identità professionale”. “Le aziende, in un momento storico in cui complessità crescente e cambiamento continuo sono i paradigmi di riferimento principali, sono sempre più sensibili e attente nella valutazione delle competenze trasversali, sia nella fase di selezione e valutazione del candidato, sia in quelle successive” prosegue Balordi. I criteri e i principi sui quali è costruito il percorso di orientamento professionale sono quelli della formazione esperienziale e della didattica anticonvenzionale, fatta soprattutto di partecipazione, di esperienza diretta, di apprendimento attraverso l’azione. Lorena Amasanti, laurea in Scienze della Formazione, ha dichiarato: “Il servizio stage &; placement ha rappresentato per me un aiuto prezioso; appena laureata mi ha permesso di incontrare le cooperative sociali del territorio e da lì sono partite collaborazioni che proseguono ad oggi.”.

 

Soft skills nei Collegi

EDUCATT Soft skills nei Collegi Al via una ricerca dell’ Associazione Collegi e Residenze Universitarie (Acru) , in connessione con l’Istituto Toniolo, che si propone di indagare su un campione di 1.000 studenti le competenze trasversali dei ragazzi nelle residenze universitarie in Italia. by Valentina Giusti | 18 ottobre 2018 Un’indagine per valutare le soft skills delle matricole universitarie che sperimentano la vita in Collegio e nelle Residenze universitarie. Parte proprio in questi giorni la fase di raccolta dati della ricerca avviata dall’ Associazione Collegi e Residenze Universitarie (Acru) , in collaborazione con l’ Istituto Toniolo e con alcuni ricercatori universitari. L’Acru ha da sempre a cuore la progettualità educativa all’interno delle strutture che ospitano ragazzi e ragazze durante il percorso dell’università: da qui la sua peculiare azione di cura verso l’educazione e la formazione integrale, culturale, umana e religiosa degli studenti. È a tal proposito che l’Associazione ha fatto affidamento sull’Istituto Toniolo per commissionare una ricerca sul collegamento tra le soft skills sviluppate dalle matricole e la vita in Collegio che sta coinvolgendo al momento ben 750 strutture universitarie (ma il numero è in aumento). Il progetto, il cui mandato è stato affidato a ricercatori universitari, ha visto una prima fase di creazione di un database di tutte le strutture residenziali d’Italia, regione per regione; una mappatura delle residenze collegiali creato appositamente per questa ricerca, che ha visto una seconda fase di contatto diretto . Dopo aver introdotto il progetto, alle residenze sono state chieste informazioni sul numero dei posti disponibili, sulla struttura in generale, sulle attività interne e soprattutto sul regolamento e sul progetto formativo , necessario per lo step successivo della ricerca.

 

Formare Soft Skills per vincere nel lavoro

Piacenza Formare Soft Skills per vincere nel lavoro In Cattolica terza edizione della Soft Skills training Academy. Per mettere alla prova flessibilità, leadership, self marketing e problem solving e avere una chance in più nel mercato del lavoro. Le aziende sono sempre più sensibili e attente nella valutazione delle competenze trasversali, sia nella fase di selezione e valutazione del candidato, sia in quelle successive. Pretendono già dal primo colloquio professionalità e affidabilità” dichiara Mauro Balordi, Direttore della Cattolica di Piacenza. Soft Skills: sono quelle competenze “leggere”, trasversali, slegate da nozioni di carattere tecnico, che caratterizzano a 360° la professionalità in crescita e che rappresentano spesso il fattore decisivo, assolutamente indispensabili per una nuova dimensione della formazione. L’obiettivo è stato quello di insegnare agli studenti un nuovo approccio alle sfide, fatto di fiducia in se stessi, di voglia di mettersi in gioco e di attenzione rispetto ai propri errori”. Novità di quest’anno, l’intervento radiofonico gestito da Barbara Cifalinò, speaker di Radio Sound 95, realizzato con l’obiettivo far lavorare i ragazzi sulla comunicazione e il “parlare in pubblico” in maniera non usuale, attraverso lo strumento che per eccellenza privilegia la voce e il suo corretto utilizzo: la radio.

 

Career day 2018

Piacenza Career day 2018 Attivare Soft skills e Intelligenza emotiva per vincere la sfida del lavoro. intelligenzaemotiva #softskills Facebook Twitter Send by mail.

 

Collegi, educati alla rappresentanza

Educatt Collegi, educati alla rappresentanza Un progetto formativo di responsabilizzazione e crescita: grazie ai quattro appuntamenti del Progetto Agorà gli studenti di Roma hanno approfondito le dinamiche organizzative della vita in collegio e degli eventi intercollegiali. È stato un percorso estremamente positivo sia dal punto di vista degli studenti che da parte delle istituzioni dei collegi» racconta Rita Lucia Montrone , responsabile del Progetto Agorà assieme a Daniela Lo Tenero , don Giacomo Pompei e Matteo Viadana . Il timore iniziale che l’iniziativa proposta potesse annoiare è svanito davanti all’ entusiasmo dimostrato dai partecipanti. roma #collegi #softskills #rappresentanza Facebook Twitter Send by mail.

 
Go top