La tua ricerca ha prodotto 3 risultati per sprecoalimentare:

RicibiAMO, un progetto contro lo spreco

PIACENZA RicibiAMO, un progetto contro lo spreco La campagna, partita lo scorso febbraio, ha l’obiettivo di proporre soluzioni efficaci per ridurre lo spreco alimentare nella ristorazione ed è stata premiata dalla Regione Emilia Romagna VIDEO 19 dicembre 2017 Ridurre lo spreco alimentare si può. Tutto nasce da una rete di ristoratori sostenibili del territorio piacentino e parmense disponibili ad avviare un percorso di valorizzazione, misura e accreditamento delle best practice anti spreco del cibo. Tutti i ristoratori delle province di Parma e Piacenza sono stati chiamati a partecipare all’iniziativa tramite le principali associazioni di categoria presenti sul territorio e in molti hanno già aderito. RicibiAMO - ricorda il prof. Capri - rappresenta la prima rete di ristoratori sostenibili che saranno in grado di raggiungere l'obiettivo 12 dell'Agenda 23 ossia quella relativa ai consumi e alle produzioni sostenibili. Scegliere fonti rinnovabili e promuovere un corretto conferimento dei rifiuti nella raccolta differenziata. Per limitare gli sprechi offrire diverse dimensione delle porzioni in modo da soddisfare diversi appetiti di chi è a dieta, dei bambini e degli anziani. sprecoalimentare #piacenza Facebook Twitter Send by mail.

 

Cibo, donato al povero vale doppio

Un modello di “ economia circolare sociale ” certificato dal progetto regionale “ Reti virtuose contro lo spreco alimentare ”, che è stato realizzato con il coordinamento scientifico dell’Università Cattolica e il coinvolgimento di 17 comuni, tra cui Milano. Le 830 tonnellate di alimenti donate in un anno dagli attori del Protocollo, corrispondono a circa 1.661.000 pasti , con una riduzione di rifiuti equivalente che vale una riduzione di 1.719 tonnellate di CO2 , 311 kg di particolato fine , sette milioni di ettolitri acqua , 585 ettari di terra . Le donazioni di prodotti alimentari possono avere, per un dato valore commerciale nominale – interpretabile come mancata spesa da parte dei destinatari di donazione - un valore sociale molto diverso a seconda delle condizioni individuali di indigenza di chi le riceve. Questa analisi costi-benefici con pesi distributivi ha utilizzato i dati di Caritas Ambrosiana su un campione di persone che si rivolgono ai centri di ascolto per la costruzione di una “scala di indigenza” che è stata “trasferita” agli ipotetici destinatari delle donazioni del Progetto Reti. Secondo le stime così ottenute, il valore commerciale nominale delle donazioni del Progetto Reti (2,7 milioni di euro) avrebbe un valore per i destinatari finali, se composti come il campione Caritas Ambrosiana, che varia da 4,2 milioni a 6 milioni di euro, e cioè da 1,5 volte a 2,2 volte il valore commerciale nominale . In pratica, beni di valore nullo per la GDO (invenduto), che costa portare a rifiuto, acquisiscono, attraverso il lavoro del Non-profit, un valore sociale misurabile che è multiplo del valore commerciale nominale. Ha inoltre evidenziato i problemi critici di un sistema che, dal lato del Non-profit , si regge largamente sul volontariato di fronte a un quadro di regolamentazioni stringenti, ora chiarito dalla Legge Gadda del 2017, e a un aumento continuo di bisogni e nuove povertà.

 

A scuola bambini spreconi

BRESCIA A scuola bambini spreconi Secondo una ricerca Asa, ogni alunno butta al giorno un etto del cibo che mangia in mensa. Lo studio, condotto tra oltre mille ragazzi degli istituti di Brescia e provincia, produrrà attività di prevenzione e formazione con allievi, genitori e insegnanti. È l’entità dello spreco alimentare tra gli allievi delle scuole primarie secondo una ricerca condotta dall’Alta Scuola per l’Ambiente ( Asa ) tra poco più di mille bambini di 12 istituti di Brescia e provincia. Un dato preoccupante, che si inserisce in un fenomeno complessivo più ampio, che pone interrogativi sugli squilibri di consumo nel mondo e sulla disparità sociale tra chi spreca e chi non ha da mangiare. Stando ai dati del Rapporto Waste Watcher 2015, lo spreco alimentare costa ogni anno mille miliardi di dollari, una cifra già enorme, ma che sale a 2.600 miliardi se si contano anche i costi legati allo spreco di acqua e all’impatto ambientale. Solo l’Unione europea ogni anno spreca 90 milioni di tonnellate di cibo, di cui 47 milioni in ambiente domestico. In Italia lo spreco alimentare vale, invece, oltre 13 miliardi di euro all’anno, circa l’1% del Pil. Di questi, circa 8,4 miliardi di euro sono riconducibili agli sprechi domestici, ben 6,7 euro settimanali a famiglia.

 
Go top