La tua ricerca ha prodotto 4 risultati per territorio:

Cibo e cultura, idee marketing

Piacenza Cibo e cultura, idee marketing Componimenti poetici per evocare le sensazioni di un’annata di vini e proposte emozionali legate ad arte, sostenibilità e alimentazione biologica nella ristorazione. febbraio 2018 Prendi 15 aziende dell’agroalimentare, della ristorazione e del turismo della provincia di Piacenza, 120 studenti universitari pieni di entusiasmo e idee, tre mesi di studio e lavoro per sviluppare contenuti di marketing digitale. La sfida è stata lanciata ai suoi studenti dal professor Roberto Nelli , docente di Content & Digital Marketing della laurea magistrale in General Management della sede di Piacenza dell’Università Cattolica. Un’iniziativa che ha coinvolto La Strada dei Vini e dei Sapori dei Colli , alcune imprese piacentine della filiera territoriale (agroalimentare, turismo, ristorazione e cultura) e i consorzi/associazioni di promozione enogastronomica locale. L’obiettivo del lavoro è stato quello di proporre una strategia di marketing che avesse per oggetto la proposta di contenuti originali e rilevanti per il target-group dell’azienda e che potesse essere collocata a supporto della più generale strategia di marketing dell’azienda stessa» spiega il professor Nelli. È stata un’esperienza molto impegnativa: «Gli studenti sono stati chiamati a cambiare prospettiva nell’approccio al marketing, proponendo alle realtà coinvolte una strategia di contenuti in chiave editoriale che ponesse al centro dell’attenzione gli interessi e le aspettative dei loro interlocutori nei diversi mercati in cui operano. Dopo un’attenta valutazione ha deciso all’unanimità di premiare a pari merito l’elevata qualità dell’analisi e della progettazione di due gruppi, i Wanna Marketing e i Digital Players che hanno così conseguito il massimo del punteggio anche ai fini dell’esame di Content & Digital Marketing.

 

Territorio, un valore da incrementare

Cattolicapost Territorio, un valore da incrementare Il master in Ideazione e progettazione di eventi culturali , il primo del suo genere in Italia, è alla sua quattordicesima edizione. Tra le sue sfide, quella del marketing territoriale condotto attraverso la cultura, come ha spiegato una lezione aperta by Davide Fantinati | 07 aprile 2016 Valorizzare il territorio, il patrimonio culturale, promuoverlo, fare marketing territoriale: sono temi sempre più al centro del dibattito pubblico. Capita di recepire con fastidio il termine “territorio”, che in realtà è semplicemente il paesaggio, naturale e artificiale; la terra, il mondo o frammento di mondo in cui abitiamo. Valorizzarlo significa metterlo a valore, assumerlo come identità, fattore di appartenenza e comunicazione, anzi di comunione e riconoscimento; e quindi significa incrementare questo valore, comunicarlo anche all’esterno, soprattutto a chi non lo conosce ancora». Di queste cose si occupa il master “Mec”, alla sua quattordicesima edizione, primo a essere creato in Italia: tratta in modo consistente di questi temi, perché colloca gli eventi contemporanei al centro di strategie istituzionali e di comunicazione, pubblica e privata. Il marketing territoriale non è, anzitutto, solo una stampella del turismo: è importante prendere per mano i cittadini, perché un territorio attraente per chi ci vive, lo diventa anche per gli ospiti», ha ricordato nel suo intervento Antonio Lampis , direttore della Ripartizione Cultura Italiana della Provincia autonoma di Bolzano. O ancora coinvolgendo i negozi di quartiere, di prossimità: attraverso un’alleanza con la Confesercenti si valorizzano i piccoli negozi, e i gestori si implicano nella promozione delle iniziative culturali, perché ogni comunicazione che sia relazionale funziona molto di più di una trasmessa».

 

Come nasce un brand del gusto

CATTOLICAPOST Come nasce un brand del gusto Martina Lombardi lavora alla creazione di un marchio territoriale per Ivrea e il Canavese. Un progetto che coinvolgerà anche gli studenti del master in Comunicazione per le imprese creative, in cui si è diplomata, con laboratori e show cooking sul campo. by Iacopo Catarsi | 28 gennaio 2016 Promuovere un marchio territoriale che valorizzi la realtà locale puntando sulle tipicità del gusto. Il nostro lavoro di responsabili della comunicazione per le industrie creative consiste nell’aiutare gli artigiani di questa zona a farsi conoscere, con una pagina facebook o un sito web, al grande pubblico. Ma con questo week-end sul campo i partecipanti del 2015-16 avranno qualcosa in più: saranno completamente immersi nel territorio per tutta la durata del loro soggiorno». Sarà infatti possibile conoscere i prodotti del Canavese direttamente in loco e osservare da vicino il lavoro degli artigiani. Lì si terranno le lezioni, lì gli artigiani proporranno degustazioni e uno chef stellato della zona cucinerà sfruttando al massimo le potenzialità dei prodotti locali.

 

Il territorio, l’università del gusto

IVREA Il territorio, l’università del gusto Gli studenti del master in Comunicazione per le industrie creative hanno condotto un modulo del loro percorso formativo nel Canavese, alla scoperta dell’enogastronomia di Ivrea. luglio 2016 di Elena Sofia Lione e Giulia Vesco * Una due giorni all’insegna del gusto e un tuffo nel passato, fatto di leggende e curiosi aneddoti, ma con lo sguardo rivolto al futuro. Per la prima volta il modulo “ Gusto e sostenibilità ” del master universitario in Comunicazione per le industrie creative diretto dalla professoressa Laura Bovone e coordinato dalla professoressa Carla Lunghi , si è svolto lontano da largo Gemelli. Prima parte del laboratorio, una lezione condotta dall’imprenditore culturale e docente del modulo di Gusto e Sostenibilità Domenico Tappero Merlo , sui prodotti tipici del Canavese e sul potere evocativo della loro storia. Nell’ambito di un corso di studi orientato alla comunicazione e alla sostenibilità, è stato significativo per noi studenti aver avuto un accesso privilegiato a un’esperienza in loco così formativa. La passione del professor Tappero Merlo, che ci ha formato per l’intera giornata su come affrontare una riqualificazione del territorio in termini di comunicazione, ci ha portati alla scoperta di un luogo ricco di tradizione e purtroppo ancora sconosciuto ai più. Cogliere ciò che rende speciale un luogo, la sua storia, le sue tradizioni, è ciò che di più importante può fare chi si occupa di comunicazione: trasmettere i valori e la cultura per attrarre e coinvolgere visitatori consapevoli nell’affascinante atmosfera di questi luoghi.

 
Go top