La tua ricerca ha prodotto 1 risultato per tripolarismo:

Le incognite del tripolarismo imperfetto

Un anno e mezzo fa, le urne ci avevano infatti consegnato un assetto sostanzialmente tripolare, con una serie di anomalie che lo rendevano per molti versi “bloccato”. Se una simile opzione “post-ideologica” era stata uno dei fattori alla base del successo di questo singolare catch-all-party , evidentemente precludeva la possibilità che la meccanica del nuovo tripolarismo si collocasse sul continuum destra/sinistra e desse vita a formule tradizionali, basate sull’alternativa tra centro-destra e centro-sinistra. A sua volta, il Partito democratico, a dispetto della collocazione potenzialmente centrista che assumeva nel nuovo quadro, esprimeva l’indisponibilità a sostenere qualsiasi esecutivo, decidendo dunque di assumere programmaticamente un ruolo di opposizione nella nuova legislatura. Che si trattasse di un calcolo sbagliato era già allora piuttosto chiaro, perché – alleandosi con una formazione chiaramente collocata nella galassia del “populismo autoritario”, o comunque di una destra piuttosto radicale – il MoVimento 5 stelle avrebbe quasi inevitabilmente smarrito l’originaria identità “post-ideologica” (e dunque una parte dei propri elettori). E probabilmente, così come l’alleanza con Salvini ha generato una “corrente” di sinistra, rappresentata soprattutto dal presidente della Camera, l’alleanza col Pd spingerà alla nascita di una componente “sovranista”, destinata a rivelarsi una spina nel fianco per Conte. Ma il nuovo governo, oltre a fronteggiare quotidianamente gli attacchi che giungeranno dal fronte di destra, sarà indebolito anche dalle critiche che – dall’interno del Pd – rimprovereranno all’esecutivo una torsione radicale verso sinistra e che alimenteranno l’ambizione di dar vita a nuovi progetti centristi. Che tutte queste insidie debbano rendere difficile la vita del nuovo esecutivo è ovviamente solo una delle ipotesi in campo, perché una serie di vincoli – soprattutto economici e internazionali – potrebbe dare al governo quella coerenza che le forze politiche sembrano per ora disposte solo in parte a garantire.

 
Go top