La tua ricerca ha prodotto 1 risultato per vacanze:

Vademecum per il turista

L’Emergency Team di Cesi e Itstime offre una mappa delle mete più a rischio e i consigli, anche semplici, su come comportarsi in viaggio. luglio 2017 di Alessandro Burato * State programmando un viaggio per l’estate? Non dimenticate che, se esistono delle destinazioni che presentano rischi maggiori, nessuna località può dirsi “sicura” al cento per cento. Rimanere in contatto, infatti, è un aspetto importante per avere o inviare eventuali segnalazioni, ma lo è anche procurarsi i contatti di Ambasciata e/o Consolato nel caso fossero necessari. Tutto evidentemente deve essere calibrato secondo la sensibilità che si acquisisce anche solo stando sul posto: comportamenti ritenuti banali, come fumare una sigaretta o indossare una maglietta con disegnata una bandiera, posso turbare coloro che ci stanno intorno. La preparazione del viaggio non è fatta solo della scelta della destinazione ma anche di tutte quelle pratiche che vanno dall’eventuale richiesta di visti alla stipula di assicurazioni di viaggio o sanitarie, fino a piccoli accorgimenti che possono però ridurre i problemi. Per esempio, controllare che sul passaporto non ci siano registrate mete che potrebbero complicare il viaggio consente di evitare spiacevoli inconvenienti alla frontiera. Ma anche avere copia di tutti i documenti necessari, a partire dal passaporto, alla carta di credito, fino alle prescrizioni mediche, che devono sempre essere accompagnate dal nome generico del farmaco, da non stivare con le valige ma da avere sempre con sé, è una buona prassi.

 
Go top