La tua ricerca ha prodotto 3 risultati per alzheimer:

Alzheimer, Music for Memory

Roma Alzheimer, Music for Memory Alla vigilia della Giornata Mondiale, giovedì 20 settembre aperitivo in musica con Alessandro Haber e altri artisti per raccogliere fondi e realizzare un Centro di ascolto per malati di demenza. Tra le presenze attese Francesca Chillemi, Valeria Fabrizi, Terence Hill, Elena Sofia Ricci, Giulio Scarpati, Luca Zingaretti. La manifestazione sarà presentata da Livia Azzariti. Accanto ad Haber, la Rossini Jazz Band con il Prof. Paolo Maria Rossini , direttore dell’Area di Neuroscienze della Fondazione Policlinico A. Gemelli IRCCS e ordinario di Neurologia all’Università Cattolica, promotore dell’iniziativa insieme al Presidente Nazionale AIMA Patrizia Spadin . (10.000 telefonate l’anno, rendono la Linea Verde Alzheimer una finestra “privilegiata” sul mondo delle vittime della malattia.). La Linea Verde Alzheimer è aperta 8 ore al giorno 9,30/17,30 (in agosto 10,00/17,00) tutti i giorni feriali dell’anno.

 

Alois Alzheimer, lo scienziato che non possiamo dimenticare

Milano Alois Alzheimer, lo scienziato che non possiamo dimenticare Cent’anni fa moriva lo scienziato che ha dato il nome a una delle malattie più drammatiche del nuovo millennio. Ricordando il ruolo di Gaetano Perusini , alcuni stralci dell'articolo di Cesare Catananti pubblicato nell'ultimo numero di "Vita e Pensiero". Alois Alzheimer, collaboratore di Kraepelin presso l’Istituto di Psichiatria di Monaco, viene invitato sul podio. Konrad e Ulrike Maurer nel loro libro Alzheimer, la vita di un medico, la carriera di una malattia (2012) descrivono dettagliatamente quei momenti. Sulla base di queste evidenze, non nasconde la convinzione che ci si trovi di fronte a «un processo patologico particolare» che non rientra per caratteristiche cliniche (l’esordio precoce) e istologiche (le alterazioni delle neurofibrille) nei quadri di demenza noti. Il lavoro, che è a esclusiva firma di Perusini, avrà come titolo Uber klinisch und histologisch eigenartige psychische Erkrankungen des spateren Lebensalters (Sugli aspetti clinici ed istologici di una particolare malattia psichica dell’età avanzata). Che, purtroppo, non arriveranno mai. Perusini morirà l’8 dicembre del 1915 (stesso anno e stesso mese di Alzheimer) a soli 35 anni, volontario al fronte, per le ferite riportate nello scoppio di una granata austriaca nei pressi di Cormons.

 

Doppio test per predire la demenza

Roma Doppio test per predire la demenza Pubblicati sulla rivista Annals of Neurology i risultati di uno studio condotto a Roma da neurologi, genetisti e bioingegneri della Fondazione Policlinico Gemelli IRCCS – Università Cattolica, in collaborazione con l’IRCCS S. Raffaele Pisana. Il test sarà rivolto a tutti coloro che presentano un lieve declino cognitivo (MCI è l’acronimo in inglese) e che proprio per questo hanno un rischio 20 volte più elevato di ammalarsi di demenza rispetto ai coetanei sani. “Grazie a questo studio conoscere chi si ammalerà di demenza tra i soggetti a rischio sarà semplice e rapido perché basteranno un Eeg eseguito in modo routinario, ma analizzato con metodi estremamente sofisticati) e un prelievo”, spiega il professor Rossini . Mentre i segnali registrati con l’Eeg sono interpretati con un’analisi matematica (teoria dei grafi) che consente di capire come sono connesse tra loro le diverse aree del cervello. Il declino cognitivo lieve risulta ai normali test neuropsicologici (che in genere vengono effettuati per modesti deficit di memoria o perché c’è una significativa familiarità di demenza) è caratterizzato da piccole défaillance misurabili, ma che non impattano nelle abilità di vita quotidiana, di relazione, affettiva, professionale del paziente. Il test è stato sviluppato partendo proprio dall’idea di disporre di una metodica semplice, a basso costo, disponibile su tutto il territorio nazionale e non invasiva (come per esempio è la puntura lombare). La sua accuratezza e sensibilità sono poi state valutate con una casistica di 145 pazienti con MCI in cui il test genetico e l’Eeg sono stati eseguiti all’inizio dello studio.

 
Go top