La tua ricerca ha prodotto 1 risultato per dottrinasociale:

Vaticano, la via della diplomazia

milano Vaticano, la via della diplomazia Attraverso l’attività diplomatica dei nunzi apostolici, da sempre promuove nel mondo diritti umani, solidarietà, pace. La testimonianza di monsignor Silvano Tomasi, già osservatore permanente della Santa Sede presso l'Ufficio delle Nazioni Unite di Ginevra. È l’appello espresso dall’arcivescovo Silvano Tomasi , già Osservatore permanente della Santa Sede presso l’Ufficio delle Nazioni Unite di Ginevra, a fronte di alcuni focolai di crisi sparsi per il mondo: la situazione del Venezuela, le violenze in Siria, il riemergere dei nazionalismi in Europa, i conflitti in Africa. Del resto, la neodirettrice del Centro di Ateneo Simona Beretta , introducendo l’incontro, ha giustamente fatto riferimento al titolo del volume «la famiglia di nazioni», quale modello di società per tenere insieme il «sistema mondo». Ed è proprio su questo aspetto che ha fatto leva monsignor Tomasi illustrando l’attività diplomatica dei nunzi apostolici, con particolare attenzione al periodo che va dalla Rerum Novarum del 1891 alla Laudato si’ del 2015. Attraverso l’attività diplomatica dei nunzi apostolici la Santa Sede promuove la dignità dell’uomo, l’impegno per la pace, una globalizzazione giusta, con la forza del diritto, e non con il diritto della forza. Inoltre, la Santa Sede è la seconda, dopo gli Stati Uniti, per numero di relazioni diplomatiche, e solo pochissimi Stati non hanno relazioni diplomatiche ufficiali, ma sono in contatto costante con il Vaticano: si veda il caso della Cina con l’accordo per le nomine dei vescovi.

 
Go top