La tua ricerca ha prodotto 17 risultati per francesco:

Il Papa per strada ci fa sentire meno soli

Il commento Il Papa per strada ci fa sentire meno soli L'immagine del Pontefice lungo via del Corso è quella che racconta meglio di tutte la nostra quarantena. La mia scelta personale, già da ora, riguarda una foto che fin da subito ha prodotto qualche analisi interessante: ritrae Papa Francesco mentre, dopo aver pregato in Santa Maria Maggiore, si sposta a piedi nella Chiesa di San Marcello al Corso. L’immagine mostra la sezione finale in Via del Corso: una prospettiva che fa parte della memoria visiva di chiunque conosca Roma, da abitante, da turista o da semplice passante. Alzando lo sguardo si scorgono tre figurette alla fine della via. Poi sulla sinistra, accanto e davanti alle automobili un gruppetto di persone procede nella nostra direzione scrutandosi intorno. La figura vestita di bianco di Papa Francesco è in un angolo, accanto al bordo sinistro della fotografia: cammina con gli occhi bassi ma a passo deciso, forse mentre prega fra sé. continua a leggere su Il foglio] * professore di Teoria e tecniche dei media e di Media e Politica alla facoltà di Scienze politiche e sociali, dell'università Cattolica del Sacro Cuore. Nella stessa Università è anche direttore del Dipartimento di Scienze della Comunicazione e dello Spettacolo e dirige il master in Comunicazione, marketing digitale e pubblicità interattiva #papa #francesco #immagine #strada Facebook Twitter Send by mail Print.

 

Papa Francesco ha ricevuto in Udienza il Rettore Franco Anelli

ATENEO Papa Francesco ha ricevuto in Udienza il Rettore Franco Anelli Il Rettore ha invitato il Santo Padre a Milano in Università Cattolica per il centenario del prossimo anno 28 marzo 2020 Questa mattina il Rettore dell’Università Cattolica professor Franco Anelli è stato ricevuto in Udienza da Papa Francesco . Il Rettore ha quindi informato Papa Francesco su quanto l’Universita’ Cattolica intende fare per l’imminente centenario in calendario il prossimo anno, invitando per l’occasione a Milano il Santo Padre nella sede di Largo Gemelli 1. papa francesco #rettore #franco anelli #covid-19 #centenario Facebook Twitter Send by mail Print.

 

Alle 18 in preghiera con Papa Francesco

Roma Alle 18 in preghiera con Papa Francesco Il Pontefice scenderà sul sagrato della Basilica di San Pietro, dove esporrà il Santissimo Sacramento e impartirà la benedizione “Urbi et Orbi”. Nella Piazza sarà esposto il crocifisso dell’altare della chiesa di San Marcello, in via del Corso a Roma, recuperato miracolosamente dopo un incendio della chiesa nel 1519 e portato processionalmente per le vie di Roma durante la pestilenza del 1522, cessata subito dopo. Davanti a quel Crocifisso il Papa si era recato nei giorni scorsi, in pellegrinaggio, per chiedere la cessazione della pandemia, camminando per le vie di Roma da solo. La preghiera con il Papa sarà trasmessa in diretta televisiva su TV2000 e su Rai 1. papa francesco #pontefice #coronavirus Facebook Twitter Send by mail Print.

 

L'Ateneo prepara l’economia di Francesco

Promosso dall’Università Cattolica che - su invito dell’arcivescovo di Milano, monsignor Mario Delpini e in vista del grande appuntamento di fine marzo ad Assisi “ The Economy of Francesco ” - sta ragionando su una “nuova economia”. Un itinerario contrassegnato dal boom di iscritti che hanno scelto di partecipare ai laboratori sull’economia di Francesco . Un “patto” per cambiare l’attuale economia e dare un’anima all’economia di domani»: queste le parole con cui Papa Francesco ha invitato i giovani economisti di tutto il mondo nella Lettera di esortazione a partecipare all’evento mondiale per una “nuova Economia” che si terrà ad Assisi dal 26 al 28 marzo 2020 . Avviato nel 2019, il Competence Cente r mette insieme Diocesi di Milano, Caritas Ambrosiana e Fondazione San Bernardino, Fondazione Centesimus Annus, Prospera e Ucid e ha l’obiettivo di comprendere meglio il fenomeno e individuare strategie di azione e strumenti di mitigazione, anche in ottica di prevenzione. La frase che campeggia sul profilo twitter di suor Alessandra Smerilli , Consigliere di Stato della Città del Vaticano, è di Antonio Genovesi , uno dei fondatori della moderna scienza economica. Per approfondire il tema di una nuova economia sostenibile è possibile leggere alcuni volumi editi da Vita e Pensiero come appunto Lezioni di economia civile dell’economo napoletano, da cui è tratta la citazione (con la fondamentale introduzione di Stefano Zamagni ) o Delle virtù e dei premi di Giacinto Dragonetti . Per una nuova politica dei beni comuni di Johnny Dotti e Andrea Rapaccini e soprattutto L’adesso di Dio. I giovani e il cambiamento della Chiesa della Smerilli e Sergio Massironi , perché i giovani sono il punto di partenza dell’incontro di Assisi.

 

L’invocazione di Papa Francesco a Maria

Roma L’invocazione di Papa Francesco a Maria Il Pontefice, in un videomessaggio, ha rivolto la sua preghiera alla Madonna del Divino Amore, "Salute dei malati" e "Salvezza del popolo romano”. Il video del Santo Padre ha aperto la celebrazione eucaristica, in diretta streaming e senza fedeli, presieduta dal Cardinal Vicario Angelo De Donatis , nel Santuario della Madonna del Divino Amore a Roma. Papa Francesco ha così partecipato spiritualmente alla preghiera alla Vergine ai piedi della quale Papa Pio XII e i cittadini romani implorarono nel 1944 la salvezza di Roma durante la ritirata delle truppe naziste. Nella stessa giornata è stata promossa una raccolta straordinaria di offerte a sostegno del personale sanitario che in questi giorni sta lavorando senza sosta per assistere tutti i malati nelle strutture ospedaliere della città. papa francesco #preghiera #maria Facebook Twitter Send by mail Print IL TESTO DELLA PREGHIERA O Maria, tu risplendi sempre nel nostro cammino come segno di salvezza e di speranza. Tu, Salvezza del popolo romano, sai di che cosa abbiamo bisogno e siamo certi che provvederai perché, come a Cana di Galilea, possa tornare la gioia e la festa dopo questo momento di prova. Aiutaci, Madre del Divino Amore, a conformarci al volere del Padre e a fare ciò che ci dirà Gesù, che ha preso su di sé le nostre sofferenze e si è caricato dei nostri dolori per condurci, attraverso la croce, alla gioia della risurrezione.

 

Le parole del Papa agli atenei cattolici

Roma Le parole del Papa agli atenei cattolici Progresso civile e culturale improntato alla solidarietà, interdisciplinarità, cooperazione internazionale e condivisione delle risorse. In questo senso oggi le università si devono interrogare sul contributo che esse possono e devono dare per la salute integrale dell’uomo e per un’ecologia solidale». Il Santo Padre ha declinato questa sfida per gli atenei cattolici. L’interdisciplinarità, la cooperazione internazionale e la condivisione delle risorse sono elementi importanti perché l’universalità si traduca in progetti solidali e fruttuosi a favore dell’uomo, di tutti gli uomini ed anche del contesto in cui essi crescono e vivono». Educare, in genere, ma in particolare nelle università, non è soltanto riempire la testa di concetti. In questo orizzonte - ha concluso il Papa - l’università ha una coscienza, ma anche una forza intellettuale e morale la cui responsabilità va oltre la persona da educare e si estende alle necessità di tutta l’umanità. L’ecosistema delle università si costruisce se ogni universitario coltiva una particolare sensibilità, quella datagli dalla sua attenzione per l’uomo, per tutto l’uomo, per il contesto in cui vive e cresce e per tutto ciò che contribuisce alla sua promozione».

 

Bassetti e Il papa americano

Milano Bassetti e Il papa americano Il cardinale presidente della Cei parteciperà alle 11 alla presentazione del libro di Silvina Pérez e Lucetta Scaraffia ( VeP ). La tavola rotonda, a cui parteciperanno l’assistente ecclesiastico generale dell’Ateneo monsignor Claudio Giuliodori e il professor Vittorio Emanuele Parsi , sarà introdotta dal rettore Franco Anelli . All’evento saranno presenti le autrici e il direttore dell’Osservatore Romano Giovanni Maria Vian . Il libro mette a fuoco con arguta vena narrativa gli elementi di novità rappresentati dall'elezione, sorprendente, di Jorge Mario Bergoglio, il settantaseienne arcivescovo di Buenos Aires, che prima di diventare papa era quasi sconosciuto in Europa. La storia personale di papa Bergoglio e le linee-maestre della riforma che Francesco sta imprimendo alla Chiesa cattolica sono qui raccontate e saranno oggetto del dibattito. papa #francesco #cei #vitaepensiero Facebook Twitter Send by mail Print.

 

Il Papa in Africa: «Avete diritto alla pace»

attualità Il Papa in Africa: «Avete diritto alla pace» Cinquant’anni dopo Paolo VI, Francesco nel suo quarto viaggio nel continente africano visita Mozambico, Madagascar e Maurizio. settembre 2019 «I nostri popoli hanno diritto alla pace. E questo è molto di più che ignorare la persona che ci ha danneggiato o fare in modo che le nostre vite non si incrocino: è un mandato che mira a una benevolenza attiva, disinteressata e straordinaria verso coloro che ci hanno ferito. Gesù non è un idealista, che ignora la realtà» ha spiegato il Papa: quando dice “amate i vostri nemici”, sta parlando “del nemico concreto, del nemico reale: “colui che ci odia, ci mette al bando, ci insulta e disprezza il nostro nome come infame». continua a leggere sull’Agenzia Sir ] La foto in alto è tratta da Vatican News #papa #francesco #africa #pace Facebook Twitter Send by mail Print.

 

L’Africa con gli occhi degli africani

settembre 2019 di Agostino Giovagnoli * Il viaggio in Mozambico, appena concluso, conferma che l’Africa è importante per papa Francesco. Non è neanche andato in Mozambico per denunciare le colpe del mondo verso questo continente e le molte ingiustizie di cui è vittima, anche se i suoi discorsi mostrano che ha ben presente tutto questo. Ma non si tratta solo di questo: è decisivo che gli africani guardino con speranza al futuro e che si impegnino per costruirlo insieme. Pace «è molto di più che ignorare la persona che ci ha danneggiato o fare in modo che le nostre vite non si incrocino: è un mandato che mira a una benevolenza attiva, disinteressata e straordinaria verso coloro che ci hanno ferito”. Non per masochismo, ma anzitutto per consapevolezza realistica che “nessuna famiglia, nessun gruppo di vicini, nessuna etnia e tanto meno un Paese ha futuro, se il motore che li unisce, li raduna e copre le differenze è la vendetta e l’odio». Papa Francesco ha ricordato che il Mozambico «possiede un territorio pieno di ricchezze naturali e culturali, ma paradossalmente con un’enorme quantità di popolazione al di sotto del livello di povertà». Alle autorità ha raccomandato «il percorso che porta al bene comune, […] la cultura dell’incontro […], valori condivisi, […] superamento di interessi settoriali, corporativi o di parte, affinché le ricchezze della vostra nazione siano messe al servizio di tutti, specialmente dei più poveri».

 

Incontro col Papa e Gu, la festa è doppia

ATENEO Incontro col Papa e Gu, la festa è doppia Settimana densa di appuntamenti per l’Ateneo, con il pellegrinaggio giubilare a San Pietro sabato 9 aprile e la Giornata universitaria domenica 10 aprile . Da Brescia, che celebra i cinquant’anni della sede, la diretta Tv su Rai 1 della messa delle 11 31 marzo 2016 "Nell'Italia di domani io ci sarò. In questa occasione e nella ricorrenza del cinquantesimo anniversario dell'inaugurazione della sede di Brescia domenica 10 aprile 2016 alle ore 11, verrà trasmessa in diretta Tv su Rai 1, dalla Chiesa di S. Francesco d'Assisi (Brescia, via S. Francesco d'Assisi, 3) la celebrazione eucaristica , presieduta dall’assistente ecclesiastico generale dell'Ateneo monsignor Claudio Giuliodori . L’obiettivo della Giornata per l’Università Cattolica è sostenere il desiderio di partecipazione delle nuove generazioni, promuovendone, con numerose e articolate iniziative, la formazione, il diritto allo studio, i percorsi di eccellenza, le esperienze internazionali. In linea con il tema “Nell’Italia di domani io ci sarò”, sono già in atto una serie di iniziative volte a valorizzare l’impegno dei giovani anche nel volontariato: non solo dunque studio ed esami, ma apertura agli altri. giubileo #pellegrinaggio #papa #francesco Facebook Twitter Send by mail Print L’INCONTRO COL PAPA A SAN PIETRO In occasione dell’Anno Santo della Misericordia, l’Università Cattolica del Sacro Cuore organizza sabato 9 aprile 2016 un Pellegrinaggio in Piazza San Pietro per tutti i suoi studenti, docenti e personale amministrativo. Alle ore 10 è prevista la partecipazione all’Udienza generale di Papa Francesco in Piazza San Pietro e alle ore 13 la Santa Messa celebrata all’altare della Cattedra di San Pietro.

 

Il Papa a Milano. Con l'Ateneo alla Messa

Con l'Ateneo alla Messa Anche la Cattolica parteciperà al grande evento di sabato 25 marzo . La delegazione dell’Università, composta da più di cinquecento persone, prenderà parte alla alla celebrazione eucaristica che si svolgerà alle 15 nel Parco di Monza. marzo 2017 La città di Milano si prepara ad accogliere Papa Francesco per la sua prima visita pastorale alla Diocesi che si terrà sabato 25 marzo 2017 . L’Università Cattolica aderisce a questo grande evento partecipando alla Santa Messa che sarà celebrata alle ore 15 nel Parco di Monza. La delegazione dell'Ateneo sarà composta da più di cinquecento persone. L'organizzazione diocesana della visita di Papa Francesco non consente iscrizioni singole, ma soltanto di gruppo e provenienti dalle parrocchie, università o istituzioni che si faranno carico di trasmettere gli elenchi completi dei partecipanti per accedere alla Celebrazione eucaristica. papa #milano #francesco #visita Facebook Twitter Send by mail Print.

 

Con la Cattolica alla Gmg di Cracovia

ATENEO Con la Cattolica alla Gmg di Cracovia Una delegazione di studenti di Milano e Roma, guidata dall’assistente ecclesiastico generale monsignor Claudio Giuliodori, alla Giornata mondiale della Gioventù con Papa Francesco dal 25 al 31 luglio . Alla trentunesima Giornata mondiale parteciperà anche una delegazione dell’Università Cattolica composta da una quarantina di studenti delle sedi di Milano e Roma accompagnati dall’assistente ecclesiastico generale monsignor Claudio Giuliodori e da due assistenti spirituali delle due sedi, don Daniel Balditarra e don Paolo Morocutti . Ventunenne, studente del terzo anno di Giurisprudenza, originario di Reggio Emilia e ospite del Collegio Ludovicianum, Simone sarà anche uno dei nostri corrispondenti dalla Giornata mondiale della Gioventù . Perciò quest'anno ho deciso di aderire alla delegazione organizzata dalla Università Cattolica» aggiunge Simone, che spera di «riuscire a valorizzare ogni persona che mi capiterà di conoscere, sia che provenga da chissà quale parte del mondo, sia che appartenga al mio gruppo». L'impegno che, partendo, ho preso con me stesso è di far tesoro di ogni esperienza che vivrò durante questa settimana in Polonia, in modo da poter tornare in Italia un po' più grande di quando sono partito». Don Daniel Balditarra, del Centro pastorale della sede di Milano, ha realizzato un blog per l’occasione, su cui è possibile seguire l’esperienza dei giovani dell’Ateneo e curiosare nel programma del loro viaggio. Il convegno si terrà nell’Aula Magna della Università Jagellonica in apertura della settimana dedicata alla trentunesima Giornata Mondiale della Gioventù ed è in continuità con quello sulla Salvaguardia del Creato organizzato in occasione della Gmg di Rio 2013.

 

Francesco e il Sultano: il dialogo continua

La Cattolica al meeting Francesco e il Sultano: il dialogo continua La professoressa Maria Pia Alberzoni , nel suo intervento al Meeting, ha spiegato come esistano fonti ulteriori rispetto a quelle francescane che attestano una rete fitta di comunicazioni tra mondo cristiano e mondo musulmano. agosto 2019 L’episodio dell’incontro tra San Francesco e il Sultano, che pure fu eccezionale, si inseriva in una fitta rete di comunicazioni tra mondo cristiano e mondo musulmano finora poco conosciuta. Lo ha spiegato la professoressa Maria Pia Alberzoni , docente di Storia medievale, a margine dell’incontro “ Francesco e il sultano: una storia ancora da scoprire ” e della mostra “F rancesco e il Sultano 1219-2019. Lo studio di fonti diverse da quelle cosiddette “francescane” ci ha permesso di individuare documenti che ci attestano buoni rapporti, scambi di lettere oltre che, naturalmente, scambi culturali tra cristiani e musulmani». Un dialogo che, per quanto riguarda i frati minori francescani, continua ininterrottamente dal 1219 ai giorni nostri. meeting #storia #san francesco #dialogo Facebook Twitter Send by mail Print.

 

Boom di iscritti ai laboratori sull’economia di Francesco

Ateneo Boom di iscritti ai laboratori sull’economia di Francesco Più di 700 giovani dell’Ateneo , partecipano a un percorso educativo e interdisciplinare dedicato ai temi del documento Oeconomicae et pecuniariae quaestiones . A promuoverlo è l’Università Cattolica del Sacro Cuore che, accogliendo la proposta dell’arcivescovo di Milano monsignor Mario Delpini , ha dato vita a un innovativo percorso educativo. Più di 700 giovani delle diverse facoltà delle quattro sedi dell’Università Cattolica hanno dato la propria adesione ai 12 laboratori che stanno lavorando sui temi del documento. Molto rilevante anche la risposta di accademici e professionisti di settore (80 persone) di importanti istituzioni bancarie e finanziarie operanti nel panorama nazionale, che li affiancheranno nel percorso interdisciplinare. Interdisciplinarietà, creatività e coinvolgimento dei giovani sono le tre parole chiave di questa iniziativa dell’Ateneo», sostiene Elena Beccalli , preside della facoltà di Scienze bancarie, finanziarie e assicurative dell’Università Cattolica. Si tratta di un esperimento che ha la finalità di rendere protagonisti gli studenti di un ripensamento del sistema economico-finanziario guidati da accademici e professionisti che forniscono loro gli strumenti adeguati per impostare al meglio questa riflessione. I laboratori, che hanno appena preso il via, prevedono una serie di incontri che si snoderanno nelle sedi dell’Università Cattolica.

 

Nel solco del patto educativo globale

Il prossimo 14 maggio 2020 , Papa Francesco ha invitato in Vaticano i leader delle principali religioni, gli esponenti degli organismi internazionali e delle diverse istituzioni umanitarie, del mondo accademico, economico, politico e culturale. Insieme, in rappresentanza degli abitanti della Terra, sottoscriveranno il «Global Compact on Education», un patto educativo globale, che ciascuno si impegnerà ad attuare nel proprio ambito e diffondere il più possibile. In preparazione all’evento, l’Università Cattolica organizzerà nella sede di Brescia, venerdì 13 marzo , un convegno internazionale che avrà per tema "Le sfide educative per la cooperazione internazionale" ( programma ed iscrizione online ) , promosso insieme alla Congregazione per l'Educazione Cattolica. La Cattolica è anche impegnata a fare ricerca e formazione sui cambiamenti climatici poiché è questo un tema che intercetta tutte le grandi sfide delle nostre società: dall’invecchiamento demografico alle migrazioni, dalle trasformazioni del mercato del lavoro all’automazione, dalla crescita delle disuguaglianze al governo dell’intelligenza artificiale. Più educazione anche in campo finanziario per contrastare il sovraindebitamento è quanto suggerisce il Centro di Ricerca in Tecnologie, Innovazione e Servizi Finanziari (CeTIF), avviato nel 2019. È sempre più necessario insegnare a gestire correttamente la propria economia non solo da un punto di vista tecnico, ma anche tramite un’adeguata educazione finanziaria che metta al riparo dai rischi. Concetto emerso anche durante il convegno internazionale di fine gennaio promosso dalla Fondazione Centesimus Annus Pro Pontifice in collaborazione con l’Università Cattolica in preparazione all’evento di Assisi dedicato a “ L’economia di Francesco ” e al “ Patto educativo globale ”, che avrà il suo culmine a maggio.

 

The Economy of Francesco and Benedetto

L'Economia di Francesco The Economy of Francesco and Benedetto Dalle celebrazioni di Norcia all’incontro di Assisi: dall’Umbria una nuova Economia by Federica Mancinelli | 24 febbraio 2020 Un filo ideale, ‘infinito’ direbbe Carlo Rumiz, legherà le città di Assisi e Norcia nei primi giorni della prossima Primavera. Il 26 marzo , chiamati a riunirsi dal Santo Padre, centinaia di giovani economisti europei si ritroveranno insieme per tre giorni nella città natale di San Francesco per far nascere un patto e una nuova Economia, cioè una nuova “organizzazione” della vita in comune. “Le vostre università, le vostre imprese, le vostre organizzazioni sono cantieri di speranza per costruire altri modi di intendere l’economia e il progresso, per combattere la cultura dello scarto, per dare voce a chi non ne ha, per proporre nuovi stili di vita. Finché il nostro sistema economico-sociale produrrà ancora una vittima e ci sarà una sola persona scartata, non ci potrà essere la festa della fraternità universale”: così Papa Francesco nell’ invito a partecipare all’evento di Assisi rivolto a tutti i giovani economisti del mondo. E si rivolsero a tutti, anche ai più giovani, “capaci di ascoltare col cuore le grida sempre più angoscianti della terra e dei suoi poveri in cerca di aiuto e di responsabilità, cioè di qualcuno che “risponda” e non si volga dall’altra parte”. Considerazioni per un discernimento etico circa alcuni aspetti dell’attuale sistema economico-finanziario’ della Congregazione per la Dottrina della Fede e del Dicastero per il Servizio dello Sviluppo Umano Integrale - potremmo essere tentati di rassegnarci al cinismo ed a pensare che con le nostre povere forze possiamo fare ben poco. Numerose associazioni provenienti dalla società civile rappresentano in tal senso una riserva di coscienza e di responsabilità sociale di cui non possiamo fare a meno.

 

Master Cofin nel segno della sostenibilità

A spiegare la scelta del tema Michele Mozzarelli , direttore esecutivo del master: «Questa terza edizione del master, con 24 iscritti, è stata particolarmente importante. Insieme alla consegna dei diplomi come da tradizione abbiamo ospitato un evento aperto al pubblico, quest’anno abbiamo deciso di dedicare l’incontro alle tematiche della sostenibilità. Ogni anno scegliamo sempre delle tematiche trasversali che possano essere interessanti in termini generali e sfidanti per la funzione compliance visto che il master si rivolge proprio ai futuri compliance officer». In occasione della consegna dei diplomi, i ragazzi hanno partecipato insieme al #workshop Sviluppo sostenibile e rischi di ESG. Al centro dell’incontro la riflessione sulla #sostenibilità in economia e finanza, tema centrale dell'Oeconomicae et pecuniariae quaestiones di Papa Francesco. economia #francesco #laboratori #mastercofin Facebook Twitter Send by mail Print.

 
Go top