La tua ricerca ha prodotto 5 risultati per giornatauniversitaria:

Eredi & Innovatori, giovani protagonisti

GIORNATA UNIVERSITARIA 2018 Eredi & Innovatori, giovani protagonisti Per la Giornata universitaria , giovedì 19 aprile a Milano incontro aperto alla città con l’inaugurazione nei chiostri dell’ installazione ideata per l'Ateneo dallo Studio Giò Forma . Giovani protagonisti della storia ”, giovedì 19 aprile , nel contesto della settimana milanese dedicata al design e all’innovazione, l’Ateneo aprirà la sua sede storica di Milano in largo Gemelli per un evento rivolto agli studenti, ai laureati e alla città. Nel Cortile d'Onore alle ore 17.30 (scarica il programma) , dopo l'intervento del rettore Franco Anelli , il professor Aldo Grasso dialogherà con alcuni giovani alumni dell’Ateneo, protagonisti di storie di progettualità creativa, per interpretare il tema della Giornata Universitaria a partire dalla loro concreta esperienza. Costruita attorno ad alcune parole suggerite da Emilio Isgrò , Roberto Cingolani , direttore scientifico dell’Istituto Italiano di Tecnologia, Aldo Grasso , e due giovani alumni dell’Ateneo, Margherita Casale e André Ndereyimana , l’Installazione sarà visibile nel primo chiostro dell’Ateneo. Oggi più che mai c’è bisogno che i giovani si sentano protagonisti e che vivano il presente coscienti del loro passato e dell’eredità ricevuta. Credo che i giovani abbiano bisogno soprattutto di sentire che ci si fida di loro; devono essere aiutati a guardare avanti». BRESCIA, LEZIONE SU GIOVANI E IMPRESE Finanza, innovazione, comunicazione: nuove frontiere del capitalismo globale per giovani e imprese è il tema della lezione aperta promossa nella sede di Brescia dell’Ateneo in occasione della 94a Giornata Universitaria.

 

Delpini, un’identità da rendere feconda

Le parole su cui lavorare: l’audacia del pensiero, l’ampiezza della memoria, l’orientamento all’innovazione 16 aprile 2018 di monsignor Mario Delpini * È la gente che fa l’università: sono i docenti, gli studenti, i dirigenti, gli amministrativi, il personale tutto. L’università è una trama di legami che unisce le persone per un’impresa lanciata verso il futuro. Nei miei primi mesi di presidenza dell’Istituto Toniolo sento il dovere di testimoniare con gratitudine l’aver imparato a conoscere meglio un patrimonio incalcolabile che vive e trepida di una tensione costruttiva. L’università è un ambiente di lavoro e conosce le sue fatiche, le sue tensioni e le sue soddisfazioni e ringrazio chi si cura che le condizioni di lavoro siano caratterizzate da sicurezza, rispetto, promozione delle persone. L’università è un ambiente di insegnamento, formazione, ricerca e ringrazio tutti coloro che si impegnano perché la ricerca e lo studio, la docenza e la verifica siano all’altezza dei tempi e delle sfide che il nostro tempo pone a tutti. Incoraggio perciò tutta la comunità universitaria a vivere la “Giornata per l’Università Cattolica 2018” come una festa di famiglia, come un’occasione di gratitudine per il bene che abbiamo fatto e abbiamo ricevuto, per grazia di Dio, e come un momento di riflessione sulle nostre responsabilità. Invito tutta la Chiesa italiana a vivere questa Giornata come opportunità per conoscere meglio le risorse straordinarie dell’Università Cattolica, per mettere a frutto nella vita ordinaria della comunità cristiana i risultati della ricerca e gli strumenti offerti.

 

Brescia, immagini dalla Gu

Brescia Brescia, immagini dalla Gu La diretta Tv su Rai 1 della santa messa dalla chiesa di San Francesco, in occasione dei cinquant’anni di presenza dell’ateneo in città, ha acceso i riflettori sulla 92esima edizione della Giornata universitaria. aprile 2016 La chiesa di San Francesco d’Assisi ha ospitato la celebrazione eucaristica della 92esima Giornata per l’Università Cattolica che si è svolta a Brescia domenica 10 aprile, in diretta Tv su Rai 1, in occasione delle celebrazioni per i cinquant’anni della sede. Un appuntamento che si propone di confermare sempre più una singolare passione e dedizione per i giovani; il tema di quest’anno è stato infatti “Nell’Italia di domani io ci sarò. In questo scenario, di ieri e di oggi, servono voci coraggiose, preparate e autorevoli, che siano in grado di diffondere e far apprezzare le ragioni della fede, anche di fronte ai problemi del nostro tempo» ha detto il presule. Dobbiamo seguire l’esempio di Papa Francesco che ci incoraggia a dire parole di verità e ad operare nella carità di fronte alle grandi questioni della giustizia e della pace, dell’ambiente e delle periferie, del dialogo tra popoli e dell’incontro tra culture, delle migrazioni e delle diverse forme di povertà». Oggi si tratta di compiere passi ulteriori, in primo luogo ampliando e aggiornando l’offerta formativa» ha affermato il rettore Franco Anelli che ha partecipato alla celebrazione eucaristica accanto al delegato rettorale per la sede bresciana Mario Taccolini , al sindaco Emilio Del Bono e a numerosi presidi di facoltà. Per il prossimo futuro ci si propone, tra l’altro, di accelerare il processo di internazionalizzazione per potenziare un sistema di scambi che permetta ai nostri studenti di arricchirsi all’estero di competenze da restituire poi al nostro territorio.

 

L’augurio del Papa per l’Ateneo

ATENEO L’augurio del Papa per l’Ateneo Il saluto di Francesco al Regina Coeli per la 92esima Giornata universitaria e l e parole del rettore Franco Anelli e dell’assistente ecclesiastico generale monsignor Claudio Giuliodori dopo il pellegrinaggio in piazza San Pietro. aprile 2016 «Oggi in Italia si celebra la Giornata Nazionale per l’Università Cattolica del Sacro Cuore, che ha per tema “Nell’Italia di domani io ci sarò”. Auspico che questa grande Università, che continua a rendere un importante servizio alla gioventù italiana, possa proseguire con rinnovato impegno la sua missione formativa, aggiornandola sempre più alle esigenze odierne». Sono le parole che il Papa ha rivolto al nostro Ateneo dopo la recita del Regina Coeli in piazza San Pietro domenica 10 aprile , in occasione della Giornata Universitaria che si è celebrata in tutta Italia. Il giorno prima, sabato 9 aprile oltre 1500 persone, tra studenti, docenti e personale amministrativo che hanno aderito al pellegrinaggio dell’Università Cattolica in occasione dell’Anno Santo della Misericordia, avevano partecipato all’udienza generale di Papa Francesco in piazza San Pietro. Desideriamo ringraziare tutti coloro che hanno preso parte al Pellegrinaggio e fatto sentire la loro vicinanza nella preghiera e quanti hanno contribuito, con il loro lavoro, all’organizzazione». A chiudere un fine settima denso di appuntamenti per l’Ateneo, domenica 10 aprile , in occasione della Giornata per l’Università Cattolica e nella ricorrenza del cinquantesimo anniversario dell'inaugurazione della sede di Brescia, in diretta Tv su Rai 1 , dalla Chiesa di S. Francesco d'Assisi la celebrazione eucaristica, presieduta da monsignor Claudio Giuliodori .

 

Sette storie di innovazione

Milano Sette storie di innovazione Le testimonianze di sette giovani alumni dell’Ateneo che, in diversi ambiti, si sono rivelati protagonisti di altrettanti percorsi di creatività e di successo. by Alessandro Mariani | 26 aprile 2018 «Ogni nuova generazione di studenti che entra all’università prende qualcosa di nuovo e lascia qualcosa agli altri». Le sue parole, giovedì 19 aprile, hanno introdotto nel Cortile d'Onore dell’università il dialogo del professor Aldo Grasso con alcuni giovani alumni dell’Ateneo, protagonisti di storie di creatività e di successo, in linea con il tema della Giornata. Eredità significa prendere in mano e non è soltanto un bagaglio di sentimenti, è qualcosa di concreto. Un manager che, dopo un periodo in una multinazionale, ha deciso di riacquistare, prima della grande crisi, l’azienda venduta dalla madre nel 2000, che considera la sua eredità, per ristrutturarla e portarla verso l’innovazione. Abdoulaye si è impegnato per studiare all’Università Cattolica, alla fine è riuscito ad iscriversi e si è laureato. L’idea della sua startup è nata proprio sui banchi della Cattolica: da un semplice spunto di una professoressa è riuscito a dare vita alla sua attività professionale.

 
Go top