La tua ricerca ha prodotto 5 risultati per professione:

All-in, l'inclusione che fa rima con successo

Integrazione All-in, l'inclusione che fa rima con successo Il successo formativo e la realizzazione professionale degli studenti immigrati dipendono da dinamiche di inclusione sociale. In che misura questi studenti sono in grado di trasformare lo svantaggio dell’immigrazione in un vantaggio educativo? Come questi giovani superano gli ostacoli e colgono le opportunità formative e sociali presenti nei contesti in cui vivono? SUccesso nei PERcorsi formativi degli studenti di origine immigrata che riguarda proprio i percorsi di quegli alunni di origine straniera che ottengono ottimi risultati scolastici. “Quello dell’inclusione è uno dei temi cruciali in un’ottica futura - ha fatto sapere il prorettore Mario Taccoli ni - Le dinamiche inclusive adottate dall’Ateneo sono testimonianza dell’innesto qualificato ed adeguato che l’Università deve avere nei confronti del territorio, un innesto che riguarda i settori sociale, professionale, ed educativo”. Talvolta frutto di una scelta, ha commentato il Preside della facoltà di Scienze della Formazione Luigi Pati: “Evoluzione delle telecomunicazioni e dei flussi migratori sono alla base del cambiamento della nostra società. Durante il convegno non sono mancate le testimonianze di quei ragazzi - studenti, laureati e neolaurandi - che queste dinamiche di integrazione le hanno vissute sulle propria pelle, ed oggi, al termine dei loro studi in Scienze della formazione usano la proprio esperienza umana quale bagaglio esperienziale in più. Le sorelle di origine marocchina Nora e Laila Khammich , Jurgen Lleshj , di origine albanese, e Sandra Aba Darko , nata in Ghana e giunta in Italia all’età di 6 mesi, raccontano: “l’incontro di culture diverse? È un arricchimento.

 

Professione pedagogista

Un professionista che conosce il valore delle diverse parti e dei differenti contributi (antropologico, storico, psicologico, sociologico) e che ha uno sguardo d’insieme di coordinamento e di progettazione. Il sindaco Del Bono ha sottolineato che “se si vuole una società equilibrata e inclusiva, se vuoi accettare le sfide del presente serve lavorare sulla formazione delle persone. Sviluppare la propria intelligenza, essere creativi, essere competenti, essere adatti al mondo che si sta vivendo. Abbiamo bisogno di formatori, abbiamo bisogno di pedagogisti”. Presente anche il preside prof. Luigi Pati , docenti e ricercatori della facoltà i quali hanno ricordato che la professione del pedagogista è oggi normata nell’ambito della legge 205/2017. In modo particolare, il comma 594 indica in modo dettagliato l’elenco degli ambiti professsionali del pedagogista, l’attribuzione del dell’abilitazione (che precedentemente non esisteva) e la qualifica del livello retributivo. La mattinata si è conclusa con una serie di workshop dedicati ai vari settori di specializzazione di questo corso di laurea.

 

Fisici e aziende, un binomio da rafforzare

Sbocchi professionali Fisici e aziende, un binomio da rafforzare Dal 5° Congresso dell’Associazione Nazionale Fisica e Applicazioni (ANFeA) è emerso come sempre più fisici siano ricercati dalle aziende per la loro capacità di problem solving: dal campo sanitario ad ambientale, finanziario, meteorologico, e non solo. maggio 2019 Sempre più fisici nelle aziende per la loro capacità di problem solving: dal campo sanitario a quello ambientale, dai mercati finanziari alla meteorologia, dall’elettronica alla gestione dell’energia, dalle comunicazioni alle investigazioni scientifiche. Questo è emerso dal V° Congresso dell’Associazione Nazionale Fisica e Applicazioni (ANFeA) , l’associazione professionale dei laureati e dottori in fisica riconosciuta dal Ministero dello Sviluppo Economico. La figura del fisico professionista oggi rappresenta l’anello di congiunzione fra la ricerca di avanguardia e il mondo produttivo, contribuendo a introdurre nelle imprese le innovazioni che il mercato oggi sollecita, aiutando la loro crescita. In questi anni di trasformazione, la figura del fisico non è più identificata solo nella ricerca e/o nella didattica ma è anche proiettata verso importanti esperienze di collaborazioni aziendali. Forte del particolare approccio sistemico nel “problem solving”, tale figura è molto apprezzata dalle imprese che necessitano sempre più di personale in grado di operare con metodo, precisione e competenza, capace di trasformarsi in modo dinamico per accompagnare l’innovazione tecnologica delle aziende. Sono poi seguite le testimonianze di chi si occupa di sensori nanotecnologici, di chi si diletta con i rischi della saldatura, chi di bonifiche e chi invece è finito in banca a elaborare modelli per la gestione del rischio, ma c’è anche chi va a controllare l’essicazione del salame.

 

Col tedesco una marcia in più

Brescia Col tedesco una marcia in più Poter dimostrare la conoscenza di questa lingua a livelli certificati diventa un valore aggiunto per cercare lavoro. Le testimonianze di tre giovani laureate della sede di Brescia in una tavola rotonda che ha presentato la pagina Facebook della community. by Nicola Bonini | 17 dicembre 2015 Sprechen Sie Deutsch? Parla tedesco? È una delle domande più frequenti che ricorrono nei colloqui di lavoro. Non manca però anche un numero crescente di persone che può rispondere con orgoglio di conoscere la lingua tedesca. Una carta da giocare per essere ancor più competitivi e appetibili in ambito professionale, un’opportunità di crescita culturale non indifferente. Dalle loro parole è emerso chiaramente quanto sia stata importante e determinante la preparazione ricevuta tra i banchi della Cattolica, dove, attraverso le esercitazioni con i docenti madrelingua, hanno avuto modo di acquisire padronanza a livello grammaticale, lessicale e comunicativo, sviluppando anche competenze di mediazione e negoziazione. Eleonora, Alice e Marta hanno esortato gli studenti presenti a puntare molto su una formazione linguistica di qualità che, oggi più che mai, risulta essere un plus in grado non solo di arricchire il proprio curriculum vitae , ma anche di garantire un più sicuro ingresso nel mondo del lavoro.

 

Le parole corrette per le professioni

Per questo è ingrediente fondamentale di qualunque formazione professionale. La terminologia è patrimonio espressivo di tutti, nella vita quotidiana e professionale: l’uso dei parlanti richiede riferimenti, l’uso degli specialisti ne fa un tratto distintivo. La precisione terminologica è un bene in sé: se il glossario di un’azienda costituisce la proprietà esclusiva del saper fare di quell’azienda, un singolo termine costituisce l’identità di un prodotto tecnico e industriale. Tali riferimenti risultano vitali per le attività di traduzione orali e scritte, in particolare per il traduttore che deve approfondire le proprie conoscenze nei domini specialistici e che ha bisogno di una guida specifica in merito. La rilevanza strategica dello studio terminologico è stata evidenziata in Università Cattolica con l’apertura del Corso di Perfezionamento in “ Terminologie specialistiche e servizi di traduzione ” , che giunge quest’anno alla sua decima edizione». Il frutto di questa operosità scientifica è riconosciuta a livello internazionale e porta in questa sede le principali istanze di collaborazione, quando l’adeguata consulenza terminologica diviene strumento di migliore comunicazione nelle realtà istituzionali, aziendali, professionali e sociali. Per approfondire e acquisire competenze specifiche è attivo il Corso di Perfezionamento in Terminologie specialistiche e servizi di traduzione , aperto a professionisti e laureati.

 
Go top