La tua ricerca ha prodotto 2 risultati per svezia:

Erasmus, l’importanza di sentirsi europei

UCSC INTERNATIONAL Erasmus, l’importanza di sentirsi europei Per Elisa, della facoltà di Economia, l’esperienza in Svezia è stato un inno all’Europa e alla bellezza di farne parte. ottobre 2018 di Elisa Ursini * Sarà paradossale ma non sono mai stata in grado di pronunciare bene il nome della città che mi avrebbe ospitato per cinque mesi e che poi sarebbe diventata una seconda casa. All’inizio non è stato semplice: non conosci la lingua, vivi in una stanza vuota che, presto, diventerà casa per i prossimi cinque mesi e in una città, seppur piccola, tutta da scoprire. Era una situazione nuova da affrontare e allo stesso tempo piacevole per una ragazza nata e cresciuta nel chiacchiericcio delle persone e nel rumore e nel caos di Roma. Si inizia a legare di più con le persone che sono nella tua stessa situazione e, quindi, una ragazza tedesca, una francese e tanti altri possono diventare una seconda famiglia. Erasmus per me significa proprio questo: sentirsi accettati, come in una famiglia, da altre persone che condividono la stessa esperienza, la stessa vita, anche se per un periodo di tempo limitato. Il vantaggio di essere stata in una città molto più piccola, e diversamente organizzata, da Roma, è sicuramente stato lo spostamento per raggiungere i posti nella città.

 

Da Agrisystem a Ikea Food Service

Per Francesca Lott a, dopo la Scuola di dottorato per il Sistema agroalimentare di Piacenz a le porte si sono spalancate grazie a una formazione interdisciplinare di alto livello. Certamente perché il profilo professionale che ha costruito alla Scuola di dottorato per il sistema agroalimentare - Agrisystem della sede di Piacenza dell’Ateneo collimava con le esigenze dell’azienza svedese. Dopo la laurea, ho iniziato la scuola di dottorato Agrisystem, dove ho conseguito il titolo di dottore di ricerca nel 2014 discutendo una tesi dal titolo “ Standards, certificazioni e responsabilità nel mercato agroalimentare europeo ”. Durante gli anni di dottorato ho fatto diverse esperienze all’estero, prima a Vienna e poi in Irlanda, dove ho migliorato la mia conoscenza della lingua inglese e ho maturato una vera e propria passione per un ambiente di lavoro internazionale». Non solo perché mi ha aiutato a maturare l’interesse per questa branca del diritto assolutamente nuova ma soprattutto perché ho compreso quanto fosse fondamentale un approccio interdisciplinare in una materia così innovativa in cui diritto e scienza camminano fianco a fianco». Agrisystem, infatti, è una scuola di dottorato cui accedono laureati con profili diversissimi tra loro: giuristi, tecnologi alimentari, nutrizionisti, agronomi, economisti. Durante gli anni di dottorato ho capito, da un lato, che per comprendere bene la legislazione alimentare mi servivano anche delle nozioni tecnico/scientifiche; dall’altro, che era fondamentale imparare a interagire con persone con un background diversissimo dal mio, perché con queste avrei collaborato nel mio futuro».

 
Go top