La tua ricerca ha prodotto 20 risultati per day:

Career day, parla il re dei tortellini

novembre 2017 Una lezione di coraggio, perseveranza, ma anche di umiltà, quella impartita in occasione del Career Day da Giovanni Rana , l’imprenditore del settore agroalimentare (leader mondiale per tortellini e pasta fresca) agli studenti dell’Università Cattolica intervenuti in massa ad ascoltare il neo ottantenne con l’entusiasmo di un ragazzo. Sono partito da una famiglia di fornai, dedicata al pane e alla pasticceria: io ultimo di 3 figli avevo deciso di fare altro. “Le idee battono il capitale e la dimostrazione di questo l’ho avuta dal fatto che, di tante multinazionali, ne è rimasta una sola a competere nel mio settore”. Ma io gli ho risposto di no. Mio figlio Gianluca stava finendo di studiare per venire a lavorare da me, aveva una grande passione ed era molto bravo. “Quando diedi una risposta negativa a tutte le multinazionali che volevano acquistare la mia azienda e con cifre da capogiro, sapevo che avrebbero cominciato a remare contro ed infatti cominciarono tutte a investire sulla pubblicità. Rana è approdato tre anni fa anche negli Usa , ed ha raggiunto un fatturato di 200 milioni di dollari. Questo successo - ha detto Rana - lo devo a mio figlio, con cui c’è una sinergia reciproca e che mi ha stimolato a creare filiali che, se all’inizio costavano molto, hanno poi recuperato gli investimenti ed ora rappresentano un businnes.

 

Il benvenuto alle matricole

PIACENZA Il benvenuto alle matricole 12 ottobre 2012 Benvenuto ufficiale per le matricole delle facoltà di Economia e Giurisprudenza della sede di Piacenza accolti lo scorso 25 settembre da presidi e docenti durante il “Welcome Day” . Una mattina interamente dedicata al primo approccio alla vita universitaria, alla conoscenza delle opportunità offerte dal Campus ed in generale di tutti i segreti di quella che sarà la loro casa per i prossimi anni. Il primo saluto è stato quello del direttore di sede Mauro Balordi . Un breve video ha illustrato i servizi su cui gli studenti potranno contare: Didattica, Tutorato, Educatt, Biblioteca, Servizio Linguistico d’Ateneo, Relazioni Internazionali, Stage e Placement, Relazioni Esterne e Orientamento, Centro Polisportivo, Servizio Pastorale. Anche il professor Alessandro Mangia , preside della facoltà di Giurisprudenza, insieme al professor Claudio Frigeni , ha illustrato l’offerta formativa e le caratteristiche dei corsi della facoltà giuridica, e presentato il corso di laurea interfacoltà in “Diritto ed Economia delle banche e dei mercati finanziari”. Un’occasione per conoscersi meglio - ha detto il preside - e per capire che Giurisprudenza non è solo sapere a memoria le leggi e i codici, ma è, soprattutto imparare ad avere una mente aperta ai continui cambiamenti giuridici». L’appuntamento con le matricole delle facoltà di Agraria e di Scienze della Formazione è stato mercoledì 10 ottobre.

 

Matricola Day, Medicina ed Economia al via

ROMA Matricola Day, Medicina ed Economia al via I nuovi iscritti sono stati accolti dai presidi Bellantone e Bodega e dal cappellano Padre Cavagna. Hanno accolto le matricole i presidi della facoltà di Medicina e Chirurgia Rocco Bellantone , e di Economia Domenico Bodega . L’incontro è stato preceduto dalla celebrazione eucaristica presso la Chiesa centrale dell´Ateneo officiata dagli assistenti spirituali della sede universitaria e presieduta da padre Luigi Cavagna , cappellano della sede milanese, recentemente nominato ad interim Assistente ecclesiastico generale della Cattolica. Siete qui nella facoltà di Medicina della Cattolica – ha esordito il preside Bellantone - non solo per diventare dei bravi ‘tecnici’ ma per trasmettere alle persone sofferenti la vostra vicinanza affinché non si sentano mai soli e possano così trovare sollievo. Se avete scelto di essere qui a Roma nell’Ateneo cattolico – ha continuato il preside Bodega - è perché immagino che il vostro obiettivo sia di contribuire con i criteri, i dettami e i principi dell’economia a sostenere il mondo della salute. La parola è passata ai “testimoni della memoria”, come sono stati chiamati per l’occasione, tra i protagonisti della storia dell’Ateneo e del Policlinico Gemelli: il frate minore padre Stefano Bianchi, Giuseppe Noia , docente di Ginecologia e ostetricia, e Numa Cellini , docente di Radioterapia. Tutti e tre, raccontando la loro esperienza, hanno reso partecipi le matricole della responsabilità di essere entrati a far parte della famiglia dell’Ateneo dei cattolici italiani.

 

Tbc, nuovo test diagnostico

ROMA Tbc, nuovo test diagnostico In occasione del World TB Day un team di ricerca della Cattolica, dell’Università di Sassari e dell’Istituto Nazionale di Malattie Infettive "L.Spallanzani" ha presentato uno studio preliminare che presto sarà pubblicato sulla rivista internazionale PLoS One. by Emiliana Stefanori | 23 marzo 2011 Un nuovo test diagnostico sperimentale in grado di distinguere rapidamente i soggetti con tubercolosi attiva da quelli con infezione tubercolare latente. È quanto ha dimostrato un gruppo di ricercatori dell’ Università Cattolica di Roma , dell’ Istituto Nazionale di Malattie Infettive "L. Spallanzani" di Roma e dell’ Università degli Studi di Sassari , in uno studio in uscita sulla rivista internazionale PLoS One , comunicato alla vigilia del World TB Day . Se i risultati dello studio preliminare saranno confermati da un campione di popolazione più ampio, il nuovo sistema diagnostico, tutto italiano, potrebbe consentire di stabilire più efficaci strategie di controllo della diffusione della grave e riemergente patologia. Nel mondo si stima che non meno di 2 miliardi di persone abbiano contratto l’infezione nella forma latente e, fortunatamente, solo nel 5-10% di questi casi si può sviluppare la malattia tubercolare vera e propria. Il nuovo test ematico, che prende il nome di test di ristimolazione linfocitaria con antigeni specifici basato sul rilascio di interferon-γ, è in grado di identificare in modo selettivo coloro che hanno tubercolosi, e quindi questo è un avanzamento rispetto alla tubercolina. Tuttavia – continua la Goletti - il test di ristimolazione linfocitaria, così come il test della tubercolina, non è in grado di distinguere i soggetti con infezione tubercolare latente da quelli con malattia tubercolare attiva (polmonare o extra-polmonare), e quindi malati».

 

Benvenuta, matricola!

BRESCIA Benvenuta, matricola! Grande affluenza per il primo giorno di università degli studenti della sede bresciana. Ad accoglierli, oltre ai professori e all’assistente, alcuni video per presentare le opportunità da sfruttare 10 ottobre 2012 Erano davvero tanti gli studenti che hanno partecipato il 3 ottobre a “Benvenuta matricola”, la giornata di accoglienza organizzata dalla sede per orientarli nel nuovo percorso di studio. Fin dalla prima mattinata l’atrio di via Trieste ha iniziato a riempirsi di ragazzi curiosi, forse un po’ emozionati, certamente ansiosi di conoscere l’ambiente universitario e di comprendere più velocemente le peculiarità che distinguono l’università dalla scuola superiore. Un video con lo sguardo di una matricola ha presentato i diversi servizi della sede: una bussola utile per orientarsi fra gli spazi della didattica, dello studio e della ricerca, per prendere confidenza con i diversi uffici e le pratiche amministrative che inevitabilmente scandiranno il percorso universitario. Ad accoglierli c’era anche l’assistente spirituale don Roberto Lombardi , che ha invitato gli studenti a «sfruttare a pieno tutte le possibilità formative predisposte dalla Cattolica, luogo, di preparazione professionale e soprattutto di educazione dei giovani». Un accento particolare è stato posto sulla dimensione internazionale, da considerare fin dall’inizio del primo anno come hanno suggerito le video testimonianze di studenti che hanno trascorso periodi di studio e stage all’estero. I docenti delle singole facoltà hanno poi illustrato nel dettaglio i corsi di laurea soffermandosi su piani di studio, laboratori e programma dei corsi.

 

Stefano Spalla e il test del pomodoro

Per tracciare questo percorso in modo sicuro Stefano Spalla , dottore di ricerca in Chimica Agraria della sede piacentina, ha dedicato la sua tesi proprio al pomodoro dall’origine fino alla passata. Le tecniche analitiche utilizzate hanno permesso di determinare con precisione e accuratezza tutti gli elementi appartenenti al gruppo delle terre rare nei comparti della pianta di pomodoro e nel terreno. Abbiamo iniziato la ricerca con la raccolta di campioni, nello specifico alcuni pomodori provenienti dai campi di Piacenza e provincia e altri che si trovavano sul mercato industriale. In seguito è avvenuta una prima fase di campionamento, seguita da una messa a punto del metodo analitico, ovvero il modo in cui si studiano le sostanze, e infine c’è stata un’analisi dei risultati. In particolare, si occupa della salute del consumatore e dell’impatto sull’ambiente dei packaging alimentari presso l’unità dell’ Institute for Health and Consumer Protection: «Il dottorato della Cattolica mi ha aiutato molto perché sono stato assunto con una borsa di studio post dottorato di tre anni. All’Institute for Health and Consumer Protection ho imparato tantissime cose, e mi ritengo molto fortunato, perché il mio posto di lavoro è molto buono sia dal punto di vista formativo che dal punto di vista della retribuzione economica. Avere un titolo di dottorato è forse considerato più importante all’estero, ma con la crisi nel mondo del mondo del lavoro, l’attività di recruiting di giovani dottori di ricerca è diventata fondamentale.

 

L’Open day fa il tutto esaurito

BRESCIA L’Open day fa il tutto esaurito La sede bresciana della Cattolica è stata presa d’assalto da più di 1.500 studenti di Brescia e di altre province che hanno voluto scoprire l’offerta formativa e conoscere dal vivo professori e ambienti di studio. Più di mille e cinquecento ragazzi hanno seguito le presentazioni delle facoltà che si sono alternate nelle aule stracolme, che a fatica hanno ospitato le scolaresche provenienti anche da fuori provincia. Tra la folla c’erano intere classi di studenti con i loro insegnanti e anche qualche genitore, che ha deciso di accompagnare il figlio per poter essere più coinvolto nella scelta. Molto interesse ha suscitato lo Stars, tra studenti curiosi di capire quali fossero le materie di un corso di laurea abbastanza insolito e altri già sicuri di voler intraprendere questo percorso. Le studentesse interessate a questo tipo di studi provengono principalmente da corsi di indirizzo psicopedagogico e umanistico, ma non manca chi cambia totalmente strada e da un liceo scientifico decide di intraprendere una carriera volta al sociale. Tutto esaurito per la laurea in Infermieristica, attivata dalla facoltà di Medicina e chirurgia della sede romana presso la Fondazione Poliambulanza di Brescia. Positivo anche l’interesse verso i corsi di Agraria ed Economia della sede di Cremona, alla loro prima esperienza all’Open day di Brescia.

 

La tubercolosi in età pediatrica: i bambini rischiano di più

ROMA La tubercolosi in età pediatrica: i bambini rischiano di più Ne parliamo con Piero Valentini e Danilo Buonsenso , dell’Istituto di Clinica Pediatrica dell’Università Cattolica di Roma. by Emiliana Stefanori | 23 marzo 2011 La tubercolosi è la malattia infettiva più diffusa nel mondo e risulta la più importante causa di morte dovuta ad un singolo agente infettante. Quale è l’incidenza della malattia nei bambini? «Dai dati dell’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) risulta che i casi di tubercolosi sono aumentati da 7,5 milioni nel 1975 a 9,4 milioni nel 2008. Questi dati si basano sui casi escreato-positivi, che, nei pazienti di età inferiore a 14 anni, rappresentano lo 0.6%-3.6% del totale, pertanto i dati mondiali riguardanti la fascia pediatrica sono ampiamente sottostimati. Le manifestazioni cliniche della tubercolosi dipendono soprattutto dalla localizzazione della malattia, poiché la tubercolosi, sebbene la localizzazione polmonare sia di gran lunga la più frequente, è una malattia potenzialmente sistemica, potendo interessare ogni organo e sistema. Più del 50% dei lattanti e dei bambini con quadro radiografico di tubercolosi polmonare da moderato a severo non presenta segni clinici e viene individuato soltanto in seguito alle indagini svolte nei contatti di casi-indice, di solito adulti affetti da forme altamente bacillifere. Sono utilizzati più farmaci in combinazione per ottenere una guarigione relativamente rapida e prevenire l’emergenza di una resistenza secondaria ai farmaci nel corso della terapia o superare quella eventualmente presente nel micobatterio nei confronti di uno dei farmaci usati.

 

L’Open Day continua in tv

A parlare, al termine della presentazione della facoltà di Giurisprudenza , è un gruppo di ragazzi di Brindisi . Quando venne a sapere che volevo fare giurisprudenza mi suggerì di fare attenzione alla scelta dell’ateneo, e consigliandomi la Cattolica, mi ricordò che questa facoltà non si può fare dovunque. Non è stata una decisione facile perché significava anche trasferirsi a Milano e come si può facilmente comprendere per me non si trattava solo di una questione formativa ma di una vera e propria scelta di vita». Insieme alla facoltà di Giurisprudenza mercoledì sono state presentate anche le facoltà di Economia , presentata dal preside Domenico Bodega e di Scienze Bancarie Finanziarie e Assicurative introdotta agli studenti delle scuole superiori dal preside Mario Anolli, e dai docenti Alberto Floreani e Vittorio Frosini . A raccontare la sua esperienza di studente per Scienze Bancarie è invece intervenuto Marco Folcia , consulente finanziario per Capgemini, che non si è negato alle domande incalzanti dei ragazzi presenti in aula: «Se si guadagna bene? Bé direi proprio di sì!». Il primo intervento è stato quello di Eugenia Scabini , preside della facoltà di Psicologia, che ha presentato i corsi e introdotto la testimonianza di Luisa Roncari , psicologa psicoterapeuta laureata alla Cattolica. Mi sono trovata così di fronte a una scelta: mantenere un lavoro più che dignitoso ma che non mi piaceva o tornare sui libri per poter intraprendere una carriera più gratificante.

 

La Cattolica è sempre Open

OPEN DAY 2010 La Cattolica è sempre Open Più di 3.500 studenti a Milano, 1.500 a Brescia, 600 a Piacenza, oltre a quelli accorsi per Economia a Roma: l'Open day ha fatto il pieno. Ma la Cattolica è sempre aperta. Le immagini, i video, le interviste ai testimoni e il racconto delle giornate nelle cinque sedi. Che ora continuano in Tv 19 febbraio 2010 Ma la Cattolica è sempre aperta, a partire dal percorso dedicato agli studenti delle scuole superiori www.unicatt.it/studentiscuolesuperiori e dal servizio orientamento. Le immagini, i video, le interviste ai testimoni e il racconto delle giornate. Vuoi rivedere le presentazioni delle facoltà? Vuoi condividerle con la tua famiglia e i tuoi amici? A partire dal 19 febbraio , gli incontri dell'Open day milanese saranno trasmessi sul canale digitale terrestre TELENOVA 2, visibile a Milano e Provincia.

 

Open day per migliaia di ragazzi

MILANO Open day per migliaia di ragazzi Martedì 9 febbraio è partita la tre giorni di orientamento dell’Università Cattolica di Milano. In vetrina le facoltà di Scienze Linguistiche, Scienze Politiche e di Lettere e Filosofia. febbraio 2010 Oltre mille studenti, assetati di informazioni e curiosità, hanno partecipato, martedì 9 febbraio, alla prima giornata di Open Day-Open Mind gli incontri di orientamento per le future matricole organizzata dall’Università Cattolica di Milano. L’evento, presentato da Fabio Pizzul , docente di Tecniche del linguaggio radiofonico presso la Scuola di Giornalismo di ateneo, ha messo in vetrina le facoltà di Scienze Linguistiche e Letterature Straniere, Scienze Politiche e Lettere e Filosofia. La giornata si è chiusa con la presentazione della facoltà di Lettere e Filosofia da parte della prof.ssa Cinzia Bearzot , docente di Storia Greca. Dopo essersi laureata in Filosofia nel 1997 ha intrapreso la carriera giornalistica grazie anche alla Scuola di Giornalismo della Cattolica frequentata nel biennio 1999-2001. L’Open Day prosegue mercoledì 10 con Economia, Scienze Bancarie e Giurisprudenza e si concluderà giovedì 11 con la presentazione delle facoltà di Psicologia, Sociologia e Scienze della Formazione.

 

Open day, una scelta per il futuro

Le domande e le emozioni di oltre 600 studenti delle scuole superiori 04 febbraio 2010 Si è parlato di crisi finanziaria e federalismo fiscale, di alimentazione, sicurezza, ambiente e sostenibilità. È stato questo l’obiettivo centrato dall’Open day Open mind che ha affollato gli spazi della Cattolica di Piacenza: sono stati oltre 600 gli studenti iscritti ai seminari promossi dalle facoltà di Agraria, Economia, Giurisprudenza e Scienze della Formazione. Come Paolo, quarto anno dello scientifico, che non aveva mai messo piede in un’università, e che da grande vorrebbe studiare economia in America, magari con il Double Degree: «Ero curioso di vedere l’ambiente, di capire com’è fatta un’università». Gli fa eco Francesco, suo compagno di classe, colpito dalla lezione sulla crisi finanziaria: «Un intervento molto interessante, affrontato con un linguaggio comprensibile, su un tema di grande attualità di cui non si parla a scuola. Un gruppetto di studentesse del liceo di Scienze Sociali fermo davanti all’aula 12, dove si è tenuto l’incontro di Scienze della formazione non ha dubbi: «La lezione è stata molto motivante. Molti gli studenti che hanno chiesto alla tutor di Scienze della Formazione Anna Debè informazioni sulle prospettive occupazionali: «Grande l’interesse per il tirocinio e lo stage, che contraddistinguono la nostra laurea triennale». Alessandro Candido , dottorando di ricerca in Diritto Costituzionale e coinvolto per lo stand di Giurisprudenza, ha ricevuto molte domande sull’offerta formativa, sugli esami, sull’organizzazione della facoltà.

 

Tbc, vietato abbassare la guardia

L'agente responsabile della tubercolosi, il Mycobacterium tuberculosis, si trasmette da un soggetto con infezione a livello polmonare (forma di gran lunga più frequente) ad altri attraverso le goccioline di saliva emesse con starnuti, colpi di tosse e fonazione. Il trattamento per la MDR tubercolosi prevede l’utilizzo dei farmaci di “seconda linea” e ciò implica tempi di terapia più lunghi, con combinazioni di un maggior numero di farmaci e conseguente maggior rischio di effetti collaterali seri e più numerosi. Nel 2009 circa il 12% dei casi di tubercolosi nel mondo sono stati causati da ceppi MDR. Nel 2008 la percentuale di casi di tubercolosi causata da ceppi MDR in Italia risulta in lieve e costante aumento dal 2004, attestandosi al 3,7% del totale dei ceppi analizzati. Secondo i più recenti dati dell’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS), si stima che i soggetti affetti da tubercolosi nel mondo siano stati nel 2009 circa 14 milioni (pari a 200 casi per 100.000 abitanti), con un numero di nuovi casi stimato pari a circa 9,4 milioni (equivalente a 137 casi per 100.000 abitanti). La maggior parte dei casi si è verificato in Asia (55%) e Africa (30%); in particolare, India e Cina da sole contano circa il 35% dei casi di tubercolosi di tutto il mondo. Riguardo alla situazione in Europa, nel 2008, 50 dei 54 Paesi della Regione europea dell’Oms hanno riportato 461.645 casi di tubercolosi (52,2 per 100.000 abitanti), che rappresentano circa il 6% dei casi di Tbc segnalati dall’Oms a livello globale, sono complessivamente in aumento dal 2004 e coinvolgono principalmente soggetti di età compresa tra i 25-44 anni (42%). Nell’ultimo decennio il numero di casi di tubercolosi in persone nate all’estero è più che raddoppiato, attestandosi a circa il 50% dei casi totali.

 

Cremona, sfiorata quota 200

Al centro dell’iniziativa le presentazioni dei due corsi di laurea di primo livello attivati in sede, Scienze e tecnologie alimentari ed Economia aziendale, a cui si sono aggiunti quattro seminari per sviluppare e approfondire alcuni temi di grande attualità. Per la facoltà di Agraria sono intervenuti il professor Claudio Soregaroli che ha trattato il tema “Il lancio di nuovi prodotti alimentari: quali le chiavi del successo” e il professor Ettore Capri che ha sviluppato l’argomento “La sicurezza alimentare nel terzo millennio”. Durante la mattinata sono stati presentati anche i corsi di laurea attivati dalla facoltà di Psicologia nella sede di Brescia dell’Università Cattolica. Il Servizio orientamento ha distribuito brochure illustrative dei corsi di laurea e tanti simpatici gadget. Le tematiche trattate, data la loro attualità, hanno fornito agli studenti materiale didattico utile per sostenere il prossimo esame di Stato. Grazie all’iniziativa gli studenti hanno potuto immergersi nella vita dell’ateneo e capire cosa vuol dire studiare e vivere in Università Cattolica. open day 2010 winter Facebook Twitter Send by mail.

 

Tbc, una malattia ancora attuale

Nella maggior parte dei casi la tubercolosi interessa i polmoni, anche se qualsiasi organo del corpo può esserne colpito. Secondo i dati dell’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS), si stima che i soggetti affetti da tubercolosi nel mondo siano stati nel 2009 circa 14 milioni (pari a 200 casi per 100.000 abitanti). In Italia nel decennio 1999-2008 i tassi di incidenza di tubercolosi, seppur con notevoli differenze tra la varie regioni, sono stati stabili e inferiori ai 10 casi per 100.000 abitanti, valore che pone l’Italia tra i Paesi a bassa endemia. La fascia di età da 0 a 14 anni è l’unica che ha mostrato negli ultimi anni un leggero aumento, passando da 2 casi su 100.000 abitanti negli anni 1999/2007, ai 2,8 casi su 100.000 abitanti nel 2008. Nell’occasione facciamo il punto su questa malattia riemergente con gli esperti della facoltà di Medicina della Cattolica e del Policlinico Gemelli . Tbc, vietato abbassare la guardia Intervista a Roberto Cauda La tubercolosi in età pediatrica: i bambini rischiano di più Intervista a Piero Valentini e Danilo Buonsenso #world tb day Facebook Twitter Send by mail.

 

Tempo di scelte: l'Open day apre le porte al futuro

PIACENZA Tempo di scelte: l'Open day apre le porte al futuro 13 luglio 2009 “Apri le porte al tuo futuro”: questo lo slogan che ha accolto lo scorso 7 luglio quasi 200 studenti all’Open Day Open Mind della Cattolica di Piacenza. Un appuntamento fisso per le ragazze e i ragazzi che, freschi di maturità, si affacciano a una scelta importante, capace di condizionare il loro futuro professionale. È dal 2001 che la Cattolica di Piacenza propone questa iniziativa, capace di far vivere da vicino alle future matricole l’esperienza dell’università, di far incontrare loro presidi e docenti, tutor e laureati che, inseriti nel mondo del lavoro, danno testimonianza della loro esperienza. Momento centrale dell’Open day le presentazioni della facoltà attive a Piacenza: per Agraria ha parlato il professor Ettore Capri affiancato da Martina Grassi , laureata in Scienze e tecnologie agrarie e attualmente impegnata nel marketing di un'importante azienda produttrice di salumi. Il preside Romeo Astorri , coadiuvato dai professori Stefano Solimano e Claudia Mazzucato , ha illustrato le caratteristiche di Giurisprudenza, seguito dalla testimonianza di Lorenza Boscarelli , avvocato che ha parlato della sua esperienza presso un importante studio legale piacentino. Per Scienze della formazione la presentazione è stata curata dal professor Pierpaolo Triani , affiancato da Chiara Migliorini, laureata in Scienze della formazione e attualmente impegnata presso l'Associazione socio-educativa Kairos, società che opera nel campo dell'educazione dei minori e della formazione permanente. Agli stand delle facoltà e di Educatt i partecipanti hanno potuto raccogliere materiale informativo sull’offerta formativa, sui piani studio, sui servizi e sull’organizzazione della sede, oltre che su borse di studio ed agevolazioni disponibili per gli studenti universitari.

 

Master, una scelta consapevole

Entrare nel mondo del lavoro o specializzarsi ancora di più? Per provare a fugare le perplessità, martedì 14 luglio è stato organizzato l’Open day master, un pomeriggio di orientamento dedicato soprattutto a chi ha appena finito gli studi accademici o a chi vuole aggiungere ulteriori conoscenze alla propria formazione. Lo scopo della giornata – afferma durante la presentazione della giornata Michele Faldi direttore Alta formazione e Alte Scuole – è di dare a chi si è laureato una possibilità di confronto e di paragone fra l’opportunità di frequentare il master o inserirsi subito nel mondo lavorativo». Nel contesto della riforma del sistema universitario infatti la Cattolica ha sviluppato un innovativo sistema di Alta Formazione nel quale, grazie alla multidisciplinarietà e ai radicati legami con la rete culturale e imprenditoriale del territorio, si è dotata di percorsi formativi di elevata e riconosciuta qualità. Il 100% delle aziende intervistate afferma di scegliere i nuovi dipendenti nelle presentazioni in Università o da master che sponsorizza, con un’altissima percentuale di candidature spontanee (96%) e di segnalazioni di docenti (95%). I dati sono condivisi da Mauro Meda , segretario generale di Asfor, che ha ricordato come il master offra facilità di contatto con le aziende e un accesso facilitato al mondo del lavoro, con migliori prospettive di carriera nel lungo periodo e condizioni contrattuali più soddisfacenti. Nel suo intervento Meda ha ricordato che il “buon master” deve avere una faculty accademica di livello e che deve sapersi aggiornare in base alle esigenze del mercato del lavoro con un forte legame con il mondo delle imprese. Per quanto riguarda la Cattolica, negli ultimi due anni, i master della sede di Milano hanno collaborato con circa 900 aziende e istituzioni con oltre 1500 stage offerti; sempre più spesso questi percorsi si arricchiscono di opportunità internazionali, attraverso scambi di studenti e docenti con prestigiose realtà europee ed extraeuropee.

 

Welcome day: il benvenuto alle matricole

Cremona Welcome day: il benvenuto alle matricole 30 settembre 2016 Aula magna affollata, tanto interesse e un po’ di emozione per l’inizio di una nuova esperienza: queste le sensazioni delle matricole che il 22 settembre scorso nella sede di Cremona dell’Università Cattolica hanno partecipato al Welcome Day. Ad accogliere i futuri dottori delle Facoltà di Economia e Giurisprudenza e di Scienze agrarie, alimentari e ambientali., i saluti del Dott. Mauro Balordi, direttore di sede, della dott.ssa Maura Ruggeri, Vice sindaco di Cremona e del dott. Sono intervenuti, il prof. Lorenzo Morelli, Preside della Facoltà di Scienze agrarie, alimentari e ambientali e il Prof. Fabio Antoldi, Coordinatore del corso di laurea in Economia aziendale. Balordi, che ha invitato le matricole a cogliere le opportunità che l’Università Cattolica offre e di sfruttare tutti i servizi a loro disposizione. Il Prof. Morelli ha spiegato l’importanza della ricerca scientifica e come l’Università Cattolica sia fondata sul binomio imprescindibile ricerca-insegnamento, rimarcando l’importanza delle opportunità di studio e di stage all’estero, per imparare e confrontarsi con il contesto internazionale. Ha aggiunto inoltre che docenti e studenti sono una squadra “il successo degli studenti è il successo di tutti”.

 

Università, porte aperte al futuro

ATENEO Università, porte aperte al futuro 16 luglio 2009 Scoprire l’Università Cattolica con le sei facoltà bresciane e i suoi corsi di laurea; conoscere i docenti, gli studenti, i tutor; immergersi nella vita universitaria e capire meglio cosa vuol dire studiare e vivere in Università Cattolica. L’appuntamento è per martedì 7 luglio a partire dalle ore 15 quando, attraverso una serie di presentazioni, i neo diplomati potranno approfondire i contenuti e gli sbocchi professionali dei percorsi di laurea triennale. Si inizia con la presentazione di due realtà collegate ai corsi triennali proposti dalle sede: l’ Istituto superiore di Scienze religiose e il corso di laurea triennale in Infermieristica , attivato presso l'ospedale Poliambulanza di Brescia. Gli studenti che non si accontentano di avere uno sguardo sull’Europa potranno acquisire una formazione internazionale con il curriculum in Relazioni internazionali e potranno studiare oltre all’inglese, francese, tedesco, spagnolo e russo anche la lingua cinese. Attorno alle 17.30, troverà spazio anche la facoltà di Scienze della Formazione che si colloca nel solco della tradizione pedagogica bresciana, ma che non trascura l’apertura verso la realtà produttiva e imprenditoriale. È confermato il percorso triennale in Scienze dell’Educazione e dei processi formativi, che si basa sull’idea di fare dell’educazione una chiave interpretativa e di intervento nella nostra società, assicurando buone prospettive di inserimento lavorativo. Gli psicologi del Cross (Centro di ricerche sull’Orientamento Scolastico e sullo Sviluppo delle organizzazioni) saranno a disposizione per colloqui individuali gratuiti di orientamento alla scelta universitaria.

 

Open Day: in Cattolica va in scena il futuro

Questi alcuni dei concetti emersi negli Open day del 7 e 8 luglio scorsi, che hanno visto protagonisti i neodiplomati interessati ai corsi di laurea attivi presso le tre facoltà dell’Università Cattolica del Sacro Cuore di Piacenza e Cremona: Scienze agrarie, alimentari e ambientali, Economia e Giurisprudenza e Scienze della formazione. Miche Faldi, Direttore dell’Orientamento dell’Università Cattolica del Sacro Cuore, che ha sottolineato come l’ateneo cattolico abbia sempre avuto e abbia tutt’ora “a cuore soprattutto la libertà di educazione”. Faldi, dati alla mano, ha sottolineato la preparazione solida assicurata a chi sceglie l’Università Cattolica “che si affianca alla soddisfazione dei laureati -oltre il 90% di essi si dichiara soddisfatto del corso di studi frequentato- e all’elevata percentuale di occupati.”. “Altro dato importante è l’alta stima che le aziende attribuiscono alla nostra università e ai laureati della Cattolica, terza università italiana per Employer reputation”. Un giudizio molto positivo che deriva dalla preparazione e dalle competenze che i laureati sanno esprimere una volta inseriti nel mercato del lavoro. Le facoltà sono state illustrate da presidi e docenti, supportati dai loro testimonial, giovani laureati capaci di trasmettere con concretezza ed entusiasmo la propria esperienza in università e nel lavoro Ma l’attività di orientamento dell’Università Cattolica di Piacenza non si chiude con l’Open day. A disposizione dei diplomati e delle loro famiglie resta infatti attiva l’area matricole, uno spazio per ricevere informazioni su corsi, contributi universitari e agevolazioni e per consultare gli opuscoli delle facoltà attivate a Piacenza: Scienze agrarie, alimentari e ambientali, Economia e Giurisprudenza, Scienze della formazione.

 
Go top