La tua ricerca ha prodotto 2 risultati per diplomazia:

La cultura come tool diplomatico

cattolicapost La cultura come tool diplomatico L’incontro delle due Coree per le Olimpiadi invernali o la strategia del presidente francese Macron testimoniano che la Cultural Diplomacy è strumento di pace ma anche “braccio armato” del Soft Power di un Paese. Il suo ruolo assume nuove connotazioni, specie in un momento come quello attuale, in cui i social e la tecnologia sembrano essere protagonisti anche in questioni vitali, come si evince dai fatti drammatici degli scenari di guerra aperti. Attingere al patrimonio culturale può essere infatti una soluzione efficace, come ribadisce la Commissione Europea che nel 2016 identifica formalmente la “diplomazia della cultura” come soft power per promuovere crescita e dialogo. In cosa consiste questo approccio e quali sono le possibili realizzazioni? «La Diplomazia della cultura in epoca di interconnessioni globali rappresenta davvero uno strumento dalle molteplici funzioni» osserva Federica Olivares , ideatore e direttore del master in Cultural Diplomacy dell’ Alta scuola in Media, Comunicazione e Spettacolo (Almed) . Essa è, infatti, oggi più che mai un “solvente universale” che può abbattere mura altrimenti impenetrabili e costruire ponti anche fra i più acerrimi nemici. Le Olimpiadi in Corea del Sud del febbraio scorso sono state un clamoroso esempio di utilizzo della cultura sportiva, la Sports Diplomacy, che ha riaperto il dialogo fra le due Coree». Di Diplomazia della cultura, ruolo dei social media, global reputation e carriere internazionali si parlerà in occasione della tavola rotonda organizzata dal Master Cultural Diplomacy, martedì 8 maggio alle 15.30 in via Nirone a Milano , con approfondimenti e proposte da docenti, diplomatici ed esperti di relazioni internazionali.

 

Oltre la diplomazia dei tweet

milano Oltre la diplomazia dei tweet Secondo Sir Ivor Roberts , già ambasciatore britannico a Roma, le relazioni diplomatiche sono più importanti che mai, anche in un tempo in cui il mondo, a partire dalla Siria, è in fiamme, e la politica sembra accadere sui social. È un messaggio di realismo e di speranza quello che Sir Ivor Roberts ha portato nella sua lezione promossa da Alta scuola in economia e relazioni internazionali (Aseri) e da centro di ricerca sulla Cultura e narrazione del viaggio dell’Università Cattolica. Da ultimo, la decisione di Trump di spostare l’ambasciata americana da Tel Aviv a Gerusalemme è stata una mossa controproducente dal punto di vista dell’equilibrio diplomatico. Anche l’annunciato e storico meeting tra il presidente Usa e Kim Jong-Un è il punto d’arrivo di un paziente lavoro di cucitura svolto dalla Corea del Sud e dal suo presidente Moon Jae-In. Siamo giunti a questo punto perché in passato è mancato un adeguato esercizio della diplomazia» è l’opinione di sir Roberts. Se a Douma è stato Assad a far uso di armi chimiche», dice il direttore Aseri, «è impossibile che l’abbia fatto senza l’accordo della Russia, che esercita un’influenza enorme sulla politica del regime. Se la responsabilità è russa, quindi, è la Russia che si sarebbe dovuta colpire: si è scelto di non farlo, dando un ampio preavviso dell’attacco, che quindi non ha avuto alcuna conseguenza concreta per Putin».

 
Go top