La tua ricerca ha prodotto 3 risultati per festapatronale:

Sacro Cuore, perché è qui la festa

ateneo Sacro Cuore, perché è qui la festa L’Ateneo oltre all’aggettivo “Cattolica” ha anche una intitolazione speciale nel suo nome. Le iniziative nelle sedi che, tranne il campus di Roma, resteranno chiuse venerdì 28 giugno by Agostino Picicco | 17 giugno 2019 L’Università Cattolica celebra venerdì 28 giugno la festa patronale in occasione della Solennità del Sacro Cuore a cui è dedicata. Come mai l’Università Cattolica, che iniziò i suoi corsi nel 1921, fu intitolata al Sacro Cuore? Questo particolare culto si diffuse particolarmente nel secolo XVII ad opera di san Giovanni Eudes (1601-1680) e soprattutto di santa Margherita Maria Alacoque (1647-1690). Su esortazione di papa Pio IX nel 1876 nacque un movimento di “Atti di consacrazione al Cuore di Gesù”, che vedeva la consacrazione non solo delle famiglie ma anche di intere Nazioni a opera delle Conferenze episcopali. Fu proprio grazie all’insperato aiuto di padre Gemelli che, nel 1917, nel pieno della Prima Guerra Mondiale, Armida si attivò per la consacrazione dell’esercito italiano al Sacro Cuore, con l’invio al fronte di pacchi di cartoline, immagini sacre, bandierine, preghiere e opuscoli con le istruzioni ai cappellani militari. Del resto, fu nel nome del Sacro Cuore che Armida riuscì a farsi dare dal conte Ernesto Lombardo il milione che serviva per l’acquisto dello stabile di via Sant’Agnese, prima sede dell’Università. In occasione della Festa del Sacro Cuore, la compagnia teatrale “Ai due chiostri” , composta da oltre 60 studenti della sede di Milano, porta sul palco dell’Istituto Canossiano il 22 e il 25 giugno “ La visita della Vecchia signora ” , “commedia tragica” scritta da Friedrich Dürrenmatt nel 1955.

 

Giuliodori: formare vere personalità

L’omelia dell’assistente ecclesiastico generale dell’Università Cattolica in occasione della celebrazione eucaristica per la Solennità del Sacro Cuore 26 giugno 2019 Pubblichiamo il testo integrale dell’omelia dell’assistente ecclesiastico generale dell’Università Cattolica tenuta il 25 giugno in occasione della celebrazione eucaristica per la Solennità del Sacro Cuore, patrono dell’Ateneo. Quali sono le grandi opere che il Sacro Cuore compie in questa istituzione accademica a lui consacrata per cui possiamo ringraziarlo? Penso che l’elenco potrebbe essere molto lungo, più di quello che possiamo immaginare e di cui siamo realmente consapevoli. È questo essere e agire con l’ardore del Cuore di Gesù che ci consente di avere uno sguardo profondo e premuroso che sa capire, accompagnare e, soprattutto, amare i nostri giovani. Ma il Buon Pastore fa ancora qualcosa di più, come evidenziato sia nella prima lettura che nel Vangelo: «Andrò in cerca della pecora perduta e ricondurrò all'ovile quella smarrita, fascerò quella ferita e curerò quella malata, avrò cura della grassa e della forte; le pascerò con giustizia». Gli ho chiesto che cosa facesse ancora lì visto che erano quasi le 21.00 e mi ha risposto: “In questi chiostri si studia meravigliosamente perché sono rassicuranti e ti danno quella pace interiore che rende anche la fatica dello studio più agevole e soprattutto l’anima respira e si rigenera”. A questo primo aspetto di lode, la liturgia ne aggiunge un secondo: attingere all’abbondanza dei doni del Sacro Cuore, cioè chiedere che ci sostenga con la sua grazia negli impegni e nei progetti che abbiamo in cantiere. Ogni vera espansione però ha bisogno di un di più di responsabilità e generosità, perché prima, e più delle strutture, deve crescere la capacità progettuale, la collaborazione, lo stile comunitario, nella fedeltà allo spirito originario e al mandato attuale della comunità ecclesiale di cui l’Ateneo è espressione.

 

Festa del Sacro Cuore 2018

Ateneo Festa del Sacro Cuore 2018 In tutte le sedi dell’Ateneo le sante messe per la festa patronale dell’Università Cattolica. Nella sede di Roma, martedì 12 giugno, la celebrazione eucaristica sarà presieduta dal neo-cardinale Angelo De Donatis , vicario del Papa per la diocesi di Roma. maggio 2018 In occasione della Solennità del Sacro Cuore, che la Chiesa celebra venerdì 8 giugno, sono previsti un tutte le sedi dell’Ateneo momenti di preghiera e di festa. Mercoledì 6 giugno alle ore 16 monsignor Giuliodori presiederà la celebrazione eucaristica per tutta la comunità universitaria della sede di Milano . La festa patronale dell’Ateneo si concluderà alle 20 al Teatro San Carlo (Via Morozzo della Rocca, 12) con la rappresentazione teatrale della Compagnia “Ai due Chiostri”: Madre Coraggio e i suoi figli di Bertolt Brecht. Nel campus di Piacenza si terrà la santa messa si terrà mercoledì 6 giugno nella Cappella dell’Università e sarà presieduta dall’assistente spirituale della sede monsignor Luciano Baronio . Alle 18.30, nella Chiesa centrale, la celebrazione eucaristica presieduta dal cardinale Angelo De Donatis , Vicario Generale di Sua Santità per la Diocesi di Roma, concelebrata dall’assistente ecclesiastico generale dell’Ateneo monsignor Claudio Giuliodori .

 
Go top