La tua ricerca ha prodotto 2 risultati per fintech:

FinTech, l’Ateneo nel pool Ue

milano FinTech, l’Ateneo nel pool Ue Antonella Sciarrone Alibrandi , docente di Diritto bancario, è l’unica italiana tra gli esperti del Rofieg , il gruppo di lavoro istituito dalla Commissione europea per contribuire ad aumentare la concorrenza e l’innovazione nel settore finanziario. giugno 2018 C’è anche un po’ di Università Cattolica nel pool di esperti impegnato a sviluppare una strategia regolatoria europea per il FinTech. Il Rofieg , acronimo che indica l’ Expert Group on Regulatory Obstacles to Financial Innovation , è stato istituito a fine maggio dalla Directorate-General Financial Markets della Commissione europea , così come previsto dall’Action Plan sul FinTech dell’8 marzo 2018 volto a sviluppare l’innovazione e aumentare la concorrenza nel sistema finanziario europeo. Tra i 15 membri , provenienti dal mondo accademico, degli operatori e delle istituzioni, figura la professoressa Antonella Sciarrone Alibrandi , docente di Diritto bancario nella facoltà di Scienze bancarie, finanziarie e assicurative dell’Università Cattolica nonché pro rettore dell’Ateneo, unica rappresentante italiana e una delle quattro donne che ne fanno parte. Con FinTech (Financial Technology) si indica la nuova tecnologia applicata al mondo della finanza, ossia l’offerta di servizi di finanziamento, di pagamento, di investimento e di consulenza ad alta intensità tecnologica anche da parte di soggetti diversi dai tradizionali intermediari finanziari. L’Ateneo di largo Gemelli è stato tra i primi in Italia a istituire il master in Digital Innovation & Fintech: la trasformazione digitale nel settore bancario e assicurativo . Internet of Things, Cloud Computing, Big Data e Analytics, Blockchain : sono solo alcune delle principali innovazioni che stanno trasformando l’industria finanziaria nel suo complesso, stravolgendo sia modelli di business consolidati sia il mondo professionale.

 

FinTech, professione assicurata

Cattolicapost FinTech, professione assicurata Le testimonianze di Salvatore Guzzo e di Beatrice Dallera che, dopo il master in Università Cattolica, hanno trovato lavoro negli istituti di credito e nei servizi bancari. I dati parlano chiaro: l’anno scorso nel settore a livello mondiale sono stati investiti oltre 36 miliardi di dollari con un incremento di circa il 148% rispetto al 2017 e un numero di operazioni record che ha ormai superato le 2.300 unità . Grazie al master ho avuto l’opportunità di avvicinarmi a tematiche di cui ignoravo l’esistenza e di poter partecipare a laboratori innovativi e molto interessanti come quello di SAS e di IBM relativo a Watson», racconta Salvatore. Una scelta coraggiosa che le ha fatto acquisire nuove competenze e conoscenze grazie al taglio estremamente pratico delle lezioni che l’hanno portata a essere «la prima quota rosa ad essere entrata nel team di Plick e ricoprire la posizione di Junior Digital Project Manager». Il percorso formativo, di durata annuale, si rivolge ai professionisti con alcuni anni di lavoro alle spalle e ai laureati delle facoltà di Economia, Scienze Bancarie, Finanziarie e Assicurative, Scienze Politiche e sociali, Giurisprudenza, nonché di altre facoltà o con titoli esteri equivalenti. Tante, al termine del master, le possibilità di inserimento nel mercato del lavoro sempre più alla ricerca di Startupper di FinTech , di Digital Specialist , di Digital Officer , di Innovation Officer , di Data Analyst , di Information Manager , di IT Manager e IT Compliance Specialist . Nel contesto attuale diventa sempre più cruciale la necessità di figure professionali in possesso di digital skills , competenze gestionali, statistiche e informatiche capaci giocare un ruolo attivo nella trasformazione digitale», ha spiegato Chiara Frigerio , vice direttore del master e docente di Organizzazione Aziendale all’Università Cattolica.

 
Go top