La tua ricerca ha prodotto 17 risultati per media:

Le voci dei nostri reporter

Giornalismo Le voci dei nostri reporter Hanno frequentato la scuola di giornalismo dell’Università Cattolica e sono in prima linea, su diverse testate, nel racconto della pandemia da Coronavirus. Perché in tempi di pandemia, pochi settori restano in crescita e sono così popolari come i media, soprattutto on line. Non toccati dai decreti che impongono l’arresto alla produzione industriale e del terzo settore, sono riusciti a trasferire quasi tutte le loro produzioni sul digitale e, per quanto riguarda il broadcasting , hanno ridotto al minimo l’emissione in studio, dirottando la loro attività redazionale in modalità smart-working. In ogni caso, al desk, come fisicamente sul campo, la copertura di questa crisi sanitaria globale è molto onerosa, in termini di tempo speso, energie e sforzi intellettuali. E quando si tratta di giornalisti praticanti e di strutture che si occupano di didattica del giornalismo, esserci e continuare a studiare e lavorare è un imperativo, soprattutto in tempi epocali come questo. Così il master in giornalismo dell’Università Cattolica si è subito adeguato al sistema di e-learning e, dall’inizio di questa crisi sanitaria, non si è mai fermato.

 

Il calcio è in fuorigioco?

milano Il calcio è in fuorigioco? Mercoledì 15 febbraio la presentazione del decimo rapporto curato da Focus in Media e OssCom e promosso da Fondazione per la Sussidiarietà sulla disaffezione del pubblico italiano nei confronti del pallone. Il rapporto riguarda la relazione tra sport (il calcio, in particolare), etica e media, e si intitola “Il calcio in fuorigioco? Indagine sulla disaffezione del pubblico italiano nei confronti del sistema calcio” . La ricerca, affidata a una équipe di sociologi ed esperti di giornalismo sportivo, ricostruisce i principali mutamenti che investono il mondo del calcio a livello internazionale e nel contesto italiano, cercando di mettere in luce le specificità del nostro Paese. In particolare due vicende hanno segnato la storia recente del calcio in Italia: il “doping amministrativo”, con i suoi illeciti, e la complessa vicenda dei diritti televisivi da cui il sistema calcistico italiano dipende più di ogni altro grande sistema europeo. sport #calcio #media #audience Facebook Twitter Send by mail Print.

 

Siamo tutti influencers

Piacenza Siamo tutti influencers 02 novembre 2017 Cosa hanno in comune Papa Francesco, Chiara Ferragni e uno studente di Content &; Digital Marketing? Facile, sono tutti influencers. Il focus sulla figura dell’influencer spetta alla Food Blogger Giulia Golino, che descrivendo gli elementi dell’influenza (authority, knowledge, position e relationship) ne riconosce diversi livelli e conclude: “ognuno di noi è un’influencer, perché con le proprie opinioni e scelte esercita un’influenza sui propri followers, indipendentemente da quanti siano.”. Si tratta quindi di scalare i livelli di influenza e conquistarsi fiducia e credibilità, e grazie a queste gli influencers sono la soluzione vincente per garantire all’azienda visibilità e fidelizzazione, rafforzare la visibilità del brand, migliorarne la reputazione o incrementarne lo “human touch”. universita #marketing #influencer #social media Facebook Twitter Send by mail Print.

 

Milano capitale europea dei media

cattolicapost Milano capitale europea dei media Per la prima volta in Italia e in Cattolica, la European Media and Communication Doctoral Summer School ha accolto 44 dottorandi provenienti da un network di 22 atenei. I video-contributi di Nico Carpentier, Fausto Colombo, Sonia Livingstone e Montse Bonet by Elisa Ballerini | 08 settembre 2016 Quarantaquattro dottorandi provenienti da 38 differenti Paesi del mondo, 23 docenti e ricercatori, circa 35 interventi di esperti di 22 Università europee. Sono i numeri della Doctoral Summer School “European Media and Communication”, che l’Università Cattolica ha organizzato e accolto nella sede di Milano, per iniziativa del dipartimento di Scienze della Comunicazione e dello Spettacolo dell’Università, in collaborazione con European Communication Research and Education Association (Ecrea). La Summer School fondata nel 1990 da un consorzio di 10 università europee, ciascuna delle quali con cadenza annuale ha ospitato la scuola estiva nel proprio Campus, dal 2013 al 2015 si è spostata al Zemki, Centro per i Media, Communication and Information Research dell’University of Bremen, in Germania. In attesa della prossima edizione 2017, quest’anno, la Summer School ha dato la possibilità ai partecipanti di approfondire il tema degli European Media, guardandolo da prospettive estremamente differenti, alternando lezioni innovative e interattive di teoria, workshop, attività di gruppo e dibattiti internazionali con uno continuo scambio interculturale. La mission fondamentale dell’iniziativa non è erogare semplicemente lezioni tradizionali bensì un co-working tra tutti i partecipanti e unire un gruppo altamente selezionato e qualificato di dottorandi e senior lecturers da differenti paesi Europei per uno scambio di prospettive e interculturalità. media #milano #summerschool #dottorandi Facebook Twitter Send by mail Print IL PARTERRE DEGLI ESPERTI I relatori durante il corso si sono alternati hanno portato un contributo originale da paesi e campi diversi: dal Journalism , dalla Public Sphere ai Media Practiece , da Information a Social Media.

 

La comunicazione responsabile è il “tu”

festival dela dignità umana La comunicazione responsabile è il “tu” Nell’epoca dei social, dobbiamo indossare non lo strumento per contare i passi, ma quello che conta gli ‘io’ che pronunciamo. Per questo è importante cogliere i problemi legati alla comunicazione, soprattutto in un contesto universitario che stimola e agevola la riflessione sulle parole». È l’appello lanciato da Silvano Petrosino , docente di Filosofia della comunicazione e Filosofia morale nella sua brillante conversazione sul tema “ La mistificazione dei Social. Una lezione aperta, quella del 2 ottobre, che rientrava nell’ambito degli eventi del Festival della Dignità Umana e riguardava un argomento oggi molto sentito, un tema civile che incide nel tessuto sociale, come ha detto il professor Roberto Cicala , docente del laboratorio di editoria, nell’introdurre l’incontro. Per il professor Petrosino, in via preventiva, occorre evitare di cadere nella trappola di considerarsi pro o contro i social, dire se la Rete sia buona o cattiva, se si stava meglio prima (che non è neppure vero). La nostra comunicazione tende ad essere autoreferenziale, a mettere sempre al centro quello che si fa: «Dobbiamo indossare non tanto lo strumento per contare i passi, ma uno strumento che conta gli ‘io’ che pronunciamo. Comunicazione responsabile allora anche tramite le parole: «In definitiva le parole sono tutto quello che abbiamo, perciò è meglio che siano quelle giuste», ha concluso il prof. Petrosino citando R. Carver.

 

Ge.Co va in scena a Supernova

Brescia Ge.Co va in scena a Supernova Una performance di Slam poetry ha evidenziato come la tecnologia possa essere al servizio della parola. Nuovi aspetti della comunicazioni che sono al centro dell’attività formativa della laurea magistrale Geco. by Bianca Martinelli | 05 ottobre 2016 Anche l’Università Cattolica è stata tra i protagonisti di Supernova , il festival bresciano dedicato all’innovazione tecnologica. Lo spirito dell’iniziativa è stato ben riassunto dal prof. Ruggero Eugeni , coordinatore del Ge.co: « L’Università Cattolica è stata parte attiva di un’importante iniziativa all’interno del tessuto urbano e accanto alle principali realtà bresciane. Grazie a Ge.Co l’intero Ateneo è stato protagonista e ha potuto illustrare le proprie attività didattiche e di culturali». geco #universita #comunicazione #media Facebook Twitter Send by mail Print.

 

Generazione Holly e Benji

I risultati della ricerca coordinata da Osscom 18 settembre 2009 «Noi, quelli che…»: Lascia o raddoppia per i sessantenni, Carosello per i cinquantenni, DriveIn per i trenta/quarantenni, Holly e Benji per gli adolescenti e ventenni di oggi. Tuttavia molti studiosi, come per esempio il sociologo Alberto Marinelli , intervenuto alla tavola rotonda finale del Convegno - insieme a Renato Fiocca , docente di marketing della nostra università e Alessandro Rosina , professore di demografia - invitano alla prudenza nell’attribuire le cause delle differenze alla solo diffusione delle tecnologie. Guardando oltre le schematizzazioni del dibattito giornalistico, gli interventi di Piermarco Aroldi e Fausto Colombo hanno proposto di ripensare l’idea di generazione secondo un approccio multidimensionale, in cui al dato anagrafico si unisce l’importanza dei tratti biografici, storici e culturali. In questo articolato quadro interpretativo si è inserita la presentazione di alcuni risultati più in dettaglio provenienti dalla ricerca condotta dal pool di atenei italiani (le Università degli studi di Urbino, di Trento, di Bergamo, e La Sapienza di Roma). Una generazione, quella degli anni Ottanta (oggetto di uno speciale approfondimento della ricerca), che attraverso gli scrittori sembra avere messo in scena proprio la difficoltà a coagulare un “noi” e – attraverso quel noi – una visione del futuro condivisa. In particolare, l’intervento di Luca Rossi e Matteo Stefanelli ha permesso di descrivere in profondità le “retoriche” e i cosiddetti “repertori culturali” presenti nei vissuti dei quattro gruppi, attraverso il supporto di alcune “mappe memoriali” in grado di rappresentare schematicamente la diversificazione e complessificazione delle ricostruzioni mediali generazionali. Repertori implicati e “agiti” da complessi processi sociali di differenziazione e autodefinzione, ma anche serbatoi di riferimenti condivisi “di per sé”, come ancoraggi dell’identità e - attraverso la memoria - della propria posizione nel continuum della Storia.

 

Il sorriso di Giorgio

Borse di studio Il sorriso di Giorgio Per ricordare il figlio prematuramente scomparso a un mese dalla laurea in Linguaggi dei media, i suoi genitori hanno finanziato quattro borse di studio che sono state assegnate a studenti con disabilità della sede di Milano. Sono state assegnate giovedì 22 ottobre dall’Associazione “Il sorriso di Giorgio”, creata dai genitori con la finalità di ricordare il figlio scomparso prematuramente un mese dopo aver conseguito la laurea triennale in “Linguaggi dei media” all’Università Cattolica. Barbara Contini (Filologia moderna), Milovan Vuk Ulic (Filologia moderna), Claudia Cominetti (Scienze della formazione) e Valentina Romani (Filologia moderna): i quattro studenti che si sono aggiudicati un premio del valore di 1.500 euro ciascuno al termine di una selezione affidata a un’apposita Commissione. Giorgio sarà contento dell’istituzione di questo premio, anche perché ha sempre definito gli anni della sua permanenza all’Università Cattolica come i migliori della sua vita», ha detto il papà intervenendo alla cerimonia di premiazione. Il professor Giorgio Simonelli, che di Giorgio Scarpazza è stato relatore della tesi, ne ha richiamato alla memoria la vivacità e l’esuberanza che lo distinguevano, dagli interventi in aula alla scelta di dedicare il suo lavoro di tesi a “Striscia la notizia”. Questa cerimonia è una conferma – ha fatto eco il direttore della sede di Milano dell’Università Cattolica Mario Gatti – della missione del nostro Ateneo, un luogo in cui le persone possono crescere e trovare positiva espressione di se stesse. Inoltre è il frutto del lavoro di squadra del personale tecnico amministrativo che ha contribuito all’organizzazione di questo premio».

 

Come nuotare nell’era digitale

CATTOLICAPOST Come nuotare nell’era digitale La rete non è un solo un mezzo, è un luogo: il direttore Comunicazione esterna Eni spiega come muoversi in un ecosistema profondamente mutato e suggerisce sei parole chiave per capire come cambiano le aziende e i media. Foster Wallace guardò la classe dei laureati del Kenyon College e cominciò il discorso così: « Ci sono due pesci che nuotano e a un certo punto incontrano un pesce anziano che va nella direzione opposta, fa un cenno di saluto e dice: “Salve, ragazzi. Per i Millennials – i giovani nati negli anni in cui moriva il XX secolo che oggi sono alle prese con lauree e master – l’acqua è un mondo in piena disruption provocata dal digitale, nel quale nuotano agevolmente. Da pesce che ormai da tre decenni si sposta a colpi di pinne prima nelle redazioni dei giornali, e ora nella comunicazione aziendale, mi permetto di aggiungere un paio di spunti di riflessione. Vi diranno che il web e l’intero mondo digitale in cui nuotate senza affanno non è che un altro medium, come lo sono stati prima di esso la radio o la Tv. Non è un caso che in questo ecosistema digitale stiano avendo successo i social media che utilizzano parole antiche, legate a desideri profondi di felicità di ogni uomo: “like”, piacere, amicizia, affettività (Facebook), oppure “follow”, seguire (Twitter). È il caso anche di un percorso sullo sviluppo dell’imprenditorialità, ideato per partecipanti a corsi avanzati di taglio umanistico-sociale, che, fin dalle sue prime edizioni, ha portato come sviluppo non scontato alla creazione di vere e proprie start up, che oggi operano sul mercato globale, dal Burundi alla Cina.

 

È iniziata l’era delle media-macchine

Per la verità, questa problematizzazione è cominciata da qualche decennio, con l’irruzione della digitalizzazione e la conseguente convergenza fra i vari mezzi di comunicazione, che li ha resi sempre meno distinguibili gli uni dagli altri. Un altro fenomeno tipico della trasformazione attuale dei media consiste nel fatto che alcune piattaforme televisive, come Netflix o Prime Video suggeriscono al loro abbonato titoli della propria offerta basandosi sui prodotti già visti (proprio come fa Amazon nel suggerire un libro, o Booking nel proporre un hotel). Se tuttavia si capiscono bene i vantaggi per le aziende che producono contenuti o semplicemente offrono servizi e aggregano i dati degli utenti, meno chiari sono i rischi che procedure di questo tipo generano per gli utenti. Se il robot è una macchina che aiuta o sostituisce l’uomo nel compimento di azioni, non vi è dubbio che alcuni media a noi congeniali si vanno robotizzando, e altri allo stato nascente assomigliano a robot. È piuttosto evidente che queste apparecchiature, o la loro evoluzione, consentono alcuni passi avanti decisivi per esempio per persone con difficoltà motorie, o di vista, e che comunque facilitano alcune operazioni di vita quotidiana. Due semplici conclusioni possono essere tratte da questa prima ricognizione: la prima è che sono già nati sistemi ibridi fra media, robot e intelligenza artificiale, che vanno modificando la tradizionale definizione di mezzi di comunicazione. La seconda è che le media-macchine nascono all’insegna di un progresso che presenta da subito alcuni lati oscuri, che toccherà alla politica seguire con attenzione e normare a protezione degli utenti, e dell’interesse comune.

 

È morto Gianfranco Bettetini

milano È morto Gianfranco Bettetini È scomparso a 84 anni uno dei fondatori, insieme a Umberto Eco , della semiotica applicata allo studio dei media. Venerdì 13 gennaio, alle 9 i funerali a Milano 12 gennaio 2017 È morto nella sua casa milanese il professor Gianfranco Bettetini . In Università Cattolica ricevette dal 1966 incarichi alla Scuola superiore delle Comunicazioni sociali e alla facoltà di Lettere e filosofia. Con la sua filmografia ha cercato di verificare sul campo alcune delle ipotesi sviluppate nella ricerca e nell’insegnamento: dal rapporto musica/immagine a quello tra realtà e rappresentazione, dal rapporto personaggio/storia a quello fra teatro e cinema. L’attività di ricerca di Bettetini copre vari ambiti, dalla ricostruzione critica della storia della televisione in Italia allo scenario europeo della neotelevisione, dell’industria culturale alle nuove tecnologie. Gianfranco Bettetini ha svolto inoltre una intensa attività di sceneggiatura e di regia presso la Rai dove è stato dirigente del Centro di produzione di Milano, alternandola a regie teatrali, e ha avuto anche molte esperienze di regia teatrale. bettetini #semiotica #eco #media Facebook Twitter Send by mail Print LE ESEQUIE I funerali del professor Gianfranco Bettetini si svolgeranno venerdì 13 gennaio, alle ore 9 nella c hiesa di Santa Maria del Paradiso in corso di Porta Vigentina, 14 a Milano .

 

Tv, la rivoluzione delle donne arabe

MILANO Tv, la rivoluzione delle donne arabe Rafiah al Talei , giornalista e senior producer della tv qatariota al Jazeera , e Xenia Gleissner , direttrice dell’Istituto di ricerca Mahalli, con sede a Londra, raccontano l’influenza della presenza femminile nei media tra conquiste e stereotipi. A raccontare come cambia la loro immagine, al di là di ogni stereotipo, sono state Rafiah al Talei , giornalista e senior producer della tv qatariota al Jazeera, e Xenia Gleissner , direttrice dell’istituto di ricerca Mahalli, con sede a Londra. Ospiti entrambe di un incontro tenuto nell’ambito del corso di Storia e istituzioni del mondo musulmano della facoltà di Scienze politiche e sociali , presieduto dalla professoressa Elena Maestri . Esiste una sempre maggiore domanda femminile di informazione, sia come oggetto (questioni di genere in tv) che come soggetto (maggiore presenza di giornaliste). Quando nelle redazioni, composte esclusivamente da uomini, hanno iniziato a comparire le donne, è stato scardinato il principio sociale che vedeva il giornalismo come mestiere inadatto al genere femminile: fare la reporter o attività redazionale, infatti, occuperebbe tempo che andrebbe invece dedicato a famiglia e figli. Xenia Gleissner, che dopo la laurea in studi islamici a Exeter ha lavorato a lungo in Paesi come Siria ed Emirati Arabi, si è invece concentrata, nel corso del suo intervento, sulle differenze nel panorama mediatico all’interno di una nazione dalla cultura più occidentale come gli Emirati Arabi Uniti. Le cose vanno meglio a Dubai, la città più popolosa del Paese, meta di milioni di turisti ogni anno: lo stile di vita più occidentale favorisce la presenza di donne nel piccolo schermo come giornaliste, conduttrici e reporter.

 

L'uso distorto dei sondaggi

Cremona L'uso distorto dei sondaggi Nando Pagnoncelli , direttore Ipsos Public Affairs , ha parlato agli studenti dell' Alta Scuola di management ed economia agroalimentare della Cattolica di Cremona del ruolo della dieta mediatica degli italiani nella formazione delle opinioni. Detta da Nando Pagnoncelli , direttore Ipsos Public Affairs e tra i principali sondaggisti italiani la frase sembra suonare stonata, ma è solo un apparente paradosso usato per spiegare come, negli ultimi anni, si sia diffuso un uso distorto dei sondaggi da parte, soprattutto, del mondo politico. Sondaggi che per loro natura sono un importante strumento di lettura delle tendenza della società e dei movimenti di fondo che la animano. Da qui la principale spinta all' uso distorto dei sondaggi , che da un lato devono sempre più diventare strumenti di previsione con caratteri quasi divinatori sugli umori degli italiani, e dall'altro lato – il più corrosivo, come ha sottolineato Pagnoncelli – vengono usati come strumenti di comunicazione. Oppure li si accompagna con una comunicazione mirata che alimenta paure e tende a raggiungere elettori incerti e mobilitare cittadini delusi; anche attraverso l'influenza che i sondaggi possono avere sui media. Cosa serve per riequilibrare la situazione? “Intanto chi fa questo mestiere dovrebbe manifestare una maggiore tensione deontologica ed etica, per non piegare i numeri a pressioni di parte” ha detto Pagnoncelli agli studenti Smea concludendo il suo intervento. Infine servirebbe un ritorno all'opera di mediazione che è proprio degli organi di informazione, che non a caso si chiamano "media".

 

Dalla Scuola di Giornalismo alle Iene

milano Dalla Scuola di Giornalismo alle Iene Valeria Castellano , diplomata al master della Cattolica, è entrata nella redazione del programma di Italia 1. Fin da quando mi sono incaponita con la mia inchiesta video sul petrolio in Basilicata e ho litigato con un paio di compagni di classe». Ma, al di là delle caratteristiche della trasmissione di Italia 1, in cui sarà prossimamente impegnata, ha sempre amato il video-giornalismo e l’inchiesta: «Quando ho iniziato la scuola di giornalismo, non sapevo nulla di questa professione. È una scuola che ha cambiato pelle alla fine degli anni Novanta, quando è diventata master, affiancando al praticantato giornalistico convenzionato con l’Ordine professionale nazionale il percorso di specializzazione post laurea del nuovo ordinamento universitario. Nel gruppo degli ex c’è anche un direttore di giornale, Elena Parasiliti , che dirige il mensile Terre di Mezzo , una testata che si occupa di migrazione e integrazione. O come Laura Silvia Battaglia (biennio 2005-2006) che alterna l’attività di insegnamento nella scuola di giornalismo di cui è stata allieva, con corrispondenze di guerra per media inglesi, turchi, svizzeri e libanesi da Paesi del Medio Oriente come Iraq e Yemen. INFO E AGEVOLAZIONI La Scuola di Giornalismo dell'Università Cattolica ha lo scopo di formare giornalisti professionisti in grado di operare nel settore del giornalismo digitale, della carta stampata, della radio e della televisione, con un focus particolare sulla padronanza dei linguaggi del web e delle nuove tecnologie.

 

Media, macchine della memoria

André Lange ne parlava già negli anni Ottanta come delle “nuove istituzioni memoriali”, che avevano sostituito le biblioteche, gli archivi, i musei come strumenti di formazione, di conservazione e di espressione della memoria e quindi dell’identità collettiva. Di più ancora possiamo pensare oggi ai media come dispositivi di memoria e come dispositivi di identità da quattro punti di vista. Lo sono, in prima istanza, perché danno forma alla memoria sociale: attraverso i loro linguaggi, con il loro modo di rappresentare e di raccontare. Pensiamo al ruolo che recentemente i media hanno avuto nella condivisione e nella riattualizzazione della memoria degli eventi di Piazza Fontana. Infine i media sono delle meta-macchine, che rendono evidente il processo dinamico, di decostruzione e di ricostruzione, che presiede alla generazione della memoria, sia essa individuale, sociale o collettiva. Materia dinamica, duttile: manipolabile, per un verso, ma per un altro, come il tema che Papa Francesco ha scelto per la 54° Giornata Mondiale delle Comunicazioni Sociali “Perché tu possa raccontare e fissare nella memoria” (Es 10,2). La vita si fa storia , anche generativa capace di dare forza e di dare vita al passato e al presente e di costituire un formidabile strumento di confronto, di dialogo e di accettazione.

 

Media Education, il Cremit alla Camera

ROMA Media Education, il Cremit alla Camera Il Centro di Ricerca sull’Educazione ai Media, all’Innovazione, alla Tecnologia al convegno promosso dal Ministero dell’Istruzione. Il prof. Piercesare Rivoltella : “Oggi il lettore è anche autore e produttore di forme culturali che è facile socializzare” 03 febbraio 2020 «Oggi il lettore non è più solo lettore, ma anche autore, produttore di forme culturali che è facile socializzare attraverso la pubblicazione». Il problema non è più di trovare spazio per la Media Education nel curricolo (dove? quante ore?), ma di ripensare le discipline e i curricoli sulla base di questi nuovi alfabeti». E ha concluso che «educare alla cittadinanza significa mirare alla costruzione del cittadino, che è l’opposto di costruire il consumatore. Intervenendo al convegno la ministra Lucia Azzolina ha dichiarato: «I nostri ragazzi hanno in mano strumenti potentissimi, sembra che li sappiano usare, ma hanno bisogno di una bussola. Andrea Garavaglia , segretario e membro del direttivo della Società Italiana di Ricerca sull’Educazione Mediale (Sirem) ha commentato: «Le iniziative di formazione e ricerca in Italia sono state realizzate con merito e profitto dal basso per più di vent'anni, anche da molti soci della Sirem. La scuola e le istituzioni educative devono farsi carico di questo bisogno ed è importante che oggi se ne parli nelle sedi ministeriali».

 

Il pendolo impazzito della comunicazione

In realtà il sistema dei media non ha fatto altro che riflettere quell’incertezza dovuta alla gestione politica dell’informazione 28 febbraio 2020 Anche i media in questi giorni sono nell’occhio del ciclone per come hanno trattato l’emergenza da Coronavirus. Pubblichiamo l’analisi che il professor Massimo Scaglioni ha prodotto sull’andamento oscillatorio dell’informazione di Massimo Scaglioni * Si sta parlando molto, in queste ore, di responsabilità della comunicazione e dei media nell’“ affaire coronavirus ”. Come chiunque si occupi di comunicazione sa bene, questa continua oscillazione di toni e contenuti rende la comunicazione stessa del tutto inefficace: è vero tutto e il contrario di tutto. Ma, perdonatemi, mi pare che il sistema dei media non abbia che riflettuto, talvolta, certo, oscillando in maniera ancora più estrema (in certi casi quasi grottesca), quell’incertezza che discende però dalla gestione politica della comunicazione. Insomma, i titoli di Libero , per dire, o alcune dirette dei programmi-contenitore del daytime , van presi per quello che sono, che trattino del virus, dei migranti o di altri temi. Che dipende sicuramente da un certo grado di incertezza che gli stessi medici e scienziati denunciano: ci sono oggettivamente cose che non sappiamo con esattezza, cose che non possiamo prevedere. Ma c’è anche un “di più” che si poteva evitare, in un senso o nell’altro: dalle battute infelici del Presidente del Consiglio sull’ospedale di Codogno alla mascherina (per altro inutile) indossata in diretta streaming dal Presidente della Regione Lombardia.

 
Go top