La tua ricerca ha prodotto 4 risultati per mymentor:

My Mentor, un patto tra generazioni

piacenza My Mentor, un patto tra generazioni Serata conclusiva a Piacenza per il progetto che affianca agli studenti delle lauree magistrali 75 professionisti e manager che li hanno accompagnati in un rapporto di uno a uno. Un’opportunità per affacciarsi sul mondo del lavoro. giugno 2019 Una stretta di mano che è un patto tra due generazioni. Quella dei professionisti, per lo più laureati in Cattolica da alcuni anni, che hanno scelto di mettere al servizio dei più giovani la loro esperienza. E quella degli studenti, che avranno l’opportunità di affiancare chi già lavora in uno di quei settori che rappresentano il loro futuro occupazionale. Dopo l’incontro di lancio del progetto My Mentor , che si è tenuto a gennaio, mentor e mentee si ritroveranno stasera, 18 giugno 2019 a partire dalle 18, presso il Centro Congressi del campus di Piacenza dell’Università Cattolica. Ma cos’è My Mentor? Una forma personalizzata di coaching professionale, che si fonda sul contatto personale e sulla possibilità di confrontarsi in modo diretto, libero e informale con professionisti che possono offrire supporto, consigli e aiuto. Dopo la presentazione dei risultati di progetto e di alcune testimonianze mentor e mentee, è previsto l’intervento di Tommaso Migliore , laureato Cattolica, CEO &; Founder MDOTM che parlerà di “Intelligenza artificiale: applicazioni ed evoluzioni”.

 

Share Experience, Build Opportunities

dicembre 2017 41 manager e 41 studenti fianco a fianco per la Cerimonia di apertura del progetto MyMentor! L’evento dello scorso 1 dicembre è stato l’occasione per “abbinare” ad ogni manager uno studente della laurea magistrale in General Management della Facoltà di Economia e Giurisprudenza . Dai primi giorni del 2018 il manager/mentor guiderà per un semestre in nuove esperienze lavorative e professionali studente/mentee: visite all’azienda, partecipazione a progetti, confronto su prospettive e opportunità di crescita professionale ma anche personale. Un progetto la cui efficacia è stata ben descritta dalla testimonianza di Federica Conti neo-laureata in Gestione d’azienda, che dopo il periodo di mentorship seguito lo scorso anno, ha avuto la possibilità di continuare l’affiancamento con il suo mentor, il Dott. La Cerimonia del 1° dicembre si è aperta con il saluto della preside della facoltà di Economia e Giurisprudenza prof.ssa Anna Maria Fellegara , che ha ringraziato i mentor per il loro importante contributo di tempo, di attenzione e di idee. La preside si è soffermata sull’evoluzione del progetto MyMentor! verso un consolidamento di competenze e di organizzazione per essere sempre più efficaci nell’indirizzare e orientare gli studenti nel loro sviluppo professionale, obiettivo principale della mentorship. La Prof.ssa Cantoni ha poi ricordato le caratteristiche e gli obiettivi del progetto per rinsaldare i quali, quest’anno, è stata richiesta ad ogni studente una lettera di presentazione e di motivazione “ da cui sono emersi profili di studenti determinati, entusiasti, con voglia di fare e di mettersi in gioco” . Il network tra Università, mentor e mentee ha un punto di incontro nella piattaforma MyMentor.club, illustrata dai membri del comitato scientifico Fabrizio Capocasale e Giulio Drei , che ne hanno spiegato le caratteristiche principali sollecitando mentor e mentee ad inviare dei post per stimolare le conversazioni attraverso il portale.

 

My Mentor: prossimo obiettivo, quota 100

Approfittiamo per dire che tutto non torna come prima, perché sapremo tenerci stretto ciò che conta e mettere a frutto ciò che abbiamo imparato». Saluta così la preside della facoltà di Economia e Giurisprudenza Anna Maria Fellegara i 148 mentee e mentor che hanno affollato l’aula virtuale dell’incontro che ha sancito la chiusura della quinta edizione del progetto My Mentor . Un fiore all’occhiello del campus di Piacenza: l’obiettivo che ci vogliamo porre per il 20/21 è il raggiungimento dei 100 mentor da affiancare a 100 mentee» ha sottolineato con soddisfazione il preside della facoltà di Scienze agrarie, alimentari e ambientali Marco Trevisan . Concorda il direttore della funzione stage &; placement, Mauro Balordi , che ha voluto inoltre sottolineare quanto «alcune inedite espressioni di questa esperienza in tempo di emergenza Covid 19 abbiano aiutato tutti ad esprimere al meglio la propria capacità di resilienza». Resilienza che è stata al centro dell’analisi proposta da Christian De Mitri – Ceo della startup dell’hr tech Eggup, che ha illustrato i risultati del progetto Smartcoach4resilience che ha coinvolto mentor e mentee dell’edizione 2019-2020. Attraverso un test hanno potuto misurare il loro livello di resilienza in un periodo di emergenza attraverso la valutazione di 3 indicatori: la capacità di organizzarsi, l’intelligenza emotiva e il pensiero positivo» ha spiegato la professoressa Roberta Virtuani . Dai risultati è emerso che l’aspetto che influisce maggiormente nel rafforzare la resilienza di mentor e mentee è il pensiero positivo, la capacità di considerare i problemi come opportunità per crescere e migliorare affrontando la vita con entusiasmo e curiosità.

 

MyMentor: in cento per crescere insieme

Piacenza MyMentor: in cento per crescere insieme Il progetto di orientamento professionale della Cattolica sfida le difficoltà della pandemia e riparte per la sesta edizione. Il prorettore Antonella Sciarrone : «Un modello da esportare a tutto l’Ateneo» by Sabrina Cliti | 06 novembre 2020 La sesta edizione di MyMentor parte con un’ambizione precisa: diventare un progetto per tutto l’Ateneo, capitalizzando un’esperienza che si è dimostrata vincente. Un invito prontamente raccolto dal prorettore prof.ssa Antonella Alibrandi Sciarrone , che parla di un modello «da esportare a tutto l’Ateneo. Un processo certamente complesso, ma che può far affidamento sull’associazione dei laureati della nostra università». Un progetto che prosegue anche nel 2020/21, nonostante le complicazione della pandemia, ma che anzi proprio per le difficoltà che si aggiungono a causa del Covid 19 diventa, secondo il direttore della funzione Stage e Placement dell’Università Cattolica Mauro Balordi «un’opportunità ancora più importante per rendersi conto delle proprie potenzialità». Prima dell’abbinamento tra studenti e manager, Franca Cantoni docente della facoltà di Economia e Giurisprudenza e Giulio Drei di Value Group, hanno presentato i risultati di un’indagine sull’ impatto dello Smart working nelle PMI. #mymentor #laureati #placement Facebook Twitter Send by mail Print.

 
Go top