La tua ricerca ha prodotto 4 risultati per storytelling:

Scrivere una storia per riscriverla

ottobre 2018 di Erica Gallesi* Dieci sconosciuti, accumunati dalla passione per lo storytelling si ritrovano nella sala conferenze del caratteristico Hotel Dolonne di Courmayeur per assistere alla lezione di presentazione della prima settimana di Summer School Cinema Internazionale . L’opportunità che ci è stata data dall’Università Cattolica grazie al finanziamento vinto con il bando della Siae “Sillumina”, rivolto a progetti di formazione artistica per giovani autori italiani. Cinque di noi partecipano come autori, portando un proprio progetto di lungometraggio o serie tv che è stato selezionato da una giuria di qualità; gli altri cinque intervengono come editor e lavoreranno insieme agli autori sui progetti selezionati. Innanzitutto, è organizzata in collaborazione con la Civica Scuola di Cinema Luchino Visconti e ora si compone di due sessioni, ciascuna di una settimana: una a Courmayeur in giugno, la seconda a Rimini in settembre. Nel 2016 avevo avuto la fortuna di poter partecipare come editor a una precedente edizione della Summer School organizzata dall’Almed a Torchiara, nel Cilento, e lì ho capito cosa volessi fare una volta terminata l’università: la sceneggiatrice. Masters of Florence , coproduzione Rai-Netflix; Roberto Jannone , autore, regista e producer di Telemilano e poi Canale 5 e Luisa Cotta Ramosino , sceneggiatrice e creative producer di numerosi e importanti progetti nazionali e internazionali ( Distretto di polizia , Medici, Master of Florence …). Abbiamo imparato davvero molto e i nostri soggetti sono maturati grazie alle due settimane di Summer School: sicuramente c’è ancora tanto da imparare, ma è stata un’ottima occasione di crescita che, si spera, porterà ulteriori buoni frutti.

 

Save the Cut, la startup nata sui banchi

cattolicapost Save the Cut, la startup nata sui banchi La storia di Bianca Sartirana e Federico Caponera è quella di un incontro al master in Scrittura per la fiction e il cinema , che è diventato una famiglia e un’avventura professionale : un’agenzia di comunicazione basata sullo storytelling sempre e comunque. Soprattutto l’utilizzo dello storytelling sempre e comunque: che si tratti di un video, di un sito, di una campagna. “Trasformare la comunicazione in cinema”: un concetto affascinante, ma c’è qualcosa che non può diventare “opera d’arte”? «Siamo convinti che il modo di comunicare qualcosa sia, talvolta, più importante del messaggio stesso. Bisogna cercare un progetto veramente originale, che sappia inserirsi in ambiti non ancora esplorati e circondarsi di una squadra di persone professionalmente capaci, affidabili e umanamente valide, perché i momenti di stress e di fatica, inevitabili per una start-up, si superano sempre insieme alla squadra. Il progetto è l’esito di un contest che abbiamo realizzato a marzo 2016 e a cui hanno partecipato in gara molti giovani professionisti. Abbiamo avuto modo di approfondire, sia nella teoria che nella pratica, le lezioni di numerosi esperti di sceneggiatura, da Robert McKee a John Truby , da Dara Marks a Christopher Vogler . Senza dimenticare i contatti che ci siamo creati grazie al master, sia per quanto riguarda ruoli tecnici e creativi, sia dal punto di vista delle aziende e dei professionisti con cui siamo entrati in contatto durante i mesi in Cattolica e che abbiamo potuto incontrare nuovamente in seguito».

 

Niente libri, siamo autori

Nella tavola rotonda di “Editoria in progress 2016” quattro storie ed esperienze di storytelling applicate ai più diversi ambiti lavorativi. La capacità di creare storie è infatti sempre più utilizzata nella costruzione dell’identità di un’azienda e nella realizzazione di campagne di comunicazione, oltre che nel cinema, nella televisione, alla radio. Lo raccontano Claudia Del Giudice , Andrea Fontana , Tiziano Bonini e Davide Pinardi nell’incontro “Niente libri, siamo autori! Vivere di scrittura e storytelling” che avrà luogo all’Università Cattolica martedì 19 aprile alle 17. Dalle loro voci, quattro testimonianze di forme di scrittura professionale ed esperienze di storytelling applicate ai più diversi ambiti lavorativi. Andrea Fontana è managing director di Storyfactory e tra i maggiori esperti di corporate storytelling; insegna Storytelling e narrazione d’impresa all’Università di Pavia. Davide Pinardi è docente di Tecniche di narrazione e autore di sceneggiature per il cinema e la televisione; ha scritto sia opere di narrativa sia saggi sulla comunicazione d’impresa. Chi le pensa e le scrive non fa altro che servirsi di competenze e abilità specifiche: dalla gestione dei testi alla loro strutturazione e all’ideazione di una trama avvincente e originale, è molto interessante capire fin dove la produzione narrativa sia in grado di spingersi nel mondo del lavoro.

 

Storytelling sulle strade della California

Un corso intensivo di storytelling di una settimana, che si è tenuto a giugno al Menlo College in California, nei pressi della cittadina di Palo Alto, al cuore della Silicon Valley. Dopo un’introduzione alla storia della nascita del cinema e dello studio system hollywoodiano, la docente ha esposto le tecniche di creazione di personaggi che siano in grado di coinvolgere emotivamente lo spettatore. Gianfranco Cordara , vice president di Disney Publishing Worldwide a Los Angeles (laureato in Filosofia in Cattolica ed ex allievo dei primi corsi di sceneggiatura dell’Ateneo) ha tenuto una lezione sull’aspetto più commerciale e di consumo dei prodotti legati al mondo dell’entertainment. La Summer School non ha soltanto visto l’alternarsi di lezioni tenute da grandi nomi del mondo dell’entertainment, ma ha anche permesso di conoscere la città di San Francisco, grazie alla guida esperta di Matt Bowman dello Zephyr Institute e di Judy Romea e Carolyn Manion . Un’intera giornata è stata dedicata a esplorare una delle città più caratteristiche degli Stati Uniti, con le sue tipiche case vittoriane e le sue ripide vie, il maestoso Golden Gate Bridge e la cittadina portuale di Sausalito al di là della baia. Il corso è stato particolarmente utile per comprendere l’importanza dello storytelling nella vita di tutti i giorni e ha fornito degli importanti elementi di introduzione alle professioni dell’entertainment. Conoscere le tecniche di ideazione e scrittura di una storia è quindi ormai diventato un requisito importantissimo per chiunque voglia comunicare in una società complessa come quelle in cui oggi viviamo.

 
Go top